;
Home / Redazione Il Fatto Alimentare (pagina 170)

Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Notizie dal mondo: Campylobacter, ignoranza nutrizionale, pellicola per la carne, BPA in Francia, Coca-Cola e Pepsi senza olio vegetale bromurato

Le notizie dal mondo di questa settimana arrivano da Gran Bretagna, Stati Uniti e Francia   Con il barbecue estivo è in arrivo anche il Campylobacter Con l’estate arriva la stagione del barbecue, una tradizione che può essere a rischio d’intossicazione. Come riferisce il britannico The Star, nella città inglese di Doncaster, che conta quasi 70.000 abitanti, negli ultimi tre …

Continua »

Arriva la stagione delle grigliate e del barbecue in giardino: rischio Campylobacter 190 mila casi l’anno in Europa

Con l’estate arriva la stagione del barbecue, una tradizione che può essere a rischio d’intossicazione. Come riferisce il britannico The Star, nella città inglese di Doncaster, con i suoi quasi 70.000 abitanti, negli ultimi tre anni sono stati registrati 1.479 casi d’intossicazione causata dal batterio Campylobacter. Nei dodici mesi tra aprile 2013 e marzo 2014, sono stati segnalati 475 casi. …

Continua »

Un sondaggio rivela la scarsa conoscenza dei britannici sulle proprietà del cibo: cambiare il modo di informare o la composizione degli alimenti?

In Gran Bretagna l’obesità si diffonde, ma la grande maggioranza delle persone ignora le proprietà del cibo che mangia. Da un sondaggio commissionato da AB Sugar, grande industria internazionale dello zucchero, e condotto su un campione di duemila adulti, risulta che il 94% non tiene mai conto, o lo fa solo occasionalmente, della quantità di calorie che assume giornalmente. Il …

Continua »

Allergie ed etichette: una lettrice interviene sul problema ancora irrisolto dei livelli soglia che possono scatenare le reazioni

Pubblichiamo una lettera firmata da Monica, curatrice del blog Mi Mangio l’Allergia, sul delicato problema dei livelli di soglia in grado di scatenare un’allergia.   Proprio l’altro giorno, in una discussione con alcuni celiaci, mi si chiedeva se l’industria è “obbligata” a segnalare le “tracce” di alimenti… Vorrei condividere le informazioni (e le fonti) di cui io sono al corrente. …

Continua »

Come leggere le etichette? Una galleria fotografica con le nuove regole che entreranno in vigore a dicembre

È la prima volta che il Ministero della salute pubblica l’opuscolo “Etichettatura degli alimenti. Cosa dobbiamo sapere“ in cui descrive in modo meticoloso le diciture che dovranno essere presenti sulle confezioni prendendo spunto dal Regolamento (UE) 1169/2011, in vigore dal 13 dicembre 2014. L’altra novità è la scelta di una grafica accattivante che facilita la lettura di argomenti importanti ma non …

Continua »

Trovata una pellicola commestibile farcita con origano e rosmarino da usare per ridurre la carica batterica della carne

maiale carne

Ridurre la carica batterica della carne confezionadola in una pellicola commestibile per alimenti, è questa l’interessante proposta messa a punto dalla PennState University. Naturalmente la pellicola è particolare perchè contiene oli essenziali di origano e rosmarino, oltre che nanoparticelle di argento o di ossido di zinco per inibire significativamente la carica batterica nelle carni fresche o trasformate e nei prodotti avicoli. Lo studio …

Continua »

Energy drink: gli adolescenti considerano queste bevande alla stregua delle bibite per sportivi e le mischiano con alcol. I preoccupanti risultati di una ricerca dell’Università di Catanzaro

Più della metà degli adolescenti consuma abitualmente bevande energizzanti, ma molti di loro non sanno cosa contengono. Una parte di giovani le ritiene simili alle bibite reidratanti per uso sportivo, non troppo diverse da aranciate, cole e, soprattutto, tutt’altra cosa rispetto al caffè. Il quadro sconcertante emerge da uno studio coordinato da Maria Pavia, direttore della Scuola di igiene e …

Continua »

Tutte le risposte su allergie e intolleranze: il quiz dalla FSA inglese. A cura di Roberto Bernardini e di Iride dello Iacono del SIAIP

Come riconoscere la realtà dalle bufale quando si parla di allergie e intolleranze alimentari? Questo test elaborato dalla FSA (Food Standards Agency) inglese, cerca di sfatare le leggende di queste due patologie, fornendo informazioni precise su cosa sono, quali sono i sintomi, i trattamenti e le persone colpite. Il Fatto Alimentare aveva già trattato l’argomento con l’aiuto di Roberto Bernardini, …

Continua »

La Francia dice stop al bisfenolo A nei contenitori alimentari e negli scontrini: confermato il divieto dal 1° gennaio 2015

Il ministro francese dell’ecologia, Ségolène Royal, ha confermato che dal 1° gennaio 2015 scatterà il divieto di utilizzo del bisfenolo A (BPA) nei contenitori a contatto con gli alimenti e ha annunciato che il divieto varrà anche per gli scontrini fiscali. Il BPA è una sostanza utilizzata per produrre plastiche e resine, ed è un interferente endocrino, con effetti sulla …

Continua »

Novi crema spamabile “senza grassi estranei”. Questa dicitura sull’etichetta è corretta o fuorviante chiede un lettore

Gentile Redazione, vi scrivo per chiedere di verificare la correttezza di una scritta che compare sull’etichetta di Novi crema spalmabile di Elah-Doufour Spa. In bella vista si legge “senza grassi estranei” e sopra alla tabella nutrizionale vi è scritto: “senza aggiunta di grassi diversi da quelli per natura contenuti nelle nocciole e nel cacao”. Tra gli ingredienti è però specificato …

Continua »

Coca-Cola e PepsiCo costrette da una petizione online a eliminare l’olio vegetale bromurato da tutte le loro bibite

Coca-Cola

Coca-Cola ha annunciato che nei prossimi mesi eliminerà dalle sue bibite, in tutto il mondo, l’olio vegetale bromurato. L’additivo è utilizzato come stabilizzatore nelle bibite aromatizzate ed è già vietato in Europa e in Giappone. La decisione nasce dalla pressione organizzata da una diciassettenne del Mississippi, Sarah Kavanagh. Alla fine del 2012 la ragazza aveva lanciato una petizione su Change.org, con …

Continua »

Ritiri e rischi alimentari in Europa: il bilancio del primo trimestre 2014. L’Italia è il paese che fa più segnalazioni e l’ottavo per le irregolarità

La Relazione sul sistema di allerta alimentare europeo (Rapid Alert System for food and feed, RASFF) relativa al primo trimestre 2014, con le sue 787 notifiche, evidenzia una buona tenuta del sistema di controllo comunitario che ha consentito di individuare e togliere tempestivamente dal mercato prodotti non idonei al consumo e mangimi destinati agli animali.   Negli ultimi 15 anni …

Continua »

Notizie dal mondo: no alla difenilammina, conflitti di interesse nell’Efsa, fibre anti-fame, carne Halal da Subway, chiusura dei fast food della Marina USA

Le notizie dal mondo di questa settimana arrivano da Unione Europea, Gran Bretagna e Stati Uniti   Da marzo stop a mele e pere importate dagli Stati Uniti, l’UE abbassa drasticamente la presenza di difenilammina Il 2 marzo è entrato in vigore un regolamento della Commissione europea che abbassa da 5 a 0,1 mg/kg il limite massimo di residui di …

Continua »

La schiuma dei ceci in scatola è normale? Una lettrice dice che sembra detersivo. Risponde l’esperto di conserve vegetali Antonio Trifirò

A proposito di ceci (leggi articolo), vorrei segnalare una cosa che a me è sembrata un po’ strana. Avevo comprato una scatolo di questi legumi e il sapore era buono, tuttavia, dopo aver versato il contenuto in un piatto, ho messo nel barattolo di vetro dell’acqua ed ho agitato il tutto. Risultato: si è formata schiuma come se ci fosse del …

Continua »

Farina Garofalo: un lettore chiede se la dicitura “senza additivi” è fuorviante. La risposta dell’azienda e la replica

Gentile Redazione ho un quesito in merito all’etichettatura del prodotto Farina Garofalo: faccio riferimento alle indicazioni sulla confezione  che dicono “senz’altro e senza additivi”. In base al Dlg 109/92  Art. 2. (Pubblicità)  comma  2: «L’etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari, fatte salve le disposizioni applicabili alle acque minerali naturali e ai prodotti destinati a una alimentazione particolare, non …

Continua »