Home / Giulia Crepaldi (pagina 4)

Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Carne di manzo: tutti i segreti della frollatura che infonde gusto e tenerezza. Attenzione all’etichetta

Three cuts of Raw fresh meat Steaks and seasonings on dark backg

La tenerezza della carne rossa non dipende solo dalla genetica dell’animale e dal metodo di cottura ma anche dal processo di macellazione e lavorazione industriale che ha subito prima dell’arrivo del prodotto in cucina. “I primi fattori che influenzano la tenerezza della carne – spiega Giovanni Ballarini, esperto di sicurezza alimentare e professore emerito dell’Università di Parma, in un articolo su …

Continua »

Tutto bio 2018: in libreria la 24esima edizione dell’annuario del biologico. L’innovazione è “made in bio”

tutto bio 2018

Anche quest’anno è uscito l’annuario “Tutto bio 2018”, come sempre a cura di Rosa Maria Bertino, Achille e Emanuele Mingozzi edito da Bio Bank, giunto alla sua 24esima edizione. Questa volta il tema intorno a cui ruota il volume è  l’“Innovazione Made in Bio”. Nel testo si focalizza l’attenzione sull’innovazione intesa come motore propulsivo del settore biologico (alimentare e non) e …

Continua »

Test olio extravergine di oliva: Farchioni Dop tra i migliori secondo Stiftung Warentest. Appena sufficiente Bertolli

olio extravergine bertolli farchioni aldi sasso test stiftung warentest

La qualità si paga, soprattutto quando si tratta di olio extravergine di oliva, ma non sempre è così. Lo certificano i risultati del test, pubblicati sul numero di febbraio di Stiftung Warentest, la rivista dell’associazione dei consumatori tedesca, che ha esaminato, prima in laboratorio e poi di fronte a un panel di esperti assaggiatori, 27 bottiglie di olio extravergine in vendita …

Continua »

Cibi salutari, ma per finta: vitamine e minerali nascondono zuccheri e grassi. Sotto accusa 300 etichette da tutta Europa raccolte dal Beuc

nestle nesquik zucchero

Gli scaffali dei supermercati sono zeppi di prodotti che fingono di essere salutari grazie all’aggiunta di una manciata di vitamine e minerali, quando in realtà contengono troppi zuccheri, grassi saturi o sale. Tuttavia la presenza di queste diciture è perfettamente in regola per la mancanza di profili nutrizionali che impediscano di usare i claim salutistici e nutrizionali su cibi insalubri. È un …

Continua »

Granarolo lancia G+, la prima linea con il 30% di zuccheri in meno. Ma per la legge non si può chiamare latte

granarolo g+ frigo magro parzialmente scremato

Quando si tratta di decidere quale latte comprare, i consumatori hanno a disposizione un’offerta molto ampia: latte intero, magro o parzialmente scremato, senza lattosio, arricchito di vitamine e minerali, fresco o biologico. Da qualche settimana lo scaffale si è arricchito di una nuova tipologia firmata Granarolo, si tratta di G+, una nuova linea caratterizzata da un contenuto ridotto di zucchero. …

Continua »

Etichette a semaforo, 33 aziende hanno aderito al Nutri-Score. Dopo Auchan e Danone, tra i nuovi nomi c’è Bonduelle

Nutri-Score Fleury Michon Auchan Intermarche

Sono 33 le aziende alimentari e le catene di supermercati che hanno sottoscritto il Nutri-Score, il sistema di etichettatura a semaforo approvato in Francia il 31 ottobre 2017, dopo il via libera europeo. Lo comunica Santé Publique France, l’agenzia nazionale per la salute. Già nell’aprile dello scorso anno tre catene della grande distribuzione – Auchan, Leclerc e Intermarché – avevano …

Continua »

Latte in polvere Lactalis: come si è arrivati all’epidemia di Salmonella? Uno stabilimento vecchio, un batterio resistente e tanta superficialità

latte in polvere petizione

Superficialità e errori di valutazione. Sono questi gli elementi alla base dell’epidemia di Salmonella Agona causata dalle formule per lattanti prodotte da Lactalis. Secondo le cifre ufficiali, il batterio ha colpito 37 bambini in tre Paesi (Francia, Spagna e Grecia), ma i numeri potrebbero essere più alti, perché il microrganismo è presente nello stabilimento Lactalis di Craon fin dal 2005, …

Continua »

“Denominazione di origine inventata”, la vera storia dei prodotti tipici italiani oltre il marketing, tra paradossi e curiosità

denominazione di origine inventata

L’Italia è un paese dai mille prodotti d’eccellenza, frutto di tradizioni secolari e di una sapienza contadina che ha saputo resistere alle prove del tempo. O almeno questo è quello che pensiamo. A infrangere le nostre illusioni sulla storia del Parmigiano e del prosciutto crudo di Parma ci ha pensato il libro “Denominazione di Origine Inventata” edito da Mondadori e …

Continua »

Bottiglie in plastica biodegradabile? Al via una petizione. Non è un’impresa impossibile

bottiglie di plastica PET spiaggia

Dopo l’entrata in vigore della norma che obbliga tutti i negozi e i supermercati italiani a usare solo sacchetti biodegradabili e compostabili per frutta e verdura, c’è chi chiede di andare oltre e ha lanciato una petizione, che ha già raccolto più di 207 mila firme, per chiedere ai governi e alle istituzioni di imporre alle aziende la sostituzione di tutte le …

Continua »

Dalle vitamine ai superfood, tutte le strategie delle aziende per far apparire sani prodotti che non lo sono. L’inchiesta della rivista belga Test Achat

Sugli scaffali dei supermercati ci sono decine prodotti arricchiti di vitamine e minerali, che però non sono così salutari come lasciano intendere le diciture e le immagini. Più volte su Il Fatto Alimentare abbiamo evidenziato il problema. Anche la rivista belga dei consumatori Test Achat ha puntato i riflettori sulla questione con un’inchiesta realizzato con l’intento di spingere le autorità dell’Ue …

Continua »

Latte in polvere, Nestlé sotto accusa: informazioni nutrizionali ingannevoli e marketing scorretto. L’indagine di Changing Markets Foundation

latte in polvere biberon

Nestlé è finita nell’occhio del ciclone per colpa del latte in polvere. La multinazionale svizzera, leader mondiale nel mercato delle formule per lattanti, è stata accusata di manipolare i consumatori fornendo informazioni nutrizionali ingannevoli e strategie di marketing poco etiche. La denuncia arriva da Changing Markets Foundation, che ha pubblicato un rapporto intitolato “Milking It”, basato sul confronto tra più …

Continua »

Cala il numero di vegani e crescono i vegetariani. Difficoltà nei pasti fuori casa per chi rinuncia ai prodotti di origine animale. La fotografia di Eurispes 2018

fresh food

Continua il calo dei consumatori che si dichiarano vegani o vegetariani, come rivelano i risultati del Rapporto Eurispes 2018. Nell’anno corrente le persone che scelgono questi regimi alimentari sono il 7,1%, in leggero calo rispetto al 7,6% di 12 mesi fa e l’8,1% del 2016. A cambiare ancora sono gli equilibri all’interno della categoria: aumentano i vegetariani, che salgono al …

Continua »

Listeria, aumentano i casi tra anziani e donne in gravidanza. Cibi pronti e cattiva conservazione domestica tra le cause. Il parere Efsa

In Europa cresce il numero di casi di listeriosi tra le fasce più vulnerabili della popolazione. Le infezioni sono, infatti, in aumento tra gli anziani sopra i 75 anni e le donne tra i 25 e i 44 anni, soprattutto in relazione alla gravidanza. È questa una delle conclusione del parere scientifico dell’Efsa sui rischi per la salute legati al consumo di …

Continua »

Coldiretti contro le etichette a semaforo usa finti bollini rossi per confondere i consumatori. La verità è però un’altra

Continua la crociata mediatica di Coldiretti contro le etichette a semaforo. Secondo l’organizzazione dei produttori alimentari i bollini multicolori boccerebbero ingiustamente l’85% dell’eccellenza agro-alimentare italiana. L’ultima puntata della saga si è svolta a Bruxelles durante un incontro a cui hanno partecipato anche rappresentanti dell’Associazione dei produttori di zucchero europei (CEFS) e dell’Associazione europea dei prodotti lattiero caseari (EDA), dal titolo …

Continua »

Astici e aragoste: i regolamenti municipali che ne tutelano il benessere? Vaghi e senza basi scientifiche: necessario un intervento nazionale

Il benessere di astici e aragoste venduti vivi per uso alimentare continua a essere una problema spinoso. La questione è tornata alla ribalta dopo che la Svizzera ha deciso di vietare la conservazione su ghiaccio, la legatura delle chele e la bollitura dei crostacei vivi. In Italia, in assenza di una normativa europea o nazionale, la questione del benessere di …

Continua »