Home / Sicurezza Alimentare

Sicurezza Alimentare

categoria sicurezza alimentare

Coloranti alimentari: c’è da fidarsi delle scritte sulle etichette che ne certificano l’assenza?

Il regolamento (CE) n. 1333/2008 stabilisce che un colorante può essere autorizzato per uso alimentare se soddisfa le condizioni generali fissate per tutti gli additivi alimentari oltre ad alcune specifiche previste per questa categoria. L’impiego di questi additivi, è consentito se, “sulla base dei dati scientifici disponibili, non pone problemi di sicurezza per la salute dei consumatori”, e “non induce …

Continua »

Botulismo: l’Italia è il Paese europeo con più casi confermati. 501 persone coinvolte in 33 anni

L’Italia è il Paese europeo col più alto numero di casi di botulismo. Dal 1986 al 2019 sono stati confermati in laboratorio 342 incidenti di botulismo che hanno coinvolto 501 persone*. Si tratta di una malattia paralizzante causata dalle tossine prodotte dal batterio Clostridium botulinum che nella fase di esordio, presenta sintomi comuni ad altre condizioni e può dunque essere …

Continua »
dolcificanti zucchero

Dolcificanti, sucralosio e carboidrati non vanno d’accordo: possibili alterazioni metaboliche. E il BfR scopre rischi del D-allulosio

Due studi recenti illustrano quanto ci sia ancora da comprendere sui dolcificanti, e spiegano perché, fino a oggi, i dati disponibili siano stati spesso contraddittori e non conclusivi. Il primo studio ha messo in luce un fatto finora mai descritto relativo al sucralosio. Se assunto da solo, infatti, questo dolcificante non ha effetti negativi sulla salute, ma se viene consumato …

Continua »
carta pane sacchetti panettiere supermercato baguette

Pane, salumi e coronavirus: come comportarsi con questi alimenti? Le precauzioni spiegate da Antonello Paparella

Dopo la pubblicazione della nostra intervista al professore Antonello Paparella* sulle precauzioni da prendere in cucina per scongiurare la presenza del coronavirus, in molti hanno chiesto chiarimenti per alcuni alimenti. Di seguito pubblichiamo due commenti e la risposta di del professore Paparella. Oggi sono andato a prendere il pane e la panettiera aveva sintomi da raffreddore/influenza, per non metterla in …

Continua »
coronavirus cibo sicurezza alimentare

Coronavirus, non ci sono prove di trasmissione alimentare. Lo dicono Efsa, Ecdc e BfR

Non ci sono prove che il nuovo coronavirus possa essere trasmesso dal cibo. Lo ribadisce l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) attraverso le parole della sua direttrice scientifica Marta Hugas, che afferma come “le esperienze fatte con precedenti focolai epidemici riconducibili ai coronavirus, come quelli della SARS e della MERS, evidenziano che non si è verificata trasmissione tramite il …

Continua »
Polli allevamento

Polli: la differenza fra quelli allevati “senza l’uso di antibiotici” e quelli “mai trattati con antibiotici”

Sono in corso alcune campagne pubblicitarie firmate a grandi aziende del settore e anche da catene di supermercati che annunciano l’assenza totale dell’uso di antibiotici negli allevamenti di polli. Si tratta di un’informazione che, se da una parte è una rassicurazione su temi sollecitati dalle notizie inerenti l’antibiotico resistenza, dall’altra – per i non addetti ai lavori – potrebbe far …

Continua »

Coronavirus: l’acqua del rubinetto non è pericolosa. L’Istituto superiore di sanità spiega perché non serve la minerale

Nelle scorse settimane abbiamo visto tutti le immagini degli scaffali vuoti dei supermercati, saccheggiati da consumatori terrorizzati dall’idea di finire in quarantena da un momento all’altro con il frigorifero vuoto. Così gli italiani hanno riempito i carrelli di pasta, farine, carne, disinfettanti, carta igienica e, anche, acqua minerale.  Sulla scelta di fare scorta di acqua minerale presi dal panico del …

Continua »
Cook woman washes an apple under running water from a water tap.

Cibo, sicurezza & coronavirus. Le precauzioni da prendere in cucina spiegate da Antonello Paparella

Lavare bene le mani, evitare i luoghi affollati, tossire e starnutire nel gomito, stare a casa quando si ha febbre e sintomi influenzali. Ormai tutti conosciamo le norme di comportamento per contrastare la diffusione del nuovo coronavirus, il Sars-CoV-2. Molti si chiedono quali regole seguire in cucina e se il virus può essere trasmesso attraverso il cibo. Abbiamo chiesto delucidazione …

Continua »
Close up the media plate on hand medical technicians working on bacterial culture and drug resistance of pathogens in laboratory.

Resistenza agli antibiotici sempre più diffusa tra i batteri responsabili di infezioni alimentari. Il nuovo rapporto Efsa-Ecdc

Mentre in tutto il mondo ferve la ricerca di un possibile antivirale attivo contro il nuovo coronavirus, in Europa i batteri che provocano infezioni alimentari possono contare su un aumento della propria capacità di resistere agli antibiotici, con alcune eccezioni. È questo il responso del nuovo rapporto sull’antibiotico-resistenza nelle zoonosi stilato da Efsa insieme al Centro europeo per la prevenzione e …

Continua »
insalata lavare acqua del rubinetto verdura

Norovirus, 380 mila infezioni alimentari ogni anno nel Regno Unito. Lattuga e cibo da asporto le cause principali

Nel Regno Unito le infezioni di origine alimentare sono più del doppio rispetto a una decina di anni fa, e hanno ormai raggiunto la ragguardevole cifra di 2,4 milioni di casi ogni anno, contro il milione del 2009. Lo riferisce la Food Standards Agency in una serie di documenti appena pubblicati, tra i quali spicca uno studio lungo cinque anni …

Continua »

La temperatura durante il trasporto del cibo consegnato a casa dai rider è rispettata? No dice l’Istituto zooprofilattico Piemonte, ma forse la norma va rivista

C’è chi si fa consegnare la pizza a casa e chi preferisce farsi portare la spesa del supermercato. Ma durante il trasporto le temperature vengono rispettate? La domanda se la sono posta Lucia Decastelli e Manila Bianchi del laboratorio di microbiologia dell’Istituto zooprofilattico sperimentale del Piemonte, che nel corso del 2019 hanno controllato se le regole previste dalla normativa venivano …

Continua »

L’influenza aviaria arriva in Germania: improbabile la trasmissione all’uomo da uova e carne. I consigli del BfR

Mentre gli occhi del mondo seguono il vagabondare del coronavirus da un paese all’altro, in Germania ci si preoccupa anche per un altro virus potenzialmente pericoloso: quello dell’influenza aviaria, scoperto in un’oca selvatica e nel pollame da cortile. Il ceppo, H5N8, già presente negli anni scorsi in Europa, è stato identificato nelle regioni del Brandeburgo e del Baden-Wurttemberg, dopo la …

Continua »

Piatti e bicchieri in bambù: non sono “green” come si crede e attenzione a usarli correttamente

L’ondata “green” che sta travolgendo aziende e consumatori ogni tanto rischia di far perdere la bussola. È il caso delle stoviglie in bambù, pubblicizzate ed etichettate come super ecologiche e amiche dell’ambiente, ma in verità neanche riciclabili. Questo materiale è sempre più diffuso, soprattutto tra i set per la pappa dei bambini o per i bicchieroni con il tappo utilizzati …

Continua »

Integratori e principi attivi vegetali: i consigli dell’esperta per non correre rischi

Gli italiani che usano integratori alimentari sono 32 milioni. Lo scorso anno nel nostro Paese sono stati spesi per questi prodotti più di 3,5 miliardi di euro: è un mercato sempre in crescita, che non conosce crisi (ne abbiamo parlato anche qui). Gli integratori, dal punto di vista normativo, sono perfettamente analoghi agli alimenti: non sono curativi ma destinati a …

Continua »
Salmonella bacterium drawn on eggs

Salmonella nelle uova dalla Polonia: più di 1.600 persone colpite in 18 paesi europei. L’epidemia va avanti dal 2012

Mentre l’attenzione di tutti è concentrata sul nuovo coronavirus, c’è un focolaio di salmonellosi che, silenziosamente, ha già colpito più di mille persone in tutta Europa, e lo sta facendo almeno dal 2012. La causa? Uova contaminate da Salmonella Enteritidis provenienti dalla Polonia. Se la storia vi suona familiare è perché Il Fatto Alimentare ne aveva già parlato nel 2016, quando è …

Continua »