Home / Redazione Il Fatto Alimentare (pagina 184)

Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Fukushima, c’è un problema di radioattività per il cibo italiano? Giuseppe Sgorbati, coordinatore Arpa Lombardia, spiega a ilfattoalimentare.it i rischi e i comportamenti corretti

attenzione pericolo radioattivo 178977894

C’è chi sta già facendo scorte di ioduro di potassio, il rimedio di emergenza in caso di esposizione allo iodio radioattivo. E chi, invece, vive sereno, pensando che tanto il Giappone è dall’altra parte del mondo. Ilfattoalimentare.it ha interpellato Giuseppe Sgorbati per capire se il guasto alla centrale nucleare di Fukushima in Giappone potrà avere conseguenze sulla sicurezza alimentare (e …

Continua »

Nucleare: il Parlamento Europeo fissa i livelli massimi di radioattività di alimenti e mangimi nelle emergenze

Measuring radiation levels of fruits

Il nucleare in queste ore è tornato drammaticamente di attualità per la tragedia in Giappone. Senza voler entrare nel merito del dibattito nazionale sulla possibilità di riconsiderare le centrali in Italia, a ricordarci che gli incidenti sono possibili anche in Europa, dove ci sono 195 impianti, segnaliamo che lo scorso 15 febbraio il Parlamento europeo ha dato il via libera …

Continua »

I bambini mangiano più frutta e verdura se imparano presto. Ma mamma e papà devono proporle spesso e senza scoraggiarsi

Child with watermelon

Una ricerca appena pubblicata su Food Quality and Preference mostra che per valutare in modo attendibile il gradimento dei consumatori verso un alimento o una bevanda è necessario che abbiano modo di provarlo più volte. In pratica, non basta un solo assaggio per stabilire se un certo sapore piace oppure no. Lo studio, al quale hanno partecipato 128 persone per …

Continua »

Tonno Rio Mare: la tracciabilità del pesce è a portata di click. Ma in etichetta sarebbe più semplice

Ilfattoalimentare.it si è occupato spesso della tracciabilità delle conserve ittiche: nell’articolo “Che razza di tonno è?” Giuseppe De Giovanni, esperto in etichettatura dei prodotti alimentari, auspicava che alla denominazione generica “tonno” venisse affiancata, nell’elenco degli ingredienti, la specifica specie di appartenenza come indicato dal decreto ministeriale 27 marzo 2002 e successive modifiche. Abbiamo anche raccontato le campagne di Greenpeace sul tema, …

Continua »

Per gli apicoltori la normativa sul miele è troppo rigida a fronte della preoccupante moria delle api

miele

Miele dorato, limpido, purissimo. Anche se in teoria il dolce prodotto delle api può essere “contaminato” da residui di medicinali (se le api sono state curate con antibiotici) e da tracce di organismi geneticamente modificati (se l’allevamento si trova vicino a campi dove crescono Ogm), in realtà le normative vigenti sono molto rigide per cercare di garantire al consumatore un …

Continua »

Kellogg’s e Nestlé reclamizzano i loro prodotti nei programmi Tv per bambini: è corretto?

Five sweet kids, friends, sitting in living room, watching TV

Salve. Domenica 27 febbraio, poco prima delle 8 di sera, ero davanti alla tv con i miei bambini e stavamo guardando i cartoni animati su Boeing tv, un canale digitale terrestre dedicato ai più piccoli. Tra un programma e l’altro, in pochi minuti e per giunta all’ora di cena, abbiamo ricevuto i “consigli per gli acquisti” dei prodotti Kellogg’s Krave …

Continua »

Lo yogurt Activia e Actimel responsabili dell’obesità infantile, l’ennesima bufala di internet

L’ennesima bufala corre in rete e le vittime questa volta sono i due yogurt Activia e Actimel di Danone, accusati di essere la causa dell’epidemia di obesità che colpisce i bambini (vedi il testo sopra). Dopo avere letto questa frase ho controllato la firma e quando ho letto Ospedale di Bellerive mi sono subito tranquillizzato. Ho pensato subito a un altro …

Continua »

L’olio extravergine deodorato non può essere etichettato come il vero extravergine genuino

Ancora una volta la normativa europea ha difeso gli interessi dei grandi e piccoli marchi che da anni ingannano i consumatori, a discapito dei piccoli produttori che agiscono onestamente. Ci riferiamo al Regolamento (UE) n. 61/2011 del 24 gennaio 2011 relativo alle caratteristiche degli oli d’oliva e di quelli di sansa d’oliva nonché ai metodi di analisi ad essi attinenti. …

Continua »

Carlo Cannella ha firmato la nuova piramide alimentare per la prima infanzia che invita le mamme a diversificare il cibo

Baby refuses to eat bambino seggiolone svezzamento

È stato l’ultimo progetto di Carlo Cannella, nutrizionista biochimico e direttore della scuola di specializzazione in Scienza dell’alimentazione presso l’università Sapienza di Roma, divulgatore noto al grande pubblico per la sua lunga collaborazione con Piero Angela a SuperQuark: la messa a punto, come coautore, di una Piramide alimentare per la prima infanzia. Ispirata ai principi della dieta mediterranea e della …

Continua »

I pesci vegetariani fanno bene alla salute: il progetto Aquamax per mangimi più salubri e sostenibili

Se i pesci fossero vegetariani, sarebbero più sicuri per l’uomo, meno “costosi” per l’ambiente, ma altrettanto ricchi dal punto di vista nutrizionale? Sì, secondo i ricercatori del progetto Aquamax che hanno messo a punto mangimi a base di vegetali per salmoni, trote e orate per sostituire quelli tradizionali fatti con farine e oli animali con risultati molto positivi. Aquamax (“Sustainable …

Continua »

Aumentano i prodotti biologici nelle mense scolastiche, solo Milano Ristorazione va in direzione opposta

mensa ristorazione

Alimenti biologici in tutte le mense scolastiche. Non è l’assurda pretesa di qualche genitore pignolo, ma una raccodamandazione “ufficiale” contenuta nell’articolo 59 della legge finanziaria del 2000. Nonostante l’invito, però, nel capoluogo lombardo la società Milano Ristorazione ha adottato solo due prodotti bio: la caciotta e lo stracchino. Eppure il cibo biologico continua a essere una delle principali richieste dei …

Continua »

Consiglio Agricoltura Ue: l’origine dovrà essere indicata anche sulle carni suine, ovine, caprine e avicole

carne suina maiale

Il 21 febbraio il Consiglio Agricoltura ha approvato la proposta di regolamento relativa all’informazione al consumatore sui prodotti alimentari. Il documento prevede l’estensione alle carni suine, ovine, caprine e avicole dell’obbligo di indicare in etichetta il paese d’origine, come già si fa per carni bovine (come già previsto dai reg. CE n. 1760, 1825/00). «I cittadini europei potranno finalmente conoscere …

Continua »

93 bustine di zucchero al giorno! Ecco lo spot della città di New York per ridurre il consumo di bevande

cola

La città di New York, ha presentato una nuova campagna di comunicazione per la prevenzione dell’Obesità e del Diabete, con una serie di spot, che hanno come soggetto in consumo eccessivo di zuccheri. Il messaggio focalizza l’attenzione sulle bibite gasate tipo cola. È la prima volta che una città, una municipalità, decide di intervenire con un linguaggio crudo, cosa dire? …

Continua »

Fernet-Branca riduce di 6 gradi il contenuto di alcol in dieci anni, pochi se ne accorgono perché la tendenza è generalizzata

alcol

La bottiglia di Fernet-Branca comprata al supermercato ha 6 gradi in meno rispetto a quella di 10 anni fa . Pochi consumatori se ne sono accorti, anche se la gradazione è sempre indicata sulle bottiglie e la riduzione del livello alcolico non è di poco conto, visto che si tratta di oltre il 13% (nelle foto in alto il dettaglio …

Continua »

Nanotecnologie: la prudenza non è mai troppa, i francesi fanno ricerca con soldi pubblici

nanoparticelle biossido di silicio

Il settimanale specializzato della grande distribuzione GDO Week ha dedicato un articolo sulle nanotecnologie che fa il punto sullla situazione europea nei confronti di questa nuova “quinta dimensione”. L’autore, Gino Pagliuca, sottolinea la generale prudenza che caratterizza l’atteggiamento delle autorità statali: così, la Camera del Lords del Regno Unito raccomanda un approccio di estrema cautela prima di autorizzarne l’assunzione diretta …

Continua »