Home / Nutrizione / I bambini britannici consumano 2.800 zollette di zucchero in eccesso all’anno. Campagna del governo per il passaggio ad alimenti più salutari

I bambini britannici consumano 2.800 zollette di zucchero in eccesso all’anno. Campagna del governo per il passaggio ad alimenti più salutari

bambini dolci biscotti mangiare zuccheriNei primi dieci anni di vita, i bambini britannici consumano in media più zucchero di quello che dovrebbero aver assunto al compimento del diciottesimo compleanno, se si fossero attenuti alle dosi massime consigliate. Anche se negli ultimi anni c’è stata una leggera diminuzione del consumo di zucchero da parte dei piccoli, ne vengono consumate ancora quasi 8 zollette di troppo ogni giorno, pari a circa 2.800 in eccesso all’anno.

Il calcolo, è stato fatto da Public Health England, l’agenzia per la Salute del governo di Londra, che ha lanciato una campagna attraverso la piattaforma Change4Life, con alcuni suggerimenti per il passaggio a prodotti più salutari, all’interno della stessa categoria di acquisto. Passare da uno yogurt ad alto contenuto di zucchero a uno con quantitativo minore, significa dimezzare le zollette da 6 a 3. Facendo la stessa cosa con un succo di frutta le zollette in meno sono 2,5, mentre scegliendo cereali con meno zucchero enon glassati al cioccolato le zollette in meno sono 2,5 per ogni ciotola. Solo attraverso queste modifiche si potrebbero eliminare circa 2.500 cubetti di zucchero all’anno dalla dieta di un bambino.

In Gran Bretagna, gli alimenti a minor contenuto di zucchero possono apporre sulla confezione il marchio “Good Choice” della campagna Change4Life, che mette a disposizione anche un’app denominata Food Scanner, che aiuta a trovare le opzioni alimentari più salutari.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

lidl cucchiaino zucchero

Lidl lancia il cucchiaino che riduce lo zucchero del 20%. Gli impegni della catena di discount per un’alimentazione più sana

Per aiutare i clienti a diminuire il consumo quotidiano di zucchero, Lidl ha escogitato un …