Home / Etichette & Prodotti (pagina 3)

Etichette & Prodotti

categoria etichette e prodotti

riso nero avocado frutta esotica mais cetriolo

Il riso nero si trasforma. Trend e nuovi prodotti raccontati da Günther Karls Fuchs di Papille Vagabonde

Una delle mode del momento è il grande utilizzo del riso nero in cucina. Ne parla il blogger Günther Karl Fuchs in un post su Papille Vagabonde. Uno dei trend degli ultimi anni è legato al colore nero: tutti gli alimenti di questo colore sono visti in modo favorevole dai trendsetter (influencer), come il tartufo, il ravanello nero, il limone nero, …

Continua »
Probiotics word made of pills on green background. Flat lay, top view, free copy space.

Sulle etichette dei probiotici made in USA mancano informazioni sui batteri e sulle dosi. Così non si possono fare scelte consapevoli

batteriLe etichette dei prodotti a base di probiotici venduti negli Stati Uniti sono a dir poco lacunose. Oltre ai consumatori, che non hanno modo di scegliere consapevolmente, queste carenze danneggiano anche i produttori, soprattutto quelli dei probiotici che utilizzano ceppi in grado potenzialmente di avere effetti benefici. I nutrizionisti della Georgetown University hanno riportato sul Journal of General Internal Medicine …

Continua »
schweppes 250 ml bottiglietta zucchero zollette

Schweppes tonica, la bottiglia da 250 ml ha quattro zollette e mezzo di zucchero, si raggiunge la metà del limite raccomandato

“La curiosità rende la vita affascinante”. Sono le parole della nuova pubblicità Schweppes. E noi, esortati da questa curiosità, ci siamo chiesti: quanto zucchero c’è in una Schweppes? La bottiglietta di tonica da 250 ml contiene 22,3 g di zucchero, in pratica 4 zollette e mezzo da 5 g. Una quantità elevata, che probabilmente non viene percepita al palato grazie al …

Continua »
Glass bottle with vanilla extract on wooden table

Aromi negli alimenti biologici: il regolamento ne autorizza di due tipologie. Lo spiega Roberto Pinton

Abbiamo chiesto a Roberto Pinton, segretario di AssoBio, un chiarimento sull’uso degli aromi, una tipologia di ingredienti che spesso si trovano anche nei cibi bio. Negli alimenti biologici certificati possiamo trovare gli aromi ed attualmente ne sono autorizzati due tipologie: a) sostanze aromatizzanti naturali (cioè una sostanza aromatizzante ottenuta con procedimenti fisici, enzimatici o microbiologici da un materiale di origine …

Continua »
Yogurt muller zollette

Zolletta dove sei? Nel vasetto di yogurt Muller cremoso alle fragole ce ne sono 3,4

Il vasetto di yogurt Muller cremoso con fragola in pezzi contiene “il 23% di preparazione alla frutta  (di cui 11,5 g  di fragole), non ha conservanti e coloranti aggiunti”. La descrizione in etichetta è molto invitante e anche le immagini sono ben studiate, quello che però sfugge alla maggior parte dei consumatori è la quantità di zucchero presente in un …

Continua »

Pasta con la carta d’identità: sull’etichetta del pastificio di Canossa tutte le date, dalla semina alla trafilatura

Leggere l’etichetta degli alimenti è sempre molto importante: qui troviamo l’elenco degli ingredienti, le informazioni nutrizionali, quelle relative alla presenza di allergeni e all’origine delle materie prime. Poi ci sono scritte  specifiche sulla presenza di glutine, lattosio, grassi saturi o altre sostanze che destano particolare interesse per la salute. Sulle confezioni, oltre alle informazioni obbligatorie, si può anche raccontare una …

Continua »
pesto salsa sugo

Pesto alla genovese: quanto basilico fresco c’è nel vasetto? Molti usano il semilavorato. I misteri dell’etichetta

Il basilico è l’ingrediente principale del pesto alla genovese: ma siamo sicuri che quello utilizzato nei prodotti industriali sia sempre basilico fresco? Il dubbio c’è venuto quando una lettrice ci ha segnalato che l’etichetta su una confezione di pesto L’orto di Liguria dell’Azienda Agraria Anfossi riporta la dicitura “semilavorato di basilico”. L’etichetta precisa che il semilavorato costituisce il 25% del …

Continua »

Sugar tax ed etichette a semaforo: l’accoppiata vincente per ridurre il consumo di cibo spazzatura e bevande zuccherate

La tassazione sul cibo spazzatura e sulle bevande zuccherate, come la sugar tax, e una chiara etichettatura servono a scoraggiarne gli acquisti. Lo conferma ancora una volta uno studio condotto dall’Università di Waterloo, in Canada, e pubblicato sull’International Journal of Behavioral Nutrition and Physical Activity. In questo caso, i ricercatori hanno selezionato oltre 3.500 canadesi di età superiore ai 13 anni …

Continua »
yogurt fragola latticini

Yogurt alla fragola: non sono tutti uguali. Quale scegliere tra zuccheri, aromi e coloranti

Nello scaffale degli yogurt, lo spazio dedicato a quelli “bianchi” è minore rispetto a quello occupato dai vasetti alla frutta che, pur essendo spesso molto dolci, sono considerati spuntini sani per adulti e bambini. Abbiamo fatto un confronto fra alcuni tipi di yogurt alla fragola, a marchio Vipiteno, Yomo (che fa capo a Granarolo), Muller, Vitasnella e Fage Fruyò, oltre agli …

Continua »

Il Nutri-Score arriva anche in Italia! L’etichetta a semaforo su un prodotto Sojasun comprato da Lidl

Mentre l’Italia continua a fare la guerra alle etichette a semaforo in Europa e nel mondo, alla fine il Nutri-Score è arrivato anche da noi. Uno dei nostri lettori ha scovato in un punto vendita Lidl un prodotto del marchio francese Sojasun, sulla cui etichetta campeggia in bella vista l’etichetta a semaforo realizzata dai cugini d’oltralpe. Il Nutri-Score continua a …

Continua »
chips vegetali carole patate fritti sale

Chips vegetali: gli snack di verdure fritte non sono sani come sembrano

Le chips vegetali e gli snack simili, a base di verdure fritte, sono meno sani di quello che sembrano, e andrebbero consumati tenendolo presente. Lo sottolinea Liz Weinandy, nutrizionista dell’Ohio State University Medical Center, intervistata dalla rivista Time sulle caratteristiche di questi prodotti, popolarissimi negli Stati Uniti e sempre di più anche in Europa. Nella maggior parte dei casi, ricorda …

Continua »
agricoltura biologica bio verdura fagiolini

Il primo marchio per tutelare i diritti dei lavoratori agricoli negli Stati Uniti. La certificazione dell’Agricultural Justice Project

Negli Stati Uniti ci sono, al momento, 203 marchi registrati e approvati per certificare le buone pratiche associate alla filiera alimentare. Una vera pletora di denominazioni all’interno della quale si trova di tutto, dalla protezione delle foreste agli Ogm, dalla pesca sostenibile alle emissioni di CO2 e così via. Uno delle ultimi arrivati, Food Justice Certified, rappresenta  qualcosa di diverso, …

Continua »

Red Bull, troppo zucchero in quella lattina. Con cinque zollette e mezzo si supera metà del limite raccomandato

Poche persone si rendono conto che una lattina di Red Bull contiene più di cinque zollette di zucchero. Questo accade perché  di solito la bevanda viene servita fredda, e quando la temperatura scende le papille gustative attenuano la percezione del sapore dolce. La presenza di zucchero in Red Bull, supera in percentuale la quantità aggiunta nella Coca-Cola e nell’Estathé. Ogni lattina …

Continua »
fanta arancia rossa sicilia igp copertina

Coca-Cola lancia la nuova Fanta con arancia rossa di Sicilia Igp: com’è possibile? Tutto in regola, risponde il Consorzio di tutela

Gentile redazione, la diffusione a mezzo stampa della nuova bevanda Fanta, che fa capo al gruppo Coca-Cola, a base di succo di arancia Igp, dopo una attenta verifica, mi ha spinto a cercare di capire “quale succo Igp di arancia rossa di Sicilia” ci sia in una bottiglia di aranciata Fanta. Rimango fortemente perplesso sulla correttezza della mossa di marketing …

Continua »
Ketchup Calvé zollette zucchero

Ketchup Calvé: più di 10 zollette in un tubetto. La salsa contiene troppo zucchero e sale

Ketchup Calvé: quante zollette di zucchero ci sono in un tubetto da 250 ml? Dalle indicazioni riportate sull’etichetta si tratta di 10,5 zollette da 5 g, pari a 52,5 g come mostra la fotografia. Certo nessuno mangia un tubetto di ketchup, ma sapere che il 20% della ricetta è composto da zucchero fa sempre un certo effetto. Non tutte le …

Continua »