Home / Sicurezza Alimentare / Francia, troppi coloranti vietati o in eccesso nei macaron. I primi risultati dei controlli disposti dal governo nelle pasticcerie

Francia, troppi coloranti vietati o in eccesso nei macaron. I primi risultati dei controlli disposti dal governo nelle pasticcerie

macarons dolci iStock_000014222366_SmallI colori sgargianti che caratterizzano i macaron, un dolcetto tipico della pasticceria francese, sono sotto osservazione da parte del governo di Parigi, che sta controllando quantità e qualità dei coloranti utilizzati in pasticcini e biscotti. Le analisi sono cominciate nel 2017 nella regione Nouvelle Aquitaine, per verificare se gli additivi presenti fossero quelli menzionati nell’etichettata, se fossero autorizzati per l’uso e se le concentrazioni rispettassero i limiti massimi. Su 30 campioni di macaron analizzati nel 2017, il 44% presentava delle non conformità e il 22% era addirittura inadatto al consumo a causa della quantità eccessiva di coloranti.

I livelli massimi ammissibili sono stati fissati dalla Commissione Ue con il regolamento europeo 1333/2008, in base alla dose giornaliera accettabile stabilita dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa). Dal luglio 2010, la presenza di una particolare categoria di coloranti, quelli azoici – E 102, E 104, E 110, E 122, E 124 ed E 129 – deve essere accompagnata nell’etichetta dalla dicitura “possono influire negativamente sull’attività e l’attenzione dei bambini”.

Nel 2018, l’indagine è stata estesa all’intero territorio nazionale e, secondo quanto comunicato dalla Direzione generale per la concorrenza, il consumo e la repressione delle frodi del ministero dell’Economia francese, sono già stati notati diversi superamenti dei limiti massimi consentiti. Uno dei campioni, denominato “macaron papavero”, conteneva la più alta concentrazione sinora registrata del colorante E124, che non è autorizzato per i prodotti da forno fini. Per raggiungere la dose massima giornaliera accettabile, basta che un adulto mangi uno di questi macaron e per i bambini ne è sufficiente la metà. In un altro campione di macaron con i tre colori della bandiera francese, prodotti in occasione dei mondiali di calcio, è stata riscontrata una quantità di coloranti E133 ed E124 con una concentrazione complessiva superiore a quella ammessa. In entrambi i casi, i macaron sono stati dichiarati inidonei al consumo.

I controlli proseguiranno nel 2019 e il governo francese ha emesso un richiamo ai professionisti della pasticceria, affinché controllino che i propri prodotti rispettino le norme e i limiti europei sui coloranti. 

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

borraccia borracce acqua ambienteplastica alluminio acciaio

Viva le borracce! Ma attenzione alle istruzioni per usarle correttamente

Le borracce sono indubbiamente la moda del momento: colorate, comode, utili e soprattutto ecologiche. Se …