Home / Sicurezza Alimentare / Inquinamento da Pfas, divieto di consumare per sei mesi il pesce proveniente da 30 Comuni veneti

Inquinamento da Pfas, divieto di consumare per sei mesi il pesce proveniente da 30 Comuni veneti

acque inquinate pescaIl presidente della Regione Veneto ha emesso un’ordinanza che vieta fino al 30 giugno il consumo del pesce pescato proveniente dalle aree dove sono state riscontrate positività analitiche per i Pfas (sostanze perfluoroalchiliche). Questi composti hanno inquinato le falde acquifere di una sessantina di comuni del Veneto e sono entrate nella catena alimentare, probabilmente a causa degli scarichi della fabbrica Miteni, che poche settimane fa ha dichiarato fallimento, cessando le attività.

Il provvedimento della Regione Veneto riguarda il pesce proveniente da 30 Comuni dell’Area Rossa delle province di Verona, Vicenza e Padova. Un precedente divieto della durata di un anno era stato emesso il 12 novembre 2017 sulla base dei risultati del biomonitoraggio dell’Istituto superiore di sanità, quale misura precauzionale a tutela della salute della popolazione, e riguardava il pesce pescato proveniente da 21 Comuni. Poi l’Area Rossa è stata ampliata, con l’inclusione di altri nove Comuni.

La nuova ordinanza è stata motivata con il fatto che la questione dei Pfas, “complessivamente intesa, è oggetto, da tempo, di studio e approfondimento da parte dell’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) e di altre Agenzie nazionali”, e che lo scorso 10 dicembre l’Autorità “ha fornito ulteriori aggiornamenti ed elementi di valutazione i merito all’inquinamento da perfluoroalchilici”. L’Efsa ha annunciato che nel 2019 “adotterà nuovi pronunciamenti definitivi”, in attesa dei quali la Regione Veneto ha emesso l’ordinanza di divieto fino al 30 giugno.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Word STOP from colored pills and capsules on green background. Medicines and tablets kill

Gli integratori alimentari per le cartilagini sono pericolosi per diabetici, asmatici e allergici ai crostacei. Il parere dell’Anses

I diabetici, gli asmatici, chi è allergico ai crostacei, assume terapie anticoagulanti o deve stare …

3 Commenti

  1. Scusate non dovrebbe essere messo il divieto di vendita per impedire il consume del pesce oggetto della delibera della regione veneto?

  2. Anna Maria Andreatta

    Trovo ottimi gli articoli e spesso giro la mail ad amici. Non sempre riguardano cibi che uso io ma è importante essere informati su ciò che mangiamo. Nessuno ne scrive. È importante anche il confronto e le risposte delle aziende produttrici.

  3. marco andrea giuseppe bonetti

    ma il PFAS potrebbe finire nelle falde dove attinge la s. benedetto, fra l’altro nel 2018 ci sono stati un paio di casi di presenza di idrocarburi con tanto di richiamo e fotocopie affisse nelle vending machines cjhe distribuivano le bottigliette di acqua S. Benedetto. >Io stesso ho segnalato , senza vere risposte il cattivo odore in alcune partitre. Tutto ciò mi mette il dubbio sulle analiszi e presenza di PFAS anche nelle acque minerali.

    esagero?