Home / Agnese Codignola (pagina 10)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Frodi del pesce: 1 campione su 3 è diverso da quello descritto in etichetta. Il pangasio spacciato come cernia, sogliola o altre 16 specie

pesce

L’organizzazione ambientalista statunitense Oceana ha diffuso l’ultimo rapporto sulle frodi nella commercializzazione del pesce, realizzato nell’ambito di una campagna globale che sta conducendo dal 2011. Le notizie sono tutt’altro che buone. Analizzando oltre 200 studi condotti in 55 Paesi del mondo si rileva che, in media, un un terzo dei campioni ittici è fraudolento, nel senso che risulta essere una specie …

Continua »

Biossido di titanio: assolto. L’Efsa dà il via libera al colorante usato per dolci, creme, caramelle e gomme da masticare. Solo lo 0,1% è assorbito dall’intestino

additivi alimentari

Il biossido di titanio usato come colorante alimentare non costituisce un pericolo per la salute, perché il suo assorbimento per via orale è bassissimo. Non ci sono prove del fatto che aumenti il rischio di tumori né che sia nocivo per il feto, così come non sembrano esserci in generale indizi di una sua tossicità. Per questo, anche se al …

Continua »

Tutti pazzi per il gluten free! Aumentano i consumatori senza validi motivi medici spinti da moda e business

Gluten free glutine celiachia Amaranto

Negli Stati Uniti, nel corso degli ultimi anni, il numero di diagnosi di celiachia è rimasto stabile, mentre quello delle persone che preferiscono alimentarsi con prodotti senza glutine è sensibilmente aumentato. La contraddizione, ben nota agli esperti, è stata dimostrata con numeri molto significativi in uno studio condotto alla Rutgers New Jersey Medical School di Newark. I ricercatori  hanno pubblicato …

Continua »

Gatorade: negli USA lo sport drink diventa biologico grazie agli ingredienti naturali. Critiche dai nutrizionisti

PepsiCo ha annunciato per il prossimo autunno la commercializzazione della versione biologica del Gatorade, lo sport drink più famoso che, secondo la rivista Beverage Digest, detiene il 70% del mercato americano. La nuova linea, lanciata al momento solo negli USA e chiamata G Organic, sarà realizzata a partire da sette elementi base: acqua, zucchero di canna biologico, acido citrico, aromi …

Continua »

Mucche felici, latte più nutriente: i livelli di calcio influenzati dalla serotonina aumentano

Le mucche felici fanno un latte più nutriente e ricco di calcio. Sembra una banalità o l’eredità della saggezza popolare, ma uno studio appena pubblicato sul Journal of Endocrinology conferma che è davvero così. L’associazione è stata dimostrata grazie a un esperimento basato sulla somministrazione di un composto chimico, la serotonina, i cui livelli si innalzano (o si abbassano) in …

Continua »

Messico: funziona la tassa sul junk food. Efficacia maggiore sulle categorie a rischio obesità

CHIPS SNACK

Nel gennaio del 2014 il Messico ha introdotto una tassa sul junk food che ha interessato alimenti non essenziali con contenuto calorico pari o superiore a 275 Kcal/100 grammi come patatine, salatini, dolciumi, gelati. La tassa ha gravato per circa l’8% del prezzo. E’ passato più di un anno, e un gruppo di nutrizionisti dell’istituto Nazionale di Salute Pubblica di …

Continua »

OGM: dopo il Vermont, in USA arriva la legge federale sull’etichettatura. Piovono le critiche: “Favorisce l’industria a scapito della trasparenza”

Nei giorni scorsi il Senato degli Stati Uniti ha approvato la nuova legge nazionale sulle indicazioni in etichetta degli organismi geneticamente modificati (GM). La notizia è stata accolta come una svolta  su un tema tanto dibattuto quanto controverso. Anche se il dispositivo dovrà superare ulteriori votazioni,  la legge prevede che le aziende possano scegliere tra differenti modalità: l’indicazione in etichetta, …

Continua »

La pubblicità dei prodotti alimentari rivolta ai bambini aumenta il consumo di junk food. Ma se si usa per promuovere cibi sani si favoriscono abitudini più salutari

La pubblicità di alimenti rivolta ai bambini funziona. E non è necessariamente una cattiva notizia: tutto dipende dall’oggetto promosso. Se infatti si spingono i più piccoli a consumare junk food, il risultato non potrà che essere un continuo aumento dei livelli di sovrappeso e obesità infantili, ma se le stesse tecniche di marketing vengono applicate agli alimenti più sani, i …

Continua »

Sport drink sotto accusa: possono danneggiare i denti e favorire il sovrappeso se non usati correttamente. I risultati di uno studio dei dentisti inglesi

“Irresponsabile”, così la British Dental Association ha definito il comportamento dei produttori di sport drink, dopo la pubblicazione di uno studio dell’Università di Cardiff sul British Dental Journal. L’accusa  rivolta alle aziende è di pubblicizzare e vendere bibite a ragazzi che non hanno bisogno e ne traggono quindi solo danni per i denti e per l’eccesso di calorie. Gli sport …

Continua »

La Cambpell elimina il BPA dalle lattine delle sue minestre. Siamo sicuri che lo sostituirà con sostanze meno pericolose? Il caso del BPS

La Campbell, colosso statunitense delle minestre pronte in scatola e dei primi piatti, ha annunciato che entro il 2017 eliminerà il bisfenolo A* (BPA) dai prodotti in lattina, anche se entro dicembre la sostituzione avrà già raggiunto il 75% delle confezioni distribuite in tutto il Nord America. La decisione è il risultato della spinta di un’opinione pubblica sempre più preoccupata …

Continua »

Aquabounty: il salmone che cresce il doppio in metà tempo è a rischio. Associazioni in causa contro la scelta della FDA di ammetterlo per il consumo umano

Non c’è pace per Aquabounty, il salmone geneticamente modificato messo a punto venti anni fa, ma che solo da pochi mesi ha ricevuto l’autorizzazione della Food and Drug Administration per il consumo umano. Diverse associazioni ambientaliste, tra le quali il Center for Food Safety, il Food and Water Watch, lo Friend of the Earth e alcune di pescatori e produttori …

Continua »

Arsenico nel riso: limiti sempre più stringenti in Europa e negli Usa per i prodotti destinati ai bambini

riso

La FDA, seguendo quanto già deciso dalla Commissione Europea in seguito ai suggerimenti dell’EFSA, e in risposta alle pressioni crescenti di molte associazioni di consumatori (Consumer Reports nel 2012 ha denunciato presenza eccessiva di arsenico in 60 prodotti) potrebbe introdurre dei limiti  stringenti per la concentrazione di arsenico inorganico nel riso e nei prodotti derivati destinati ai bambini. La proposta …

Continua »

Il consumo di pesce di allevamento non è sempre positivo: spesso gli omega 3 sono insufficienti e la dose di mercurio elevata. Meglio scegliere pesce di piccola taglia

pesce pescheria

Il pesce è consigliato a tutti, per l’apporto di acidi grassi omega 3 e altri preziosi nutrienti, ma non viene forse sottolineato con sufficiente forza che bisogna fare attenzione al tipo di pesce. Il rischio è di assumere contemporaneamente pochi acidi grassi omega 3  e  troppo mercurio. Non solo. L’aumento esponenziale del pesce di allevamento degli ultimi anni ha causato …

Continua »

Infezioni alimentari: la rete di sorveglianza PulseNet negli USA svolge un ruolo importante per monitorare e arginare le contaminazioni

sicurezza degli alimenti

Monitorare le infezioni alimentari aiuta la prevenzione  e fa risparmiare molto denaro. È una promozione a pieni voti quella che emerge dallo studio pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine dai ricercatori delle università dell’Ohio e del Minnesota sulla rete PulseNet (network dei Center for Diseases Control di Atlanta dedicato alle crisi provocate da una contaminazione batterica alimentare). Lo studio fornisce …

Continua »

Troppo sale in UK: nei prodotti confezionati le quantità sono alte. Le azioni intraprese senza l’aiuto di una legge non servono

Il governo inglese deve fare di più per ridurre il sale che è ancora troppo presente nella maggior parte dei prodotti confezionati. Le dichiarazioni intenti fatte negli ultimi anni dagli operatori del settore,  essendo iniziative volontarie affidate ai singoli produttori in risposta alle sollecitazioni delle autorità sanitarie e scientifiche,  hanno clamorosamente fallito. Nel 2007 dopo che la Food Standards Agency …

Continua »