Home / Beniamino Bonardi (pagina 4)

Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Australia, multa da 1,4 milioni di euro a Heinz per snack per bambini con il 60% di zucchero pubblicizzati come “99% di frutta e verdura”

Il tribunale federale australiano ha condannato Heinz, uno dei maggiori gruppi alimentari mondiali, al pagamento di una multa di 2,25 milioni di dollari australiani, pari a circa 1,4 milioni di euro, per pubblicità falsa e ingannevole. L’accusa era di aver promosso degli snack a base di frutta e verdura disidratate sostenendo che facevano bene alla salute dei bambini tra uno …

Continua »

Brasile, un tribunale annulla la sospensione delle autorizzazioni all’utilizzo del glifosato

Un tribunale brasiliano ha annullato la decisione con cui a inizio agosto un giudice di Brasilia aveva disposto la sospensione dell’utilizzo dell’erbicida glifosato, stabilendo anche che non avrebbero potuto essere registrati nuovi prodotti contenenti questa sostanza e che le autorizzazioni esistenti avrebbero dovuto essere sospese entro 30 giorni. Il divieto, che riguardava anche l’insetticida abamectin e il fungicida thiram, avrebbe dovuto …

Continua »

La dieta mediterranea è uno scudo salvavita anche per gli over 65. Pubblicata una ricerca di Neuromed

dieta mediterranea condimenti olive vegetali

“La dieta mediterranea resta un autentico scudo salvavita, in grado di ridurre sensibilmente il rischio di mortalità anche nelle persone meno giovani. E questo nonostante la dieta mediterranea sia notevolmente cambiata nel corso degli anni, per via dell’ingresso nelle nostre dispense di prodotti della grande distribuzione alimentare e di uno stile di vita profondamente diverso da quello dei contadini del …

Continua »

Residui di farmaci vietati nella carne, negli Usa fanno discutere i risultati di centinaia di test. Governo e allevatori contro un articolo di Consumer Reports

Negli Stati Uniti fanno molto discutere i dati governativi ottenuti da Consumer Reports sui risultati dei test relativi ai residui di farmaci negli animali da allevamento. Secondo l’organizzazione dei consumatori è lecito sollevare preoccupazioni sul modo in cui pollame, bovini e maiali vengono allevati, su come il governo federale controlla la carne di questi animali e su come investiga le …

Continua »

Acquacoltura: innovazioni e problemi illustrati al congresso mondiale tenutosi in Francia. Più della metà del pesce consumato è d’allevamento

acquacoltura

In Europa, da una parte l’acquacoltura fatica a decollare a livello industriale, dall’altra dimostra una forte tendenza all’innovazione, necessaria anche per cercare di superare le obiezioni che ne frenano lo sviluppo, riguardanti fondamentalmente l’impatto ambientale dell’allevamento di pesci in acqua salata o dolce, e la loro salute a causa degli spazi ristretti. Proprio per fare il punto sulla situazione attuale …

Continua »

Etichette nutrizionali: uno studio indica come influenzano la scelta delle porzioni. La proposta dell’industria alimentare risulta la peggiore

etichetta a semaforo nutri-score logo industria studio

Uno studio pubblicato dalla rivista Nutrients ha verificato quale impatto le diverse etichette nutrizionali semplificate, che i produttori possono apporre volontariamente sul fronte delle confezioni alimentari, hanno sulla scelta delle dimensioni e del numero delle porzioni da parte dei consumatori, in particolare per quanto riguarda i prodotti meno salutari. I risultati indicano che l’etichetta con il miglior impatto è quella …

Continua »

Spagna, otto milioni di euro da Coca-Cola a organizzazioni mediche e scientifiche. Articoli sull’obesità allineati con le strategie di marketing

Beautiful cold drink of Cola with ice cubes with a boiler straws in glasses on wooden background with free space

Coca-Cola ha versato otto milioni di euro, tra il 2010 e il 2017, a decine di organizzazioni mediche e scientifiche spagnole e una ricerca accusa la compagnia di finanziare studi che servono i suoi interessi commerciali. Lo scrive il quotidiano El Pais, sulla base dei dati della stessa società, da cui risultano finanziamenti alla Fundación Iberoamericana de Nutrición (835 mila …

Continua »

Il governo inglese verso il divieto di vendita degli energy drink ai minori. Consultazione pubblica sulle modalità del provvedimento

energy drink lattine

Il governo inglese vuole vietare la vendita degli energy drink ai minori. Per questo ha avviato una consultazione pubblica che si concluderà a fine novembre, per decidere l’estensione del provvedimento e le modalità. In particolare, l’esecutivo chiede se il divieto dovrà riguardare i minori di 16 anni, come già fanno volontariamente molte grandi catene di supermercati, o essere esteso ai …

Continua »

Lo zucchero preoccupa più dei prezzi. I risultati di un’indagine sui britannici

La britannica Food Standards Agengy (FSA) ha pubblicato i risultati della sua inchiesta biennale sulle principali preoccupazioni alimentari degli abitanti di Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord, e su quale sia il loro grado di consapevolezza in merito ai rischi legati alla sicurezza alimentare. Le problematiche che sollevano le maggiori preoccupazioni vedono in testa la quantità di zucchero in cibo …

Continua »

Meno bevande zuccherate ai bambini e vietate le cannucce di plastica nei ristoranti: le nuove leggi al via in California

coca cola bevande gassate bibite zuccherate

Grazie a due leggi appena approvate, la California è il primo Stato Usa a introdurre due nuovi divieti parziali per i ristoranti, uno riguardante i menu per i bambini e l’altro le cannucce di plastica. Per quanto riguarda il primo tema, la normativa vieta ai ristoranti di includere bevande zuccherate nei menu destinati ai bambini, che nelle opzioni base potranno …

Continua »

Cambiano i contributi alimentari per i celiaci: aumentano per i bambini e calano per gli adulti

etichetta alimenti supermercato donna

Sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il decreto del Ministero della Salute sui limiti massimi di spesa per l’erogazione dei prodotti senza glutine per i malati di celiachia, che si basa sulla considerazione che “il celiaco deve seguire una dieta varia ed equilibrata con un apporto energetico giornaliero da carboidrati stimabile in almeno il 55%, che deve derivare anche da alimenti naturalmente …

Continua »

Usa, livelli preoccupanti di metalli pesanti in alimenti per bambini al di sotto dei tre anni

L’organizzazione statunitense Consumer Reports ha analizzato 50 prodotti per l’infanzia e i bambini piccoli per verificare la presenza di metalli pesanti, in particolare di cadmio, mercurio, piombo e arsenico inorganico, il più pericoloso per la salute. I test hanno riguardato snack, cereali, primi piatti pronti, frutta e verdura confezionate, e hanno dato risultati che Consumer Reports definisce “preoccupanti”: Ogni prodotto …

Continua »

Un terzo della frutta e verdura europea sprecato per motivi estetici. Studio dell’Università di Edimburgo

Ugly carrot on barn wood

Più di 50 milioni di tonnellate di frutta e verdura coltivate ogni anno in Europa non raggiungono gli scaffali dei supermercati e vengono sprecate perché non corrispondono ai criteri estetici richiesti dai regolamenti europei e dagli standard fissati dalla grande distribuzione. Si tratta di una quantità pari a oltre un terzo della produzione complessiva di frutta e verdura europea. La …

Continua »

Gli inglesi in spiaggia nel 1976 erano più magri: non mangiavano meno, ma in modo diverso

inglesi in spiaggia 1976

Nel Regno Unito ha sollevato un forte dibattito una foto (vedi sopra) pubblicata dal Guardian della spiaggia di Brighton nell’estate del 1976, in cui quasi tutti i bagnanti sono magri. Cos’è successo dopo il 1976, si chiede George Monbiot, editorialista del quotidiano britannico, che ha rilanciato la foto su Twitter? Perché oggi la Gran Bretagna ha uno dei maggiori tassi …

Continua »

Anche il Belgio sceglie l’etichetta francese a semaforo Nutri-Score. Annuncio della ministra della Salute, dissenso delle industrie alimentari

mgaphone : nutriscore

Anche il Belgio ha deciso di adottare un’etichetta nutrizionale a semaforo semplificata come quella francese (Nutri-Score), che potrà essere applicata volontariamente dalle aziende sulla parte frontale dei prodotti alimentari. Lo ha annunciato la ministra degli Affari sociali e della salute pubblica, Maggie De Block, motivando la scelta con la volontà di rendere più facile per i consumatori ottenere informazioni su come …

Continua »