Home / Allerta / Usa, si espande il caso delle infezioni da Listeria nei gelati confezionati. Il focolaio risale al 2010 e coinvolge quattro Stati. Il batterio colpisce circa 1.600 americani l’anno

Usa, si espande il caso delle infezioni da Listeria nei gelati confezionati. Il focolaio risale al 2010 e coinvolge quattro Stati. Il batterio colpisce circa 1.600 americani l’anno

gelato ricoperto dolci iStock_000000578256_Small Infezioni da Listeria
Le infezioni da Listeria possono essere fatali soprattutto in alcuni gruppi ad alto rischio

Si aggrava ed espande il caso delle persone contaminate dal batterio della listeria, presente in gelati confezionati della ditta Blue Bell, consumati da persone ricoverate in ospedale per motivi diversi (leggi articolo).

Scoperto in marzo, in un primo momento il focolaio sembrava essere circoscritto a un ospedale del Kansas, con cinque ammalati, di cui tre morti nel periodo compreso tra il gennaio 2014 e il gennaio 2015. Ora, una ricostruzione retrospettiva ha portato il numero degli infetti accertati a dieci e l’inizio del focolaio viene datato al 2010, coinvolgendo anche Texas, Oklahoma e Texas.

 

gelato giallo 168820646
In un primo momento il focolaio sembrava essere circoscritto a un ospedale del Kansas

Intanto, Blue Bell, che in marzo aveva ritirato nove tipi di gelati confezionati, prodotti in uno stabilimento dell’Oklahoma e potenzialmente contaminati dalla listeria, ora li ha ritirati tutti, compreso ogni altro prodotto (yogurt surgelati, sorbetti, snack surgelati) proveniente dai tutti i suoi stabilimenti, dopo aver scoperto che altri due suoi gelati, prodotti il 17 e il 27 marzo, contenevano il batterio. Pochi giorni dopo, anche un altro produttore di gelati, Jeni’s Splendid Ice Creams, ha provveduto a un ritiro totale, dopo che il Dipartimento dell’agricoltura del Nebraska, durante un controllo a campione, ha individuato la listeria in un suo gelato. Per ora, la Food and Drug Administration non ritiene che ci sia un collegamento tra la contaminazione dei gelati delle due compagnie.

 

L’infezione provocata dal batterio della Listeria monocytogenes colpisce circa 1.600 americani l’anno ed è la terza causa di morte per infezione alimentare. La listeriosi può essere fatale soprattutto in alcuni gruppi ad alto rischio: anziani, persone con sistema immunitario indebolito o con condizioni mediche croniche. Nelle donne incinte, l’infezione può causare aborti spontanei, nascita di feti morti, parti prematuri, gravi malattie o decessi nei neonati.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

formaggi latticini pepe nero

Formaggio al pepe con Escherichia coli e lattosio non dichiarato in ragù di carne… Ritirati dal mercato europeo 143 prodotti

Nelle settimane n°17 e 18 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta …