Home / Etichette & Prodotti

Etichette & Prodotti

categoria etichette e prodotti

È boom di “vegan cheese” ma attenzione a grassi e sodio. Il parere di Enzo Spisni, fisiologo della nutrizione

Sul sito di NaturaSì, la più diffusa catena di supermercati specializzata in prodotti bio, si trovano 25 articoli classificati come “vegan cheese”: prodotti con ingredienti 100% vegetali, che possono sostituire i formaggi per la consistenza simile e il sapore salato. Ci sono cibi che “imitano” la mozzarella, la scamorza e lo stracchino, ma anche spalmabili, sostituti del grana (grattugiati) e …

Continua »
rapporto bio bank 2019 edizione 13

Il biologico continua a crescere, ma non tutto: calano le attività legate al cibo bio. I dati del rapporto Bio Bank 2019

Il mondo del biologico continua a correre, ma il settore degli alimenti rallenta. Dopo anni di crescita, nel 2018 le attività legate al cibo bio sono diminuite dello 0,3%, contro il +6% dell’anno precedente. Lo evidenzia ancora una volta il Rapporto Bio Bank, che come ogni anno ha raccolto i dati di oltre 9 mila aziende attive nel mondo del …

Continua »
rebel whopper burger king

Burger King lancia l’hamburger vegetariano Rebel Whopper in 25 paesi europei grazie a un accordo con Unilever

Anche l’Europa potrebbe presto essere preda di quella che oltreoceano viene chiamata plant-based mania, ovvero di un amore quasi irrazionale, di una moda per tutto ciò che è vegetale, in sostituzione delle proteine animali. Complice la catena di fast food Burger King, che ha stipulato una partnership con il colosso alimentare Unilever per l’approvvigionamento di burger vegetali, che sono stati …

Continua »
prosciutto crudo

Coldiretti: 3 prosciutti su 4 da cosce importate. Serve l’etichetta di origine. Silenzio sulla frode dei prosciutti Parma e San Daniele

Il presidente di Coldiretti Ettore Prandini ritiene sia giunto il momento di “conoscere l’origine degli alimenti e dire finalmente basta all’inganno di prosciutti e salami fatti con carne straniera ma spacciati per Made in Italy”. La cosa è urgente perché “oggi tre prosciutti sui quattro venduti in Italia sono fatti con cosce di maiali provenienti dall’estero, all’insaputa dei consumatori e …

Continua »

Nutella biscuits o Baiocchi? La guerra dei biscotti tra Ferrero e Barilla è iniziata. Ma sarebbe meglio parlare di pasticcini

L’arrivo sugli scaffali dei supermercati dei biscotti Nutella Biscuits è stata annunciato da quotidiani, tv e social con grandi servizi. La mobilitazione mediatica è abbastanza normale in Italia dove la parola Nutella ha un qualcosa di magico, anche se non sempre le aspettative trovano adeguati riscontri. Il nuovo biscotto della Ferrero si può considerare il successore di Nutella B-ready, la …

Continua »
Puntarelle, Roman Marketplace

Il caso delle puntarelle, la scadenza va sempre in etichetta sui prodotti ortofrutticoli tagliati. Lo conferma la Cassazione

Sulle confezioni di  frutta e verdura tagliata il termine minimo di conservazione deve esserci sempre. Lo ha ribadito la Corte di Cassazione in una sentenza che chiarisce una volta per tutte la questione  della scadenza sui prodotti otrofrutticoli. Tutto è partito da un caso che coinvolge le puntarelle, cioè i germogli della catalogna, che per essere vendute in quanto tali …

Continua »
Scientist inspecting meat sample at laboratory

Carne coltivata in laboratorio, migliorano consistenza, gusto e colore. I progressi dei ricercatori di Harvard e della Tufts University

Mentre la finta carne vegetale conquista il mercato, quella coltivata compie significativi passi in avanti verso l’ottimizzazione. Lo testimoniano due studi usciti quasi in contemporanea da due tra le più prestigiose università statunitensi: la Harvard e la Tufts, entrambe di Boston. Comune lo scopo delle due ricerche: trovare il modo di migliorare la consistenza e la palatabilità delle fibre muscolari cresciute in …

Continua »

È guerra alle Fake Meat. Ma vietare la parola “carne” sulle etichette delle alternative vegetali e coltivate aiuterà i consumatori?

I produttori di carne americani, dopo quelli francesi, dichiarano una guerra semantica alla finta carne vegana, sperando che il divieto di indicarla come carne possa scoraggiare i consumatori e riportarli alla bistecca. Nel mese di aprile del 2018 la Francia ha vietato le denominazioni come hambuger di soia, sulla scorta di quanto l’Unione Europea aveva deciso in merito alle bevande vegetali qualche …

Continua »
Trend healthy food, vegan diet concept. Multi colored legume pasta with raw beans. Beans, chickpeas, green peas, lentils. Copy space top view

Pasta di legumi, il boom sugli scaffali dei supermercati: storia, proprietà, prezzi. Ne parla Günther Karl Fuchs su Papille Vagabonde

Negli ultimi anni si sono moltiplicate sugli scaffali le confezioni di pasta di legumi. Dapprima pensate ai celiaci e agli intolleranti al glutine, ora l’offerta sempre più ampia si rivolge a chiunque voglia seguire una dieta sana o ad alto contenuto di proteine. A parlarci di pasta di legumi e delle sue proprietà è un articolo di Günther Kerl Fuchs …

Continua »

Azzurro, rosa o verde: l’alternativa al caffè sembra un arcobaleno. I nuovi prodotti sono simpatici ma la lista ingredienti lascia perplessi

Il mondo del caffè è sempre più variegato: oltre al caffè espresso, americano, macchiato o deca, quello d’orzo e quello al ginseng, compaiono continuamente nuove bevande che promettono di soddisfare le esigenze di chi cerca alimenti utili per la salute, perché arricchiti di sostanze con specifiche proprietà funzionali, oppure privi di glutine, lattosio o zuccheri aggiunti. Al bar si trovano …

Continua »

Riso Gallo Venere “prodotto in Uk”: ma l’origine è italiana. Le perplessità di un lettore e la risposta dell’azienda

Pubblichiamo di seguito la lettera  di un nostro lettore e la risposta dell’azienda Riso Gallo SpA. Tra gli scaffali del supermercato ho trovato un prodotto interessante, una confezione di riso venere Gallo già cotto, pronto da mangiare. Però ho notato che sul retro c’è scritto che è “prodotto in UK”. Ma il riso è italiano o del Regno Unito? La …

Continua »
eatoriginal origine ingredenti iniziativa cittadini europei

Origine in etichetta: oltre un milione di firme per l’iniziativa europea EatORIGINal! Ne parla Dario Dongo

Ha superato il traguardo di un milione di firme l’iniziativa dei cittadini europei EatORIGINal! Unmask your food!che chiede l’indicazione obbligatoria dell’origine dell’ingrediente primario sulle etichette. Ne parla Dario Dongo su Great Italian Food Trade. EatORIGINal! Unmask your food! L’iniziativa popolare europea – volta a ottenere l’indicazione obbligatoria d’origine sulle etichette di tutti i prodotti alimentari – ha raggiunto il suo primo traguardo. 1,1 …

Continua »
germania nutri-score

Il Nutri-Score conquista anche la Germania. L’etichetta a semaforo francese preferita dal 57% dei consumatori tedeschi

Anche la Germania adotterà ufficialmente il Nutri-Score. Lo ha annunciato la ministra federale per l’Alimentazione e l’agricoltura, Julia Klöckner, dopo alcuni mesi di studi commissionati dal governo. L’etichetta a semaforo francese, che utilizza cinque lettere e cinque colori – dalla ‘A’ verde scuro alla ‘E’ rossa – per dare una valutazione sulla qualità nutrizionale degli alimenti, aveva già iniziato a …

Continua »
Raw seafood on a wooden board.

L’impatto ambientale del pesce: consigli per una spesa ittica più sostenibile, tra filiere corte e specie locali

Il Mar Mediterraneo, come tante aree di pesca in tutto il mondo, è sovrasfruttato. Se mangiassimo solamente prodotti ittici catturati nei mari che circondano l’Italia, il pescato di un intero anno ci basterebbe per poco più di tre mesi (ne abbiamo parlato qui). La maggior parte dei pesci, crostacei e molluschi che troviamo sul mercato proviene dall’estero, sia da Paesi UE …

Continua »
Woman holding raw eggs on wooden background

Uova da allevamento in gabbia addio: le aziende fanno progressi, ma c’è ancora poca chiarezza. Il Ciwf fa il punto della situazione

Sono tante le aziende del mondo della ristorazione, dell’industria alimentare e della distribuzione che hanno annunciato l’intenzione di eliminare le uova deposte da galline allevate in gabbia dalla loro catena di approvvigionamento. Ma quanti di questi impegni si concretizzano? A tenere traccia dei progressi delle aziende ci pensa ogni anno Compassion in world farming (Ciwf) Italia, che ha da poco …

Continua »