Home / Beniamino Bonardi (pagina 3)

Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Se tutti nel mondo seguissero una dieta sana, frutta e verdura non basterebbero. Uno studio dell’università canadese di Guelph

fragole frutta

Se tutti gli abitanti del pianeta volessero e potessero seguire una dieta sana, non ci sarebbero abbastanza frutta e verdura per tutti. Lo rileva una ricerca dell’Università canadese di Guelph, pubblicata dalla rivista PLOS ONE, che evidenzia l’enorme discrepanza esistente tra la produzione agricola globale e le raccomandazioni dei nutrizionisti. Infatti, l’attuale sistema globale sovrapproduce cereali, grassi e zuccheri, mentre …

Continua »

Cento organizzazioni europee chiedono una riforma della politica sui pesticidi

pesticidi agricoltura iStock_000012529103_Small

Oltre cento organizzazioni europee non governative e di altra natura – tra cui Slow Food, Legambiente, Istituto Ramazzini di Bologna e Università del Salento – hanno costituito una Coalizione di “Cittadini per la Scienza nel controllo dei Pesticidi”. Il Manifesto sottoscritto sottolinea come l’Unione europea abbia “una delle migliori norme per i pesticidi nel mondo”, che però nella pratica non …

Continua »

Cibo industriale: il parlamento francese propone all’UE 38 interventi urgenti su additivi, etichette e restrizioni

cordon bleu

Dopo sei mesi di lavori e 40 audizioni di esponenti scientifici, istituzionali, industriali e del mondo associativo, la commissione parlamentare d’inchiesta dell’Assemblea nazionale francese sull’alimentazione industriale ha pubblicato il proprio rapporto finale. Nel documento si affrontano i problemi legati agli impatti sulla salute, le questioni di trasparenza e le preoccupazioni dei consumatori, l’utilizzo degli additivi e la presenza di cocktail di …

Continua »

Scontro sulla nuova direttiva contro le pratiche commerciali sleali in campo alimentare. Scambio di accuse tra Beuc e Parlamento Ue

Lady pushing a shopping cart in the supermarket.

Scambio di accuse tra la maggioranza dell’Europarlamento e l’Organizzazione europea dei consumatori (Beuc). Lo scontro arriva dopo che, con 428 a favore, 170 contrari e 17 astenuti, il Parlamento europeo ha dato il via libera all’avvio dei negoziati con il Consiglio dei ministri e la Commissione Ue, per raggiungere un accordo sulla proposta di direttiva contro le pratiche commerciali sleali …

Continua »

Pfas: fallisce e chiude la fabbrica Miteni, sotto accusa per l’inquinamento delle acque in Veneto

Miteni, la fabbrica che si trova a Trissino, nell’alto vicentino, sotto accusa per l’inquinamento delle falde acquifere da sostanze perfluoroalchiliche (Pfas) in Veneto, ha deliberato l’istanza di fallimento e chiuderà la produzione entro l’anno. Lo ha deciso il cda dell’azienda, che occupa 122 persone e che in una nota spiega di aver “preso atto dell’impossibilità di attuare il piano industriale. …

Continua »

Le malattie trasmesse dal cibo nei paesi a basso-medio reddito costano 110 miliardi di dollari l’anno. Rapporto della Banca Mondiale

thailandia

Uno studio della Banca Mondiale indica che le malattie di origine alimentare, causate da cibi insicuri, costano circa 110 miliardi di dollari l’anno alle economie dei Paesi a reddito medio-basso, di cui 95,2 miliardi per perdita di produttività e 15 miliardi di spese mediche. Gran parte di questi costi potrebbero essere evitati migliorando il modo in cui gli alimenti sono …

Continua »

I bambini che passano più di mezz’ora al giorno online fanno più capricci per il cibo spazzatura. Ricerca del Cancer Research UK

Adorable girl playing game on digital tablet over dark background. Technology and lifestyle.

I bambini piccoli che trascorrono più di mezz’ora al giorno online hanno quasi il doppio di probabilità di infastidire i loro genitori chiedendo cibo spazzatura. Quelli che frequentano la scuola elementare abituati a trascorrere più di tre ore sul web sono quattro volte più propensi a spendere i soldi che hanno in tasca per cioccolato, patatine, bevande zuccherate e piatti …

Continua »

Trump chiede a Theresa May di abbandonare “ingiustificati” standard alimentari. In vista un accordo commerciale Usa-UK post Brexit

donald-trump

Dopo la Brexit il Regno Unito per  firmare un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti dovrà eliminare gli standard alimentari e agricoli “ingiustificati”. È quanto afferma l’Amministrazione Trump in una lettera che il Rappresentante commerciale Usa ha inviato al Congresso statunitense e di cui riferisce Business Insider. Nella lettera si annuncia formalmente l’intenzione del presidente Trump di negoziare …

Continua »

Latte in polvere: attenzione alla temperatura quando si prepara il biberon! Acqua a 70°C per evitare contaminazioni microbiche. I consigli del Cnsa

latte in polvere

La sicurezza del latte in polvere è tornata prepotentemente all’attenzione delle autorità sanitarie dopo lo scandalo del latte in polvere Lactalis contaminato da Salmonella, scoppiato lo scorso dicembre, che ha portato al ritiro di oltre 12 milioni di confezioni prodotte nello stabilimento Lactalis di Craon, in Francia, e distribuite in oltre 80 Paesi. Il batterio Salmonella Agona ha colpito 38 bambini in Francia, …

Continua »

Piano del governo britannico per ridurre le calorie di pizze e cibi pronti. In dieci anni, i bambini di 11 anni gravemente obesi sono aumentati di un terzo

Wurstel Hot dog in a bun with mustard and vegetables

In Gran Bretagna, le pizze vendute ai ristoranti e nei supermercati dovranno ridurre le dimensioni o i condimenti, così come torte, piatti pronti e sandwich, per ridurre le calorie. È quanto anticipa la stampa inglese, secondo cui il governo sta predisponendo un nuovo piano anti-obesità, che dovrebbe contenere nuove raccomandazioni. Secondo la bozza del piano, una pizza standard non dovrebbe …

Continua »

Più di un milione di abitanti del Regno Unito vive in deserti alimentari: difficile mangiare sano

deserti alimentari

Un milione e duecentomila persone nel Regno Unito vivono in deserti alimentari, cioè in quartieri in cui la povertà, la carenza di trasporto pubblico e la scarsità di grandi supermercati limitano gravemente l’accesso a frutta e verdura fresche a prezzi accessibili. Si tratta  di grandi complessi residenziali fuori dalle città e di quartieri poveri, con una popolazione tra le 5.000 …

Continua »

Regno Unito, in arrivo la sugar tax su dolciumi e cioccolato. Lo annunciano, infuriate, le industrie

macarons dolci iStock_000014222366_Small

Il governo britannico ha intenzione di introdurre una sugar tax sui prodotti dolciari, che dovrebbe essere annunciata la prossima primavera ed entrare in vigore nel 2020. Lo scrive il quotidiano Daily Mail, riferendo che l’indiscrezione è stata fatta dalle stesse industrie, infuriate di fronte a questa prospettiva, al meeting annuale del cioccolato. L’industria dolciaria ritiene di essere presa ingiustamente di …

Continua »

Arance dello Zimbabwe a Catania. È giustificato l’allarme? Polemiche dopo un post su Facebook. Il parere dell’agronomo Corrado Vigo

“Sotto casa a Catania, stasera, all’interno di un punto vendita di una importante catena della Gdo, arance dello Zimbabwe. A Catania. Fa riflettere, no? A me sì! Ma non contro lo Zimbabwe…”. Ha sollevato clamore questo post su Facebook della presidente del Distretto degli agrumi di Sicilia, Federica Argentati, accompagnato da una foto di arance “Valencia” provenienti dal paese africano e vendute a 1,79 …

Continua »

La Danimarca discute un’etichetta sull’impatto climatico degli alimenti. Una nuova sfida

semafori in etichetta

Il governo danese sta progettando un’etichetta che indichi l’impatto climatico dei prodotti alimentari, in collaborazione con le industrie del settore. I prodotti alimentari verrebbero contrassegnati con adesivi che mostrano il loro impatto ambientale, secondo una proposta contenuta in un nuovo pacchetto sul clima del governo, come riferisce il quotidiano danese in lingua inglese The Local. “Vogliamo dare ai consumatori i …

Continua »

Pollame: la Commissione Ue vuole cambiare i controlli sulla macellazione. Maggiori rischi per il consumatore

pollame

La Commissione Ue vuole modificare entro l’anno le modalità di controllo del pollame  in fase di macellazione. Attualmente, ogni carcassa viene ispezionata visivamente dopo la macellazione, prima di essere autorizzata per il consumo. Si tratta di un metodo, come ha osservato l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) nel 2012, utile per verificare le condizioni di salute e benessere degli …

Continua »