Home / Sicurezza Alimentare / Pesticidi in agricoltura: dipendenza e intossicazione. Il nuovo rapporto di Greenpeace contro le abitudini dell’agricoltura industriale

Pesticidi in agricoltura: dipendenza e intossicazione. Il nuovo rapporto di Greenpeace contro le abitudini dell’agricoltura industriale

Ome (Bs), Franciacorta, trattamenti antiparassitari in una vigna
Il trattamento con pesticidi è eccessivo e causa danni ingenti ad acqua e suolo

I pesticidi sono i protagonisti del rapporto di Greenpeace dal titolo “Tossicodipendenza da pesticidi. Come l’agricoltura industriale danneggia il nostro ambiente”. L’associazione mira ad analizzare le sostanze chimiche utilizzate nell’agricoltura industriale e ne illustra gli effetti dannosi a livello ambientale. La soluzione? Avere più finanziamenti per sostenere un’agricoltura più ecologica.

Come si legge nel comunicato di Greenpeace, “nel 2015 la task force sui pesticidi sistemici dell’IUCN (Unione Internazionale per la Conservazione della natura), dopo aver analizzato oltre 800 relazioni scientifiche, ha segnalato un catastrofico declino degli insetti in Europa. Gli impatti possono essere devastanti, poiché il 70 per cento delle 124 principali derrate alimentari coltivate per il consumo umano, come mele e colza, dipendono dall’impollinazione, che migliora la produzione di semi, frutta e ortaggi”.

pesticidi
Greenpeace chiede un sostegno politico e finanziario per un’agricoltura sostenibile

Federica Ferrario, responsabile della campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace rincara la dose, affermando che gli agricoltori hanno a disposizione alternative ai pesticidi, ma è necessario che ciò diventi la norma, con gli opportuni sostegni.  Il rapporto di Greenpeace “Tossicodipendenza da pesticidi. Come l’agricoltura industriale danneggia il nostro ambiente” esamina la letteratura scientifica disponibile. I risultati mostrano che i pesticidi sono una grave minaccia per la biodiversità, sia perché mettono in pericolo le specie, avvelenandole e alla fine uccidendole, sia perché alterano gli ecosistemi, per esempio provocando il collasso della catena alimentare. Secondo la stessa Unione europea, un quarto dei 471 principi attivi approvati in Europa supera le soglie critiche per la persistenza nel suolo o nelle acque, e 79 di questi oltrepassano i valori critici di tossicità per gli organismi acquatici.

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Come arginare l’antibiotico-resistenza? Meno antibiotici nelle aziende agricole: le regole Ue

Limitare l’uso di antibiotici nelle aziende agricole. Circoscrivere l’uso profilattico. Ricorrere al trattamento di gruppo …

3 Commenti

  1. Greenpeace scrive che i pesticidi “avvelenano e uccidono” gli insetti utili all’agricoltura.
    Chissà quali effetti hanno i pesticidi nell’uomo!!!

    • ci sono molti studi che portano a conclusioni drammatiche, quali evidenze di maggiori tassi di cancro rilevati tra gli stessi agricoltori che li usano. altri studi, che però non danno ancora certezze, ipotizzano legami con parkinson, alzheimer e altre forme di demenze, nonché con modifiche della fertilità maschile e dei tempi di attività di quella femminile… sicuramente ne dimentico altri, ma c’è ancora tanto da investire in questi studi, per scoprire tante verità nascoste!

  2. Paolo la risposta è molto semplice: cancro.
    Per quello continua ad aumentare e per quello dobbiamo combattere il più possibile questo tipo di agricolture e le varie Monsanto che ci riempiono di pesticidi ed erbicidi. Che noi mangiamo.
    Per mio figlio comunque compro solo biologico.