Home / Lettere / L’elenco degli ingredienti nella Zuppa Inglese è “nascosto”. Risponde l’azienda: “L’etichetta è a norma di legge, ma la cambieremo”

L’elenco degli ingredienti nella Zuppa Inglese è “nascosto”. Risponde l’azienda: “L’etichetta è a norma di legge, ma la cambieremo”

Elenco degli ingredienti
Il lettore non è riuscito a leggere gli ingredienti

Vi sottopongo un caso: ho appena acquistato per curiosità una confezione di Zuppa Inglese “Selection” di Bontà Divina. Allego foto dell’etichetta: a prima vista riporta come ingredienti base – crema pasticcera e crema di cioccolato con pan di spagna – rimandando l’incauto acquirente ai dettagli sotto l’etichetta ovale la quale, essendo molto adesiva, non permette all’atto dell’acquisto di leggere gli ingredienti e le informazioni nutrizionali.

Ho provato a “spelare” l’etichetta ma non sono riuscito a farlo. Tutt’ora neanche a casa sono riuscito a leggere gli ingredienti! Vorrei sapere se è normale dover comprare a occhi chiusi un prodotto, magari scoprendo a posteriori di aver ingerito allergeni od olio di palma! Grazie per l’attenzione e continuate così: siete gli unici veramente indipendenti.

Beppe

Abbiamo chiesto all’azienda chiarimenti ed ecco la risposta:

Bonta divina
L’elenco degli ingredienti e Dichiarazione Nutrizionale sono sotto l’etichetta

In seguito alla vostra segnalazione relativa alla confezione di Zuppa Inglese a nostro marchio Bontà Divina confermiamo che la lista ingredienti e i valori nutrizionali, oltre che le info produttore sono presenti sull’imballo e il loro posizionamento è chiaramente indicato nella parte pendula dello sticker ben visibile al consumatore: si riporta la scritta “Ingredienti e Dichiarazione Nutrizionale: vedere sotto l’ovale dell’etichetta”, mentre per le informazioni relative al produttore si rimanda dietro la parte pendula dell’etichetta. Per ulteriore facilitazione sull’ovale è rappresentata una freccia che invita a “sfogliare” l’etichetta, indicando il punto dove sollevarla.

Le nostre etichette sono conformi alla normativa vigente; noi, come altri operatori del settore, utilizziamo questo tipo di imballo in Italia e in altri paesi CEE senza aver ricevuto contestazioni.

Vi ringraziamo per la segnalazione e in considerazione la nostra sensibilità nei confronti della percezione del consumatore, indipendentemente dalla normativa vigente, stiamo valutando delle soluzioni alternative con l’obiettivo di migliorare la presentazione delle informazioni sull’imballo. Realisticamente riteniamo di poter procedere con la nuova soluzione e la relativa sostituzione delle attuali etichette nel giro di qualche mese.

Responsabile SWEET PORT SERVICES S.A.

© Riproduzione riservata

sostieniProva2Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Lidl: il burro Milbona va consumato entro due giorni! Le perplessità di un lettore e la risposta della catena che conferma

Il tema delle scadenze e di quanto realmente durino gli alimenti è sempre attuale. In …

4 Commenti

  1. Avatar

    Buongiorno,
    quindi, io al supermercato, prima di acquistare il prodotto, sono autorizzato ad alzare l’etichetta per leggere il contenuto?
    Roberto

  2. Avatar

    consumatori,facciamo così:se non si riesce a leggere l’etichetta,semplicemente,non si compra il prodotto …
    l’unica arma è il boicottaggio.

  3. Avatar

    Grazie a Beppe per la segnalazione. Ovviamente il produttore sa che tutti i clienti sono autorizzati ad alzare la linguetta e leggere gli ingredienti. Visto che la confezione a loro dire è a norma di legge, io ho diritto di leggere prima dell’acquisto tutte le scritte presenti, anche se ben nascoste. Ma subito, non tra qualche mese.