Home / Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Grissini “confezionati ancora caldi”: una lettrice ha dei dubbi sulla sicurezza. La risposta dell’azienda

Una lettrice ci ha scritto per segnalarci una certa preoccupazione per una modalità di confezionamento che ha letto su una confezione di grissini acquistati al supermercato. Di seguito pubblichiamo la lettera con la risposta dell’azienda. Salve, allego l’etichetta di grissini confezionati dall’azienda Morato, dove si dichiara che vengono insacchettati ancora “bollenti”. Siccome il sacchetto è di plastica, il contatto con …

Continua »

Bicchierini da caffè Eurospin compostabili: c’è un errore sull’etichetta. Risponde l’esperto e la catena di supermercati

Buongiorno, ho trovato una discrepanza su alcune confezioni di  bicchierini per il caffè acquistati da Eurospin. Come si vede nelle foto, sulla confezione esterna c’è scritto che si tratta di bicchierini in Mater-Bi, biodegradabili e compostabili. Tuttavia, se si osserva il fondo dei bicchierini, il codice riportato è “06”, che indica il materiale polistirene. Non sono ferrato in termini di …

Continua »

Giusto prezzo per l’olio extravergine di oliva italiano è dignità per olivicoltori e frantoiani. Il parere di Teatro Naturale

olive

Negli ultimi giorni abbiamo più volte trattato il tema dell’olio extravergine di oliva venduto sottocosto da parte delle catene di supermercati. Questa pratica danneggia agricoltori, consumatori e anche gli altri soggetti della filiera, tanto che è stata lanciata una petizione dalla dott.ssa Maria Lisa Clodoveo del Dipartimento interdisciplinare di medicina dell’Università di Bari su Change.org: “Stop all’olio extravergine di oliva …

Continua »

Burger vegetali, Beyond Burger e Rebel Whopper sanno davvero di carne? La prova di assaggio di Altroconsumo

rebelwhopper burger king

I  burger vegetali che sanno di carne (o almeno ci provano) sono sempre più popolari e facili da trovare anche in Italia. Sono  prodotti pensati per piacere agli onnivori e spingerli a consumare meno alimenti di origine animale in nome di una maggiore sostenibilità ambientale. Ma questi burger sono davvero così simili alla carne? Per scoprirlo, Altroconsumo ha fatto assaggiare …

Continua »

Olio extravergine: i supermercati devono smettere di venderlo come prodotto civetta. Nuovo appello della dott.ssa Clodoveo

La vendita sottocosto dell’olio extravergine di oliva da parte delle catene di supermercati danneggia agricoltori, consumatori e anche gli altri soggetti della filiera. A rimetterci più di tutti è il prodotto stesso che, se venduto costantemente a prezzi stracciati, viene svilito e perde il grande valore alimentare e tradizionale che possiede intrinsecamente. La scorsa settimana abbiamo ripreso la notizia della …

Continua »

Help Consumatori lancia una raccolta fondi per sostenere l’informazione utile ai cittadini

Help Consumatori è un’agenzia quotidiana d’informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull’associazionismo, curata da una cooperativa di giornalisti indipendenti. Dal 2004 le notizie vengono inviate per via telematica a oltre cinquemila destinatari che comprendono: imprese, associazioni dei consumatori, istituzioni, associazioni ambientaliste, organizzazioni civiche, università e centri di ricerca oltre ai cittadini interessati ai propri  diritti di consumatori. A dicembre ha …

Continua »

Olio extravergine di oliva: una petizione per vietare la vendita sottocosto nei supermercati. L’illusione del cibo a basso costo

olio extra vergine sottocosto

In questi giorni Maria Lisa Clodoveo del Dipartimento interdisciplinare di medicina dell’Università di Bari ha lanciato la petizione “Stop all’olio extravergine di oliva come prodotto civetta dei supermercati”. L’obiettivo è cercare di vietare la vendita sottocosto dell’olio extravergine ormai diventata un’abitudine, come si vede sui volantini delle catene di supermercati recapitati nella casella della posta. Molti degli alimenti pubblicizzati nella …

Continua »

Ma quel pesce è davvero fresco? Tutti i consigli in un video dell’Istituto zooprofilattico delle Venezie

Come fare a riconoscere se il pesce che stiamo per comprare è davvero fresco? Ci aiuta l’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie che, in un breve video della serie 100 secondi, che ci svela tutti i segreti per scoprire se la spigola e lo sgombro in vendita sul banco della pescheria sono veramente freschi o è meglio rinunciare all’acquisto. Se il pesce …

Continua »

L’impatto ambientale della carne: cosa fare per ridurlo? La seconda parte dell’articolo di Georgofili.info

Ecco la seconda parte dell’articolo di Mario R. Tredici, professore del Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari, ambientali e forestali dell’Università degli Studi di Firenze pubblicato originariamente da Georgofili.info sull’impatto ambientale della produzione di carne e come il settore zootecnico può intervenire. Come mitigare le emissioni del settore agricolo? Importanza della dieta Pratiche agricole più naturali (ad esempio no-tillage, agroforestry, agricoltura …

Continua »

Vitamina D e diabete di tipo 2: gli integratori non riducono il rischio. Ne parla “Dottore, ma è vero che…?”

Supplements for sports omega in wooden spoons. Sport background. Healthy nutritional supplements. Sport, diet concept. Food supplement.

Ma davvero prendere integratori di vitamina D previene il diabete? Magari fosse così semplice. Come spiega un articolo a cura di Pensiero Scientifico Editore pubblicato dal portale anti-bufala della FNOMCeO, “Dottore, ma è vero che…?”, uno studio aveva veramente suggerito questa possibilità, ma, come spesso accade, ricerche successive hanno raffreddato l’entusiasmo generale. Peccato che intanto la teoria della vitamina D …

Continua »

Latte: qualità e sicurezza. Nel 2018 solo 1 campione di prodotto importato irregolare. Un’analisi approfondita di Roberto Pinton

Non ricordo l’anno esatto, eravamo tra il 1981 e il 1983 ed ero tra gli incaricati di rilevare la consistenza degli allevamenti di vacche da latte ai fini dell’imminente adozione del regime delle quote latte con regolamento CEE n.856/1984. All’epoca non esisteva la banca dati nazionale dell’anagrafe zootecnica* e non c’erano i servizi informativi veterinari, non c’erano nemmeno Excell (pochissimi …

Continua »

Nutri-Score, dieta mediterranea e made in Italy: le accuse di Salvini smontate dai ricercatori

mgaphone : nutriscore

Dopo le esternazioni dell’ex-ministro Matteo Salvini contro il Nutri-Score, accusato di essere il frutto di un complotto segreto dell’Europa per penalizzare ingiustamente i prodotti tipi italiani e la dieta mediterranea, Serge Hercberg e il team di ricercatori che ha sviluppato l’etichetta a semaforo francese hanno deciso di rispondere con un lungo articolo per correggere le inesattezze e le mistificazioni diffuse …

Continua »

Panettoni premium: i supermercati fanno concorrenza alle marche, ma i produttori sono sempre gli stessi

In questo periodo, nei supermercati, si può acquistare un dolce natalizio a prezzi stracciati delle marche più famose e anche delle marche private dei distributori. Molte catene, come Conad, Auchan, Coop, Carrefour e Lidl propongono due tipologie di panettone con il proprio marchio, uno confezionato nel guscio di cartone classico (di cui abbiamo parlato qui), e un altro incartato a …

Continua »

Troppo elevato l’impatto della carne sul clima: una riduzione è necessaria. L’intervento di Mario Tredici su Georgofili.info

Homemade poster at ecological protest. A close-up shot of a homemade poster, saying less meat less heat, being held above a crowded street of environmental demonstrators.

Si parla spesso della necessità di ridurre il consumo di carne, sia per la nostra salute che, soprattuto, per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e contrastare il cambiamento climatico, a cui il settore zootecnico contribuisce in maniera importante. Di questo parla Mario R. Tredici, professore del Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari, ambientali e forestali dell’Università degli Studi …

Continua »

Nutri-Score, l’appello di cinque scienziati italiani: “Basta strumentalizzazioni, aiuta i consumatori”. L’articolo di Scienza in Rete

caddie nutri-score

Il Nutri-Score continua a scontrarsi con un muro di ostilità nel nostro paese, dove viene accusato di penalizzare ingiustamente i prodotti tipici del Made in Italy, spesso anche da chi dovrebbe occuparsi della tutela della salute dei cittadini. Ma qualcosa sta cambiando. Paolo Vineis dell’Imperial College di Londra, Elio Riboli dell’Humanitas University Milano e dell’Imperial College di Londra, Walter Ricciardi …

Continua »