Home / Prezzi

Prezzi

carote e cetrioli che spuntano dalla terra, concept: bio

Prezzo del bio: calano le differenze con il convenzionale, ma non per tutti i prodotti

A partire dagli anni ’80, l’Europa è stata la prima area al mondo a regolamentare gli standard di produzione biologica, seguita da Usa, America Latina e Asia. Dal 2012 ha inoltre reso obbligatorio l’utilizzo del marchio che identifica la produzione bio. Da allora questo settore dell’agricoltura biologica europea è in costante crescita: aumenta il fatturato (+18% rispetto al 2018, pari …

Continua »

Prezzi Altroconsumo: la spesa alimentare sale del 20% rispetto a un anno fa. La guerra accelera i rincari

I prezzi dei prodotti alimentari salgono a ritmo frenetico e i segnali di rallentamento sono pochi. I dati Istat parlano di un aumento del 7,1 su base annua, ma chi fa la spesa tutti i giorni ha spesso la sensazione che queste percentuali siano sottostimate. Altroconsumo ha condotto un’indagine valutando l’incremento di prezzo di otto prodotti alimentari venduti nei supermercati …

Continua »
vini, due calici di vino bianco con bottiglia in atto di versare e il sole sullo sfondo, concept: alcol

Il prezzo dell’alcol è un valido strumento per ridurre consumo e danni, lo conferma l’Oms

Le politiche sui prezzi e la tassazione dell’alcol sono ormai considerate tra le misure più efficaci ed economicamente vantaggiose per ridurre il consumo di alcolici e i danni correlati. Ciò nonostante  la maggior parte dei Paesi della Regione europea dell’Oms non utilizza al massimo questo sistema. Il 21 giugno 2022 l’Ufficio europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie …

Continua »
latte

Latte fresco: ecco perché il prezzo è lievitato molto negli ultimi mesi e quali sono le prospettive

Il prezzo del latte fresco alla stalla è aumentato di 10 centesimi al litro in un anno e non poteva essere altrimenti, visto l’incremento generalizzato dei costi fissi. Se nel 2021 un litro costava 0,38 € adesso siamo arrivati a 0,48.  Le voci che giustificano questo incremento sono tante perché bisogna considerare gli aumenti che hanno subito il mais e …

Continua »
Cliente alla cassa del supermercato esprime shock mentre la cassiera porge carta di credito; prodotti sul nastro trasportatore

Aumenta il costo della spesa, indagine di Altroconsumo sui prezzi e sui rincari quotidiani

L’inflazione dei prezzi causata dal Covid, da fenomeno passeggero quale sembrava essere, si è trasformata in una situazione strutturale che non si vedeva da molti anni. Le cause dell’aumento generalizzato dei prezzi sono dovute all’incremento del costo dell’energia e delle materie prime, esacerbate dalla guerra in Ucraina. I rincari di spesa riguardano tutti i settori produttivi, le bollette, il carburante e, …

Continua »
packaging, Young person with protective face mask buying groceries/supplies in the supermarket.Preparation for a pandemic quarantine due to coronavirus covid-19 outbreak.Choosing nonperishable food essentials

Sgrammatura, monitoraggio dell’Antitrust sulle vendite di prodotti con lo stesso prezzo ma con meno contenuto

Il fenomeno della “sgrammatura”  dei prodotti (termine mutuato dall’inglese shrinkflation per indicare la scelta di alcune aziende di  mantenere invariato il prezzo della confezione riducendo però il contenuto) è ormai una prassi molto diffusa anche in Italia e non  riguarda solo il settore alimentare. Lo shrinkflation è la scelta di commercializzare lo stesso prodotto nella stessa confezione venderlo allo stesso prezzo, ma con un contenuto …

Continua »
uova fresche cestino

Uova italiane in crisi: salgono vertiginosamente i costi di produzione, ma non altrettanto i prezzi

Fonte di proteine animali alternativa alla carne e recentemente riabilitate dal punto di vista salutistico, le uova rappresentano da sempre un must nel frigorifero degli italiani. Oggi però, come dimostra l’ultimo report di Ismea, la loro vendita è rallentata e non solo rispetto al 2020. Le ragioni di questa crisi sono diverse e sono state affrontate nell’ambito del Poultry Forum …

Continua »

Shrinkflation o sgrammatura: ecco svelato l’inganno di quando il rincaro c’è ma non si vede

I prezzi sugli scaffali restano gli stessi ma i prodotti costano di più: è la cosiddetta shrinkflation: una strategia ingannevole ma legale usata dalle aziende per camuffare l’inflazione e messa in pratica contando su un consumatore frettoloso o disattento. L’attività, definita in italiano con il termine sgrammatura, consiste nel mantenere invariato il prezzo della confezione riducendone però il contenuto. Il …

Continua »
ristorazione solidale, i piatti di open Food

Piatti a un euro e cibo di qualità contro povertà e spreco alimentare: la ristorazione veloce è etica

Si chiama Open Food ed è il primo format di ristorazione veloce che coniuga innovazione e inclusione sociale, solidarietà, buon cibo e lotta allo spreco alimentare. Il progetto, che ha debuttato questa primavera a Caltanissetta, è nato grazie a un bando promosso dalla Regione Sicilia ed è frutto dell’impegno congiunto del Comitato di Caltanissetta della Croce rossa italiana, la cooperativa …

Continua »
consumatori, offerte ingannevoli supermercati 463520903

Perché i prezzi degli alimenti sono in costante crescita? Altroconsumo segnala: + 43% olio di girasole,+17% pasta, +4% caffè…

L’aumento del prezzo dei prodotti alimentari è un fatto ormai appurato nel mercato. Questa situazione che si sta delineando sugli scaffali italiani è figlia di molteplici componenti, tra le quali la crisi economica generata dalla pandemia e la difficoltà nel reperimento di alcune materie prime dovute ad eventi climatici particolari e raccolti non soddisfacenti. Il tutto ulteriormente aggravato dal conflitto …

Continua »
spesa cassa supermercato pagare

Prezzi delle materie prime alimentari in ascesa? Meglio fare attenzione al rischio della shrinkflation

Nel mese di marzo 2022 l’aumento dei prezzi delle principali materie prime alimentari è ormai generalizzato, lo conferma l’indice mondiale pubblicato dalla Fao. Nell’analisi realizzata dell’istituto dell’Onu dedicato all’alimentazione si evidenzia infatti, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, un aumento complessivo del 33,6% e del 12,6% rispetto ai prezzi di febbraio. Un andamento influenzato certamente, secondo le osservazioni della stessa …

Continua »

Pasqua: Altroconsumo indica i listini più convenienti per colombe e uova di cioccolato. Prezzi ridotti sino a 5 volte

Altroconsumo ha rilevato i prezzi di 45 marche di colombe e uova di cioccolato  in 25 negozi e supermercati di Roma e Milano oltre a sei negozi online. La prima cosa che balza all’occhio è la differenza di listini. Per una colomba classica da un chilo si spende da un minimo di 2,74 euro (Maina) a un massimo di quasi 17 …

Continua »
frutta verdura mercato

I sussidi pubblici per frutta e verdura potrebbero aumentare il consumo fino al 15%

Sostenere con appositi sussidi pubblici il consumo di frutta e verdura a scapito di prodotti meno sani equivale a investire sulla salute dei cittadini. Dunque andrebbe fatto, anche se i costi non sono irrilevanti. Gli alimenti vegetali subiscono infatti molto più di altri prodotti le distorsioni del mercato, e il costo finale risente in media di un sovrapprezzo del 40%, …

Continua »
Parlamento Ue

Guerra e aziende agricole: l’aumento dei costi è notevole. I numeri dell’impatto presentati dal Crea

L’invasione russa dell’Ucraina e la guerra hanno sconvolto i mercati energetici e il settore agroalimentare. I due Paesi rappresentano insieme oltre il 30% del commercio mondiale di frumento e orzo, il 17% del mais e oltre il 50% dell’olio di girasole. Anche una significativa quota di soia non ogm proviene dai due paesi in guerra. Il commercio di questi prodotti …

Continua »
ripresa economica, Spighe di grano

Grano e mais: la Russia e l’Ucraina non sono fondamentali per le importazioni italiane

La guerra fra Russia e Ucraina non dovrebbe creare problemi di approvvigionamento per la pasta e neanche per il pane e i biscotti, visto che le nostre importazioni di grano dai due Paesi sono marginali. L’export russo di cereali è destinato soprattutto a Egitto, Tunisia, Turchia, alcuni paesi asiatici e africani, mentre le nostre necessità sono assicurate da Paesi dell’Unione Europea. …

Continua »