Home / Supermercato / Quasi il 20% dei britannici fa la spesa alimentare solo online. Indagine di mercato della società di affiliate marketing Awin

Quasi il 20% dei britannici fa la spesa alimentare solo online. Indagine di mercato della società di affiliate marketing Awin

Driver Delivering Online Grocery Shopping OrderIl 18% dei consumatori britannici fa la spesa alimentare solo online, il 33% lo fa regolarmente ma non in modo esclusivo, il 29% raramente e il 20% non lo ha mai fatto. Lo ha rilevato un sondaggio della società di affiliate marketing Awin, che ha intervistato 2.485 persone maggiorenni del Regno Unito, responsabili degli acquisti per la loro famiglia e suddivise in tre gruppi di età: 18-34, 35-54 e over 55.

Il dato interessante è che sono gli over 55, con il 44%, a fare in maggioranza la spesa solo online, seguiti con il 34% dal gruppo compreso tra i 18 e i 34 anni, mentre la fascia di età 35-54 anni copre solo il 22%. Tra le motivazioni principali di chi acquista solo online vi è la comodità di non doversi muovere da casa e la possibilità di tenere sotto controllo quanto si sta spendendo mentre si aggiungono i prodotti.

Le motivazioni più frequenti di chi non ha mai fatto la spesa alimentare online sono che si preferisce andare a vedere cosa c’è nel negozio e quali sono le offerte (31%), il fatto di essere poco tempo in casa per poter ricevere la consegna (21%) e la diffidenza sulla freschezza dei prodotti (17%).

Al 51% degli intervistati che fa acquisti online sempre o frequentemente è stato chiesto se permetterebbero a un fattorino di lasciare la spesa a casa mentre loro non sono presenti. Il 42% ha dichiarato che sarebbe felice se questa opzione fosse possibile, mentre la maggioranza (58%) ha risposto che non lo consentirebbe.

Solo il 14% degli intervistati ritiene che alla fine i supermercati venderanno solo online, mentre l’86% ritiene che non si arriverà fino a questo punto.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

un centesimo monete

Conad dice addio alle monete da 1 e 2 centesimi dopo lo stop al conio deciso dalla Zecca dello Stato

Conad dice addio alle monetine da 1 e 2 centesimi. Nei punti vendita della cooperativa …