Home / Pianeta / Pesticidi, risoluzione del Parlamento europeo sulla procedura di autorizzazione. Approvata la relazione della commissione speciale

Pesticidi, risoluzione del Parlamento europeo sulla procedura di autorizzazione. Approvata la relazione della commissione speciale

pesticidaIl Parlamento europeo ha approvato la relazione presentata dalla commissione speciale istituita nel febbraio 2018 per esaminare la procedura di autorizzazione dell’Ue per i pesticidi. Il rapporto ha anche lo scopo di rispondere alle preoccupazioni sul sistema di valutazione dei rischi che hanno accompagnato il rinnovo per cinque anni dell’autorizzazione al commercio dell’erbicida glifosato, deciso dalla maggioranza degli Stati Ue e dalla Commissione europea nel novembre 2017.

La commissione speciale del Parlamento europeo doveva valutare eventuali carenze nel modo in cui le sostanze sono esaminate scientificamente e approvate, il ruolo della Commissione europea nel rinnovo della licenza del glifosato ed eventuali conflitti di interesse nella procedura di approvazione, quello delle agenzie dell’Ue e se esse dispongano di personale e finanziamenti adeguati per adempiere al loro mandato.

La risoluzione approvata il 16 gennaio dal Parlamento europeo con 526 voti a favore, 66 contrari e 72 astensioni, sostiene che “sebbene l’Ue disponga di uno dei sistemi più rigorosi al mondo, sia il regolamento in quanto tale che la sua applicazione debbano essere migliorati”, garantendo “una valutazione scientifica indipendente, obiettiva e trasparente delle sostanze attive e dei prodotti fitosanitari”.

Gli eurodeputati invitano la Commissione Ue e gli Stati membri a non approvare più sostanze attive o prodotti fitosanitari per il disseccamento, a non consentirne più l’uso in aree utilizzate dal grande pubblico o da gruppi vulnerabili, e a introdurre nel regolamento misure specifiche per la protezione effettiva delle fasce di popolazione più sensibili, allo scopo di porre fine, senza indugi o deroghe, all’impiego dei pesticidi su lunghe distanze in prossimità di scuole, strutture per l’infanzia, parchi giochi, ospedali, maternità e ospizi.

pesticidi erbicidi campi agricoltura 1
Il Parlamento europeo ha approvato la relazione della commissione speciale sulla valutazione del processo di approvazione dei pesticidi

Inoltre, la risoluzione chiede “la creazione di un efficace sistema di vigilanza successiva all’immissione sul mercato, per monitorare sistematicamente l’impatto reale dell’uso dei prodotti fitosanitari sulla salute umana e animale e sull’ambiente nel suo complesso”, nonché “una ricerca sulle alternative ai prodotti fitosanitari, compresi i metodi non chimici, e sui pesticidi a basso rischio, al fine di presentare agli agricoltori nuove soluzioni per l’agricoltura sostenibile”.

In merito alle procedure di autorizzazione dei pesticidi, il Parlamento europeo chiede che siano resi pubblici gli studi utilizzati, compresi tutti i dati e le informazioni a sostegno delle domande di autorizzazione. Inoltre, viene criticata, perché poco trasparente e potenzialmente fonte di conflitto di interessi, la norma che consente ai richiedenti di scegliere uno Stato membro relatore (RMS) per l’iter di approvazione di una sostanza pesticida presso l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa). La risoluzione chiede che, almeno nel caso di richiesta di rinnovo, la Commissione Ue assegni la valutazione a uno Stato membro diverso da quello responsabile delle precedenti valutazioni.

Infine, il Parlamento europeo chiede un riesame sistematico di tutti gli studi disponibili sulla cancerogenicità del glifosato e delle formulazioni a base di glifosato, al fine di valutare se sia opportuno riesaminare l’approvazione di questo erbicida.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

6 pack ring underwater plastic ocean

Plastica, i rifiuti che inquinano di più il Mar Adriatico? Sono bottiglie, buste e imballaggi. I risultati di uno studio dell’Ispra

Come tutti i mari del mondo, anche l’Adriatico sta soffocando nella plastica monouso. La conferma …

Un commento

  1. Il Parlamento europeo ha battuto un colpo, ora la Commissione non ha più alibi per tergiversare o travisare.
    Attendiamo decisioni sostenibili e lungimiranti.