Home / Sicurezza Alimentare / L’Agenzia francese per la sicurezza alimentare raccomanda prudenza nel consumo di insetti

L’Agenzia francese per la sicurezza alimentare raccomanda prudenza nel consumo di insetti

insetti a tavola iStock_000055086938_Small
L’interesse crescente verso il consumo di insetti in Europa pone i primi dubbi sulla sicurezza alimentare

In Africa, Asia e America Latina, il consumo di insetti fa parte della dieta alimentare di circa due miliardi di persone. La Fao si è pronunciata a favore del loro allevamento su larga scala, per far fronte alle preoccupazioni sull’approvvigionamento alimentare e sull’apporto proteico. In Europa pare esserci un interesse crescente verso questa pratica, con progetti industriali e di ricerca, nonostante la regolamentazione europea in materia, quella sui Novel Food, lasci aperti molti interrogativi e sia in fase di cambiamento. Di fronte a questo contesto, l’Agenzia francese per la sicurezza alimentare (Anses) ha fatto un inventario delle conoscenze scientifiche sui pericoli legati al consumo di insetti e sui potenziali rischi che richiedono ulteriori ricerche, al fine di poter stabilire norme che li riducano.

 

I rischi possono essere chimici (veleni, farmaci veterinari utilizzati nell’allevamento e pesticidi o inquinanti organici presenti nell’alimentazione degli insetti), biologici (parassiti, virus, batteri) e soprattutto allergenici, simili a quelli di crostacei e molluschi, che suggeriscono cautela da parte dei consumatori che hanno una predisposizione alle allergie. Nell’attuale quadro d’incertezza e di mancanza di dati, l’Anses raccomanda di definire a livello comunitario le liste degli insetti che possono essere consumati o no e a quale stadio del loro sviluppo, di valutare la questione del benessere di queste specie di invertebrati, di stabilire regole per l’allevamento e la produzione di insetti, nonché dei loro prodotti, in modo da garantire il controllo dei rischi per la salute.

 

Cibo prelibato delle cucine vietnamita, filippina e thailandese i Belostomatidi sono insetti acquatici che possono raggiungere anche gli 11–12 cm di lunghezza
I rischi possono essere chimici, microbiologici, ma anche ambientali

Quello dell’Anses è il secondo parere di un’agenzia europea per la sicurezza alimentare sul problema del consumo degli insetti, dopo quello dell’agenzia belga, riferito a una lista di dieci specie, il cui consumo alimentare è tollerato in Belgio. Anche l’Olanda consente la commercializzazione di alcune specie a uso alimentare. Il Lussemburgo, invece, ha deciso di vietarli, dando un’interpretazione restrittiva del regolamento europeo del 1997 sui nuovi alimenti. Su richiesta della Commissione Ue, entro luglio è atteso il parere dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) sui potenziali rischi microbiologici, chimici e ambientali della produzione e del consumo degli insetti. Nel corso del 2015 è previsto anche un nuovo regolamento europeo in materia.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

12.000 confezioni di integratori sequestrate dai Nas. Attenzione agli acquisti online. Ne parliamo con Luca Bucchini, esperto di sicurezza e normativa

Lo scorso mese di novembre il Nas di Livorno ha sequestrato quasi 12.000 confezioni di …