Home / Redazione Il Fatto Alimentare (pagina 169)

Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Sicurezza alimentare: RASFF settimana n.28 del 2011: 68 alimenti ritirati dal mercato europeo

I prodotti  ritirati dal mercato europeo  attraverso il Sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi (Rasff) nella 28° settimana del 2011 sono stati 68 (14 le segnalazioni inviate dal ministero della Salute italiano). L’elenco italiano comprende cinque allerta: tre riguardano partite di mercurio in pesce spada proveniente dalla Spagna, due riguardano parassiti e Anisakis in naselli freschi sempre provenienti …

Continua »

La spesa in Usa: nelle aree “food desert” si compra il cibo alle pompe di benzina. Ma anche nei supermarket abbonda la qualità scadente. Con qualche costosa eccezione

chips

Mentre si legge l’ennesimo documento dell’Usda (il ministero dell’agricoltura americano) sul dilagare dell’epidemia di obesità, non si può fare a meno di chiedersi cosa mangiano o, meglio, dove vadano a fare la spesa, gli americani. La risposta non è così scontata. Lo stesso ministero, infatti, ha reso disponibili di recente i dati riguardo i “food desert”: intere zone geografiche dove …

Continua »

Yogurt per bambini: sono necessari? Gunther Karl Fuchs nel suo blog Papille Vagabonde risponde alla domanda con un`analisi approfondita

E’ necessario lo yogurt per bambini? Gunther Karl Fuchs nel suo blog Papille Vagabonde  risponde alla domanda con un’analisi  approfondita che pone qualche dubbio sull’effettivo bisogno di certi prodotti  destinati ai bambini. Gunther Karl Fuchs è uno dei blogger più attenti del settore alimentare, capace di proporre  spunti critici e proposte intelligenti. Nel test che segue va detto chiaramente  che …

Continua »

Stati Uniti: i cibi sono più light, ma la gente si abbuffa tutto il giorno e l’obesità aumenta. La cura? Ridurre porzioni, numero di pasti e snack

obesita grasso sovrappeso dieta 177115587

Nella piaga dell’obesità che colpisce gli Stati Uniti c’è un paradosso: negli ultimi 30 anni la densità energetica dei cibi (cioè le calorie apportate da ogni boccone) è diminuita, ma la gente continua a ingrassare a vista d’occhio. La colpa sarebbe dell’aumento del numero dei pasti nella giornata e, soprattutto, delle enormi porzioni servite in fast-food e ristoranti e degli …

Continua »

Arriva l’indice glicemico sull’etichetta, una dicitura utile per chi ha problemi diabete, già usata in Inghilterra e Australia

sz basso indice glicemico

I biscotti della linea Nutriceutica Essezeta a basso indice glicemico realizzati in collaborazione con il Laboratorio di Farmacobiochimica, Nutrizione e Nutriceutica del Benessere dell’Università di Pavia sono apparsi sugli scaffali dei supermercati. La novità è che sulle confezioni appare un’indicazione riferita all’indice glicemico. Di cosa si tratta? L’indice glicemico (IG) è un metodo per classificare gli alimenti che contengono carboidrati …

Continua »

Le bibite light piacciono agli obesi, allargano il girovita e potrebbero favorire il diabete. Lo dicono ricercatori americani

bibite zuccherate

Negli Stati Uniti l’epidemia di obesità è un argomento all’ordine del giorno. Il tema è onnipresente nei notiziari televisivi, sui quotidiani e anche sulle riviste femminili dove c’è sempre almeno un articolo dedicato alla “dieta sana”. È normale che ogni giorno esca uno studio scientifico che cerca di individuare i colpevoli del sovrappeso degli americani, suggerendo soluzioni per mettere a  …

Continua »

Barilla propone la piramide idrica e invita a bere tè e acqua di rubinetto per non inquinare. L’impronta idrica dei prodotti più comuni

bere acqua bicchiere vetro salute

Dimmi come mangi e ti dirò quanto inquini, o meglio, quanta acqua consumi. Se il calcolo dell’impronta ecologica nella produzione dei cibi è ormai una pratica conosciuta, è forse un po’ meno nota l’esistenza della cosiddetta “impronta idrica”, cioè la stima dell’acqua consumata per portare alimenti e bevande sulle nostre tavole. Lo spreco del preziosissimo “oro blu” è uno degli …

Continua »

Che cosa c’è nel piatto: il vetro, il topo, l’insetto. Verità e leggende metropolitano sul cibo. Scaricate il dossier

topi pane dolci

Che cosa c’è nel piatto: è un dossier che spiega come funziona il sistema di allerta e di sicurezza  alimentare in Italia e in Europa. L’epidemia da Escherichia coli 0 104 che ha colpito un mese fa la Germania, come pure la vicenda della mozzarella  blu sono solo alcuni dei casi che il sistema di allerta ha dovuto affrontare. Che …

Continua »

I biscotti Galbusera e Misura scivolano sul colesterolo, devono cambiare etichette e pubblicità e pagare 200 mila ? di multa

I biscotti Galbusera e Misura che sulle confezioni evidenziano a caratteri cubitali un contenuto di colesterolo estremamente ridotto devono cambiare le etichette. E’ questa la decisione presa dall’Antitrust che ha inflitto una multa di 190.000 euro a Galbusera e di 120.000 euro a Misura-Colussi per pubblicità ingannevole. Il provvedimento riguarda la scritta “0,001% di colesterolo” presente su alcuni biscotti Galbusera.  …

Continua »

Glifosato: le autorità conoscono da 30 anni i dati sulle malformazioni degli animali causate dal diserbante più venduto al mondo ma fanno finta di niente. Lo rivela un nuovo report scientifico

pesticidi erbicidi campi agricoltura uomo

Le autorità erano a conoscenza fin dal 1980 delle malformazioni agli animali da laboratorio provocate dal glifosato, la sostanza contenuta nell’erbicida più venduto al mondo, Roundup® Monsanto. Lo rivela un report pubblicato il 7 giugno da una squadra di universitari e giornalisti scientifici inglesi, irlandesi e brasiliani. “Roundup e difetti delle nascite: si sta mantenendo il pubblico all’oscuro?” è la …

Continua »

Mozzarella di bufala campana, maxi-sequestro di etichette false in provincia di Caserta

mozzarella di bufala

È un ricco bottino di involucri alimentari con marchi contraffatti quello che hanno raccolto gli agenti del Corpo forestale dello Stato e del Nucleo agroalimentare e forestale in due caseifici in provincia di Caserta. La contraffazione, rinvenuta in due lotti di 2.000 e 15.000 involucri, riguardava il marchio “mozzarella di bufala campana Dop“. Al controllo, realizzato in collaborazione con il …

Continua »

I germogli all’origine dell’epidemia di Escherichia Coli in Germania? L’ipotesi è ancora aperta. Nuovi test in corso a Berlino.

broccoli, radish and clover sprouts in a wooden bowl

Soia sì, soia no. Dopo la smentita delle autorità sanitarie tedesche, a cui ilfattoalimentare.it aveva dato spazio giorni fa, l’Istituto superiore di sanità (ISS) emana un comunicato, datato 7 giugno, che invece lascia pensare ai germogli (anche di soia)  come a un’ipotesi ancora percorribile nel tentativo di risolvere l’ormai intricatissimo rebus dell’origine dell’epidemia da Escherichia Coli O104:H4 che ha investito …

Continua »

Mulino Bianco propone frutta al cucchiaio: uno snack equilibrato, ma la frutta fresca è un’altra cosa

frullato frutta merenda sana

Dopo i frullati, Mulino Bianco ha creato una nuova versione di snack, chiamata Frutta al cucchiaio e proposta in tre versioni: mela, banana e pera; lampone, mirtillo e fragola; pesca e albicocca. Si tratta di purea e pezzi di frutta in coppetta, con tanto di cucchiaino, senza zuccheri, coloranti o conservanti. L’unico arricchimento è costituito dall’aggiunta di vitamina C. Come …

Continua »

Orti e serre sui tetti: verdura a km zero, risparmio e più ossigeno in città. Le buone idee di Usa e Canada

In Canada e negli Stati Uniti si inizia a sperimentare il “rooftop farming”. Coltivare frutta e verdure in serra sopra i tetti degli edifici. Piccoli ma non trascurabili esercizi di sovranità alimentare su scala locale, a tutto beneficio dell’atmosfera metropolitana. E del business. La crisi alimentare, i prezzi delle derrate agricole alle stelle, il crescente bisogno di ritrovare un rapporto …

Continua »

Il pasto di mezzogiorno in Europa: più “fast” che “food”. Per i consumatori la rapidità del servizio vince sulla qualità

Il 67% degli europei pranza al bar o al ristorante (ma gli spagnoli sono l’82,5%) e il 58% è convinto di mangiare in maniera sana. Ma, tanto tra i ristoratori che tra i consumatori, molti pensano che il cibo salutare sia più costoso e laborioso da preparare, che ha poco gusto, che è simile ai prodotti dietetici e che non …

Continua »