Home / Agnese Codignola (pagina 10)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Gli italiani e il pesce di acquacoltura: mancano fiducia e conoscenza. Lo studio del CREA

I consumatori europei preferiscono il pesce pescato a quello allevato, ma forse è perché non conoscono a sufficienza la realtà delle acquacolture convenzionali e di quelle biologiche, che però rappresentano una quota minoritaria del mercato. È auspicabile in futuro una maggiore fiducia, soprattutto se le persone saranno aiutate a conoscere meglio le caratteristiche del pesce cresciuto in condizioni controllate. In …

Continua »

L’etichetta a semaforo Nutri-Score obbligatoria in Europa? Lo chiedono Nestlé, Danone, Lidl… insieme ad associazioni di consumatori

Nutri-Score-europa

Ci sono Nestlé, Danone, McCain, Carrefour e Lidl, ma anche molte associazioni dei consumatori (tra cui Altroconsumo), accademici e membri del Parlamento europeo tra i firmatari della lettera che chiede alla Commissaria europea per la salute e l’alimentazione Stella Kyriakides l’introduzione dell’obbligo di adottare l’etichetta a semaforo Nutri-Score in tutti i paesi dell’Unione. L’appello arriva in occasione dell’imminente pubblicazione della …

Continua »

Orto sul satellite: ecco Greencube, l’esperimento italiano per testare la coltivazione idroponica nello spazio

coltivazione idroponica orto urbano

Si chiama Greencube ed è un mini orto italiano (dimensioni: cm 30 x 10 x 10) pronto per essere portato in orbita, a 6 mila km dalla Terra, su un piccolo satellite – un cubesat – che sarà lanciato dal vettore Vega-C dall’Agenzia spaziale europea. A idearlo sono stati i ricercatori italiani dell’Enea, delle Università La Sapienza di Roma e …

Continua »

Antartide e plastica, trent’anni di studi del British Antarctic Survey su spiagge, uccelli marini e rifiuti umani

plastic industrial waste rejected by the sea

Packaging alimentare, materiale da pesca e rifiuti generici: tutti in plastica, e tutti capaci di navigare fino all’Antartide. La conferma di osservazioni già segnalate in modo sporadico negli ultimi anni arriva da due studi appena pubblicati su Environment International da un gruppo di ricercatori del British Antarctic Survey (missione che da molto tempo tiene sotto controllo la situazione con campionamenti …

Continua »

L’olio di palma ai tempi del coronavirus. Durante la pandemia, l’Oms consiglia di evitarne il consumo e preferire grassi insaturi sollevando critiche dalla Malesia

Tra le molte indicazioni diffuse negli ultimi mesi, l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ne ha date anche di alimentari, sottolineando cosa è opportuno evitare e cosa è invece consigliabile mangiare in tempi di pandemia. La raccomandazione generale è quella di mantenere una dieta ben equilibrata e di avere cura dell’idratazione, perché queste due condizioni assicurano un buon funzionamento del sistema immunitario. Cibi …

Continua »

Coronavirus: al via a New York la sperimentazione di un antiacido su mille infettati di CoVid-19

Nel sempre più corposo armamentario dei farmaci in sperimentazione contro il Covid-19 arriva anche un antiacido utilizzato da decenni: la famotidina, un inibitore dei recettori dell’istamina H2, in studio a New York, all’ospedale di Northwell Health, su oltre 1.000 pazienti. La vicenda è raccontata da Science, che ne ricostruisce i passaggi, molto illuminanti per quanto riguarda i rapporti non facili tra …

Continua »

Effetto cocktail: la situazione dell’accumulo dei pesticidi in Europa è sotto controllo

Spraying Insecticide on Colorado Potato Beetle Bugs Larvas

Dopo molti anni di studi e di collaborazione con l’Istituto nazionale olandese per la salute pubblica e l’ambiente (RIVM), l’EFSA ha pubblicato i primi due studi su un argomento cruciale: l’effetto cocktail (o cumulativo), in questo caso dei pesticidi, sulla tiroide e sul sistema nervoso. È questo, più che la valutazione della singola sostanza, il parametro che fornisce una visione …

Continua »

Coronavirus, milioni di mascherine in stoffa lavabili e riutilizzabili in arrivo per i francesi. L’annuncio del governo

Entro i primi di maggio i francesi avranno a disposizione mascherine in tessuto, lavabili e quindi riutilizzabili, realizzate secondo specifiche caratteristiche definite dal governo e quindi autorizzate. La Francia risponde così a una questione che sembra preoccupare meno di quanto dovrebbe in altri paesi a cominciare dall’Italia: la necessità di smaltire le decine di milioni di mascherine monouso consumate ogni …

Continua »

Plastica, scoperto un enzima che scompone il PET nelle sue componenti base. Un passo avanti nel riciclo delle bottiglie

bottiglie acqua minerale plastica

La plastica utilizzata soprattutto per le bottiglie, il polietilene tereftalato o Pet, viene riciclata solo al 30% a livello mondiale. La parte avviata alle filiere del riciclo finisce per lo più in prodotti come tappeti e fibre perché essendo scura e opaca, non è apprezzata dall’industria delle bevande. Ciò spiega perché i 359 milioni di tonnellate di plastica (70 dei …

Continua »

Verdure surgelate e Listeria: Efsa valuta il rischio dopo l’epidemia europea. Le raccomandazioni per produttori e consumatori

verdure surgelate

Spesso le verdure surgelate vengono sbollentate prima del processo di surgelazione, per bloccare le attività enzimatiche che possono provocare una perdita di sapore, colore e consistenza. Ma il trattamento non è sempre efficace nel ridurre il rischio di contaminazione da Listeria monocytogenes. Dopo l’ultima crisi, che ha causato dieci morti tra il 2015 e il 2018 (su 53 infettati) e …

Continua »

Il progetto “mele perdute” negli Usa: recuperare specie con patrimoni genetici più forti come investimento per il futuro

Si chiama The Lost Apple Project (il progetto mele perdute), e anche se i volontari hanno dovuto temporaneamente interrompere le attività sul campo a causa del lockdown, negli ultimi mesi del 2019 ha portato la scoperta di dieci specie di mele selvatiche che si credevano ormai irrimediabilmente estinte. La storia, raccontata dall’Associated Press, unisce la passione di un gruppo di …

Continua »

Fave al posto della soia. Dal legume ottenuta una farina proteica versatile e dal ridotto impatto ambientale

Fave su tavolo di legno

Fave al posto della soia. Una possibile soluzione per limitare la domanda planetaria di quest’ultima, evitare di concorrere alla deforestazione in atto in paesi come il Paraguay e il Brasile, limitare la perdita di biodiversità associata all’estensione delle monocolture e ridurre l’impronta causata dal trasporto da grandi distanze della materia prima. Non solo, potrebbe essere anche un modo per evitare …

Continua »

Un miliardo e mezzo di vegani? In Cina, il coronavirus spinge le vendite di prodotti vegetali: nuova consapevolezza sull’origine della carne

omnipork piatto cina

I cittadini cinesi, complice la paura suscitata dal Covid-19 e la nuova consapevolezza sull’importanza della provenienza delle fonti di proteine, si stanno orientando verso i sostituti vegetali della carne molto più in fretta di quanto non avvenisse prima della pandemia. Questo potrebbe avere conseguenze anche a livello globale, visto che il paese è il primo consumatore di carne al mondo, …

Continua »

Il km zero è un sogno per due terzi degli abitanti del pianeta: il sistema alimentare mondiale è sempre più globalizzato

pasta grano campi agricoltura

Consumare alimenti prodotti vicino a casa, il cosiddetto km zero, è vantaggioso per l’ambiente, perché abbatte l’impronta associata al trasporto e allo stoccaggio. Inoltre mette al riparo dagli effetti di eventi catastrofici ed emergenze globali come la pandemia da Covid-19. Ma non è alla portata di tutti. Al contrario, meno di un abitante della Terra su tre se lo può …

Continua »

Coronavirus e integratori naturali: l’opinione dell’Anses. “Attenzione: potrebbero interferire con il funzionamento del sistema immunitario”

Chi si vuole difendere dal rischio di infezione dal nuovo coronavirus Sars-Cov-2 con un integratore a base di erbe, dovrebbe  pensarci due volte. Molti prodotti  interferiscono con il funzionamento del sistema immunitario, e possono indebolirne la reazione. A mettere sull’avviso è l’Agenzia per la sicurezza alimentare francese, l’Anses, che pubblica un documento, stilato da un comitato di esperti riuniti d’urgenza. …

Continua »