Home / Agnese Codignola (pagina 10)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Coca-Cola non abbandonerà le bottiglie di plastica. Il motivo? “I consumatori le preferiscono”

Bottles of carbonated soft drink Coca-Cola

In un solo minuto, Coca-Cola produce 200 mila bottiglie di plastica, per un totale di 100 miliardi l’anno, pari a circa tre milioni di tonnellate di plastica. La pessima notizia è che non ha alcuna intenzione di smettere, anche se nel 2019 ha conquistato l’assai poco invidiabile primato di azienda più inquinatrice del mondo per quanto riguarda la plastica, nell’indagine compiuta …

Continua »

I social media possono aiutare a monitorare l’igiene dei ristoranti, tra un’ispezione e l’altra. L’insolito studio dei ricercatori americani

Upset Customer Showing Thumbs Down In a Restaurant

I social media possono avere un ruolo positivo in un ambito inconsueto: quello delle condizioni igieniche dei ristoranti. Se gli utenti esprimono le loro valutazioni con strumenti adeguati e il più possibile obbiettivi, le segnalazioni e i punteggi possono premiare i più scrupolosi e aiutare le autorità sanitarie a verificare le condizioni dei locali a rischio. In questo modo si …

Continua »

Yogurt Müller al gin tonic: un successo in Gran Bretagna ma i medici di famiglia protestano

In Gran Bretagna dal mese di settembre 2019 la Müller vende uno yogurt senza zuccheri aggiunti, senza grassi e con molte proteine. La vera novità è che contiene lo 0,5% di gin. Il risultato è un prodotto chiamato Light Gin & Tonic inspired che, secondo quanto riferisce l’azienda, sta incontrando il gradimento del pubblico e può essere tranquillamente inserito in …

Continua »

Fare a meno dell’olio di palma è una missione impossibile? Le strategie esplorate da aziende e ricercatori

olio di palma latte artificiale

L’olio di palma è un componente essenziale non solo di un’infinità di alimenti industriali, ma anche di cosmetici, farmaci e carburanti, al punto che si stima sia presente nel 50% dei prodotti di consumo. Inoltre lo si trova in numerosi materiali come quelli usati in edilizia, ed è fondamentale per il cibo per animali domestici e per i mangimi per …

Continua »

Starbucks, dopo l’Europa la bevanda all’avena arriva tra le alternative vegetali anche negli USA: il lancio nei locali del Midwest

New York, USA - November 5, 2019 : Close up of a Woman drinking a tall Starbucks coffee in starbucks coffee shop with carrot cake.

La catena di caffetterie Starbucks ha annunciato il lancio, in 1.300 locali del Midwest statunitense, di una nuova bevanda all’avena, che va ad affiancare il latte di cocco (aggiunto nel 2015) e quello di mandorle (del 2016), già offerti ai clienti di Stati Uniti e Canada. La bevanda all’avena faceva già parte dei menu europei, dove era stata introdotta nel …

Continua »

Cosa ne pensano gli onnivori di vegetariani e vegani? Secondo gli inglesi è una scelta etica e buona per l’ambiente

Che cosa pensano gli onnivori dei vegetariani? La domanda se la sono posta gli psicologi dell’Università di Bath, in Gran Bretagna, per capire che tipo di atteggiamento ci sia, nell’opinione pubblica prevalente, in merito al consumo di carni, soprattutto pensando all’impatto ambientale degli allevamenti e alle sofferenze degli animali, e a prescindere dalle scelte personali. E in effetti il risultato, …

Continua »

Meno zucchero negli yogurt britannici: il calo maggiore nei prodotti per bambini, da bere e alla frutta. Attenzione ai surrogati vegetali

young woman at home eating yogurt

Le campagne pubbliche per migliorare la consapevolezza dei cittadini sul contenuto del cibo che acquistano e per indurre le aziende a fare di più e di meglio funzionano. Lo dimostra, indirettamente, un’analisi molto completa del mercato degli yogurt condotta dai ricercatori dell’Università di Leeds, in Regno Unito, paese che ha da tempo dichiarato guerra all’obesità dilagante e che ora può …

Continua »

In futuro berremo sempre più acqua riciclata, per il cambiamento climatico e la popolazione in aumento. Impariamo a conoscerla

acqua del rubinetto

Di fronte alle carenze idriche con cui dovremo fare i conti nei prossimi anni, non è possibile essere schizzinosi: bisognerà abituarsi a bere anche l’acqua riciclata dagli impianti di depurazione, e dobbiamo tutti iniziare a familiarizzare con l’idea. Anche perché già oggi due miliardi di persone, il 70% delle quali residenti in grandi metropoli, prevalentemente in paesi dell’Africa e dell’Asia …

Continua »

Pomodori come grappoli d’uva: la varietà creata per l’urban farming utilizzando l’editing genetico

pomodori

Anche se per il momento nessun europeo potrà coltivarli, negli Stati Uniti e in altri paesi dove è permesso studiare e, dopo gli opportuni via libera, commerciare piante con modifiche genetiche ottenute tramite la tecnica CRISPR-Cas9, potrebbe presto esserci una nuova varietà di pomodori. Frutti piccoli e saporiti, ma con una particolarità: capaci di crescere con una disposizione simile a …

Continua »

Sugar tax nel mondo: a che punto sono le tasse sulle bevande zuccherate, paese per paese

A che punto siamo con la sugar tax nel mondo? La domanda se la pone il sito Food Navigator, che in un lungo articolo riassume le decisioni assunte da diversi paesi, Italia compresa, con orientamenti e scelte assai differenziati. Eccoli: Stati Uniti. Diversi stati e città hanno adottato una soda tax, cioè una tassazione limitata alle bevande dolci: Boulder, Albany, …

Continua »

Nel 2100 dovremo produrre l’80% di calorie in più per sfamare 11 miliardi di persone. Lo studio pubblicato su PLoS One

Close up shot of an young successful man farmer is controlling with his hands at the moment harvested corn grains in a agricultural silo.

Siamo sempre di più, e siamo anche più alti e più grassi. Ciò significa che presto ogni essere umano avrà bisogno di decine di calorie in più ogni giorno. Per questo, e poiché secondo l’Oms entro il 2100 saremo circa 11 miliardi, dovremo produrre l’80% di calorie in più rispetto ad oggi. Lo afferma uno studio pubblicato dai ricercatori dell’Università …

Continua »

Acqua potabile: la proposta per la nuova normativa prevede limiti più severi per contaminanti, pfas, microplastiche…

Pochi giorni prima della pausa natalizia i deputati del Parlamento europeo Christophe Hansen (Ppe, Lussemburgo) e Bas Eickhout (Verdi, Olanda) hanno annunciato con un tweet il raggiungimento di un accordo sulla nuova normativa per la qualità dell’acqua potabile, che dovrebbe contemplare valori soglia più severi per i contaminanti, nuove regole per gli interferenti endocrini e le microplastiche, regole per il …

Continua »

Alimentazione e obesità: se gli americani mangiassero meglio risparmierebbero fino a 50 miliardi di dollari l’anno

Se gli americani mangiassero meglio risparmierebbero fino a 50 miliardi di dollari all’anno. E a parte le considerazioni economiche, dovrebbero farlo, perché in caso contrario tra pochissimo, entro il 2030, uno su due sarà obeso e uno su quattro gravemente obeso. Questi due messaggi, che arrivano da due studi pubblicati negli stessi giorni, dipingono un quadro molto preoccupante per un …

Continua »

Per i bambini, forse è meglio il latte intero: minore rischio di obesità e sovrappeso. Lo rivela uno studio canadese

bambina vitamine latte frutta

La maggior parte delle linee guida consiglia, come misura anti-obesità, di far bere ai bambini latte parzialmente scremato, cioè con una quantità di grasso che va dallo 0,1 al 2% (in Italia il valore di grasso è dell’1,5%). Ma si tratta di una misura efficace e soprattutto fondata scientificamente? Si direbbe di no, stando alla metanalisi pubblicata sull’American Journal of …

Continua »

Microplastiche: cosa sono, dove si trovano e che effetti hanno sulla salute. Tutto quello che si sa (e non si sa) spiegato dal BfR

Micro plastic.Small Plastic pellets on the finger.

Nello scorso mese di febbraio i tedeschi preoccupati per le microplastiche nel cibo erano il 56% della popolazione. Il dato è segnalato dalla rilevazione Consumer Monitor che il BfR, l’istituto federale per la valutazione del rischio, realizza due volte all’anno. Nel mese di agosto 2019, la percentuale era salita di 7 punti, attestandosi al 63%. L’incremento aiuta a capire perché …

Continua »