Home / Nutrizione / Gravidanza e alimentazione: il decalogo con i consigli di Alberto Mantovani per ridurre il rischio di malformazioni

Gravidanza e alimentazione: il decalogo con i consigli di Alberto Mantovani per ridurre il rischio di malformazioni

Alimentazione e gravidanza
È importante adottare sicurezza e qualità nutrizionale nell’alimentazione

Durante la gravidanza l’alimentazione e i comportamenti consapevoli nella preparazione e nel consumo dei cibi svolgono un importante ruolo per ridurre al minimo problemi alla gravidanza e al feto, tra cui in primo luogo la possibilità di sviluppare malformazioni congenite.

Parliamo di malformazioni* perché non sono rare come si pensa (incidenza complessiva del 3% sui nati, World Health Organization, 2012). e, se associate a noti fattori di rischio (ad es., fumo di sigaretta, diabete, esposizione a interferenti endocrini), aumentano la possibilità di sviluppare seri problemi della gravidanza, quali ritardi di crescita e di sviluppo, prematurità, aborti spontanei. Ma la maggior parte di questi eventi possono essere prevenuti da un ambiente di vita e di lavoro sano, da un uso intelligente e cauto di farmaci e soprattutto dalla sicurezza e qualità nutrizionale dell’alimentazione.

Proviamo a tradurle in una proposta di decalogo, in primo luogo per la donna che sta pianificando una maternità e in generale per tutte le donne in età fertile

tab decalogo gravidanza

 

sovrappeso obesita dieta bilancia
Bisogna evitare sia il sovrappeso che il sottopeso

1) PESO E GLICEMIA – Diabete e obesità, con gli squilibri metabolici ed endocrini che comportano, sono tra i principali fattori di rischio per la salute fetale. Bisogna quindi fare attenzione al sovrappeso, che può essere il primo passo verso questi problemi. Da evitare anche il sottopeso, visto che il grasso corporeo è un tessuto essenziale per il metabolismo e una riserva energetica (importantissima per la gravidanza e l’allattamento), non un peccato estetico di cui liberarsi.

Occorre dunque adottare un modello alimentare equilibrato e vario come può essere la dieta mediterranea, privilegiando gli alimenti di origine vegetale, mantenendo intatti i nutrienti dei cibi con metodi semplici di preparazione e cottura, e mangiando con sobrietà e convivialità. Va bene controllare l’indice di massa corporea e il girovita per misurare l’accumulo di grasso viscerale (da evitare), ricordandosi però, che l’alimentazione deve essere proporzionata alla struttura fisica, al metabolismo, all’attività e all’età di ciascuna donna.

zuppe verdure 478764985
La vitamina B9 che protegge i tessuti in moltiplicazione

2) FOLATI E ACIDO FOLICO – I folati sono naturalmente presenti soprattutto negli alimenti vegetali quali verdure a foglia verde, agrumi, kiwi e in concentrazione molto alta nel lievito di birra.

L’acido folico è la forma sintetica (più stabile rispetto ai folati naturali) e si trova negli integratori o è aggiunto ad alcuni alimenti “fortificati” (ad es. i cereali per la colazione, succhi di frutta, latte UHT…).

Ambedue sono forme della vitamina B9 che protegge i tessuti in moltiplicazione (quindi anche l’embrione). Per le donne incinte il fabbisogno giornaliero raddoppia, per evitare gravi problematiche di formazione del sistema nervoso (difetti del tubo neurale). L’alimentazione equilibrata e mediterranea può aiutare, ma per una realistica ed efficace tutela delle gravidanze vulnerabili l’Istituto Superiore di Sanità raccomanda un’integrazione con 0,4 mg (400 mcg) al giorno di acido folico, da cominciare un mese prima del concepimento e continuare ad assumere per i primi 3 mesi**.

3) VITAMINA B12 – L’adeguato apporto di vitamina B12 è essenziale per mantenere le “riserve” di folati nei tessuti e soprattutto per poterli utilizzare nella fase di sintesi del DNA. Ne basta molto poca, ma è indispensabile. Si trova quasi solo negli alimenti di origine animale (pesce, uova, latticini, carne). I vegani, potrebbero presentare una carenza di B12 (soprattutto nel momento di maggiore fabbisogno, cioè la prima e cruciale fase della gravidanza, l’organogenesi) Non si tratta di rinunciare alle proprie scelte di vita. È però importante che le donne vegane controllino il proprio status di B12, assumendo eventualmente alimenti fortificati (ad es. latte di soia), e anche integratori di questa vitamina.

sicurezza alimentare pesce 166406533
Alimenti ricchi di iodio sono: pesce e frutti di mare, latte e latticini, alghe

4) IODIO – L’apporto inadeguato di iodio è ben inquadrato da anni come problema di sanità pubblica dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e dal Ministero della Salute. Secondo i dati dell’ISS il 10% della popolazione presenta problemi associati a un apporto insufficiente di iodio. La carenza si ripercuote immediatamente e direttamente sulla funzionalità tiroidea. Durante gran parte della gravidanza la tiroide materna funziona anche per coprire le esigenze del metabolismo fetale. Le conseguenze più gravi dell’insufficienza iodica, pertanto, si osservano sulla crescita e soprattutto sullo sviluppo del sistema nervoso del feto. Per questo è importante un apporto equilibrato degli alimenti ricchi di iodio: pesce e frutti di mare, latte e latticini, alghe (attenzione perché sono molto ricche di iodio: anche l’eccesso fa male alla tiroide) oltre a usare sale iodato in cucina (“poco sale e iodato” secondo la raccomandazione di ISS e Ministero della Salute) e chiedere che lo si usi nelle mense e nei ristoranti frequentati.

In alcuni casi le donne con patologie tiroidee devono consultare il proprio medico.

integratori vegetali 481055417
I nutrienti si devono assumere in primis attraverso i cibi della dieta

5) INTEGRATORI, ALIMENTI SALUTISTICI – Occorre evitare le carenze di nutrienti causate spesso da “diete fai.da-te”, ma anche gli eccessi… I nutrienti si devono assumere in primis attraverso i cibi della dieta quotidiana. Supplementi e alimenti fortificati vanno presi quando serve (v. sopra) e dietro indicazione del medico. In gravidanza vanno evitate le integrazioni con vitamina A, perché a dosi alte è teratogena, cioè può causare alterazioni nello sviluppo dell’embrione. Per la donna in età fertile l’assunzione raccomandata è di 600 μg/giorno, senza eccedere i 3.000 μg/giorno…

Tra gli alimenti il più ricco in vitamina A è il fegato, di cui è sconsigliato il consumo frequente e abituale durante la gravidanza e anche durante la menopausa (l’eccesso di vitamina A è anche un fattore di rischio per l’oseoporosi, EFSA 2009). Quanto detto vale per la vitamina A preformata, presente come tale negli alimenti di origine animale; altro discorso invece per i carotenoidi, precursori della vitamina A, presenti nei vegetali (es., carote), che venendo metabolizzati in modo diverso, non presentano un rischio teratogeno.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

African Children Holding Hands Cupped To Beg Help. Poor African children keeping their cupped hands, asking for help. African children suffer from poverty, diseases, water scarcity and malnutrition.

Dall’Africa al Nord America, lo stato della malnutrizione è inaccettabile e si fa troppo poco. La denuncia del “2018 Global Nutrition Report”

La malnutrizione è a livelli inaccettabili e costituisce un problema che nessun Paese al mondo …

9 Commenti

  1. Se è vero che l’alimentazione in gravidanza va curata nei minimi dettagli, dimagrire se si ha qualche chilo in più può essere una cosa buona o meno? http://www.tuttodonna.net/2015/04/come-dimagrire-in-gravidanza.html

    • Alberto Mantovani
      Alberto Mantovani

      Se il chilo di troppo è un fatto estetico, lasciamo perdere.
      Se si deve dimagrire deve essere dietro consiglio medico e possibilmente evitando strane diete fai da te

    • @ Maria. Diete dimagranti durante la gravidanza sono assolutamente da evitare, in quanto il grasso corporeo funge anche da “magazzino” o “tessuto isolante” per i veleni presenti nel corpo, quali farmaci, metalli pesanti ecc. Dimagrendo, questi veleni, non più trattenuti dal grasso, vengono riassorbiti dal nostro organismo, entrano in circolo e vanno a sovraccaricare fegato e reni e possono anche arrivare al feto, cosa da evitare assolutamente!!! Una dieta dimagrante va fatta o PRIMA o DOPO la gravidanza!!! Da evitare anche durante l’allattamento. Tutto ciò non toglie che é utile e consigliabilissimo seguire una dieta sana durante gravidanza e allattamento, nel senso di mangiare sano e in modo bilanciato. La gravidanza non é una scusa per mangiare il doppio.

  2. Peccato per la scelta dell’immagine nella parte dedicata alla toxoplasmosi, dove il gatto non viene citato direttamente (giustamente, in quanto il passaggio a un umano da un gatto *malato* è comunque molto difficile). Considerando che il rischio è decisamente più elevato, come scritto, con alimenti crudi o mal lavati, non sarebbe stato meglio usare una foto di un po’ di verdura o una bistecca, invece di alimentare il pregiudizio e la psicosi del “liberati dal gatto domestico appena resti incinta”, purtroppo ancora molto presente?

  3. A proposito dell’acido folico, uno studio in corso di realizzazione ha come obiettivo la valutazione del beneficio dato da un aumento del dosaggio a 5 grammi/die. Ci sono molti indizi sia nella direzione di “abbattere” ulteriormente la percentuale di difetti di chiusura del tubo neurale, sia nel prevenire altri disturbi del feto. Le indicazioni future (e secondo me attuali ) saranno pertanto di aumentare la dose giornaliera, a fronte di un rischio nullo.
    Per quanto riguarda l’alcool mi permetto di dissentire, in quanto non è dimostrato in nessun modo che un bicchiere di vino al giorno durante la gravidanza, in donne già abituate a berlo e quindi a metabolizzarlo,sia di qualche rischio per il feto.

    • Alberto Mantovani
      Alberto Mantovani

      Sull’acido folico la sicurezza di alte dosi è molto discussa ed infatti la posizione, supportata da valuazioni scientifiche, dell’Italia e dell’Europa contraria alla fortificazione. Somministrare 5 mg “a tappeto” è privo di qualunque giustificazione medica e scientifica ed è contrario alla posizione dell’Istituto Superiore di Sanità. Posizione che, purtroppo, non ha sinora un valore prescrittivo (cioé non possiamo impedire lo studio).
      Sull’alcol in gravidanza ecco la posizione dell’ISS http://www.iss.it/pres/?lang=1&id=1557&tipo=6

  4. Letteratura indipendente dagli interessi industriali che dimostri il pericolo di 5 mg die di acido folico è inesistente. Se poi Lei fa riferimento agli studi sui topi, beh, é paragonabile all’assunzione di chilogrammi nell’uomo… Perciò priva di trasferibilità. Quanto all’alcool, confermo che i pareri sono molti e quelli cautelativi privi di riscontro. Sono d’accordo solo sui superalcolici.

  5. Aggiungo che le donne che prendono o hanno preso 5 mg/die di acido folico sono un numero molto alto e non sono stati riportati effetti avversi, neppure probabili. Ogni tanto qualche azienda produttrice di integratori sbandiera studi contro simili dosaggi per vendere di più dei propri prodotti, ma al momento i dati sono schiaccianti, in termini di tossicità l’acido folico non ha evidenze con pericoli reali.

    Ecco la documentazione a supporto dello studio che ho citato nel commento precedente, ovvero sui 5 mg di acido folico al giorno per migliori risultati in termini preventivi: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24884885