Home / Supermercato / Rimuovere snack e dolci dalle casse dei supermercati aiuta a combattere l’obesità. Studio pubblicato da Plos Medicine

Rimuovere snack e dolci dalle casse dei supermercati aiuta a combattere l’obesità. Studio pubblicato da Plos Medicine

supermercati casse snackLa rimozione di snack e dolci dalle casse dei supermercati riduce drasticamente la quantità di spuntini insalubri mangiati per strada e fa diminuire la quantità di quelli portati a casa. Lo indica una ricerca condotta dalle Università di Cambridge, Stirling e Newcastle, pubblicata dalla rivista  Plos Medicine   sugli acquisti fatti d’impulso e non pianificati.

Lo studio, finanziato dal governo britannico, ha rilevato che nei supermercati dove alle casse non ci sono questi prodotti dalle casse si registra una diminuzione di acquisti di dolci, cioccolato e patatine pari al 76% . Il dato emerge dall’analisi dei comportamenti di 7.500 consumatori nel periodo 2016-17, verificando la diversità di acquisto nel caso di negozi con o senza snack situati in prossimità delle casse. Le catene di supermercati prese in esame sono nove (Aldi, Asda, Co-op, Lidl, M&S, Morrisons, Sainsbury’s, Tesco e Waitrose), sei dei quali tra il 2013 e il 2017 hanno tolto dolci e snack dalle casse.

Oltre al comportamento di chi consuma immediatamente gli snack acquistati alle casse, lo studio ha anche analizzato chi porta i prodotti a casa. In questo secondo caso, è stato esaminata la modalità d’acquisto di un campione di 30.000 famiglie, per verificare se c’erano stati cambiamenti dopo che i supermercati avevano tolto snack e dolci dalle casse, lasciandoli solo sugli scaffali all’interno delle corsie. L’indagine ha rilevato una diminuzione immediata del 17% dell’acquisto dei questi prodotti. Un dato che a distanza di un anno si è stabilizzato al 15%.

Secondo Jean Adams, ricercatrice dell’Università di Cambridge che ha partecipato allo studio, sarebbe utile adottare come misura suggerita dal Piano del governo contro l’obesità infantile, la definizione di valori nutrizionali minimi che i prodotti venduti alle casse devono soddisfare. In questo modo i supermercati non avrebbero motivo di opporsi ad una misura del genere.

 

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Glass jar of sauce in the hands of the buyer. Sauce in the hands of the buyer at the grocery store

Stop alle aste sul cibo con il sistema del doppio ribasso: serve una legge contro le pratiche sleali che favoriscono il caporalato. L’appello di Terra!

Vietare per legge le aste al doppio ribasso sui prodotti agroalimentari. Lo chiede l’associazione Terra! …

8 Commenti

  1. Allora bisogna eliminare, dalla barriera casse, anche caramelle, patatine, i frigoriferi con le bevande gassate e le bevande energizzanti. Quando vai in tabaccheria magari a pagare il bollo dell’auto, togliamo tutto vicino la cassa. Ma che senso ha? Non possono condannare anche un atto d’acquisto d’impulso.

  2. Non ci sono solo snack dolci, vicino alle casse, ma anche pile, rasoi da barba ed altri articoli di piccole dimensioni come i chewing gum.
    Si trovano li proprio perché essendo di piccole dimensioni possono essere più facilmente sorvegliati dalle cassiere, trattandosi di articoli frequentemente oggetto di furti.

  3. La colpa non è del cibo ma delle persone ! Io per esempio l unica cosa che compro ogni tanto sulla cassa sono le mandorle sgusciate …che fanno bene alla mia tiroide .
    L educazione alimentare va fatta a casa non al supermercato .
    Lisa

    • Concordo!

    • Non tutti hanno la forza di fermare il proprio impulso a comprare… per non parlare di quando si va a far la spesa al supermercato coi bimbi al seguito. E ho detto tutto.

    • errato, l’educazione alimentare va fatta dappertutto, soprattutto al supermercato, dove la maggior parte dei consumatori non sa nemmeno leggere un’etichetta o la differenza tra legumi e cereali. Ben vengano le politiche utili come questa. Se poi una persona vuole assolutamente consumare schifezze, c’è la corsia apposita.

  4. Ma non era già stato previsto di eliminare dolciumi e affini vicino alle casse?