Home / Paola Emilia Cicerone

Paola Emilia Cicerone

Paola Emilia Cicerone
giornalista scientifica

Caporalato, pomodoro e lotta allo sfruttamento. Le carenze organizzative generano illegalità, ma il grosso del raccolto è meccanico

Tomato harvest

In Italia si raccolgono circa cinque milioni di tonnellate di pomodoro, il 90% destinato alla trasformazione. Trattandosi di un prodotto di facile deperibilità, la raccolta è concentrata in poche settimane e insieme a essa i problemi del caporalato e dello sfruttamento della manodopera, che però non riguardano solo la filiera del pomodoro. Le cronache focalizzano l’attenzione sul pomo rosso perché  …

Continua »

Caporalato e pomodori: un aumento di soli 5 centesimi a scatoletta potrebbe fare la differenza

pomodori passata

Spesso si parla di caporalato, delle condizioni di lavoro dei tanti braccianti che lavorano, sfruttati e sottopagati in alcune aree del Sud e del reddito equo agli agricoltori. Sono argomenti legati alla raccolta di molti vegetali, ma in particolare del pomodoro a cui spesso associamo l’immagine dei migranti chini sui campi, visto che si tratta di uno dei prodotti simbolo …

Continua »

Truffe online a danno di Conad, Esselunga e Unieuro, è successo anche a noi: i falsi messaggi che promettono premi e rubano dati

Fraud Alert Caution Defend Guard Notify Protect Concept

Le truffe virtuali sfruttano anche i marchi dei supermercati: pochi giorni fa, una nostra collaboratrice ha ricevuto un sms che annunciava la vincita di un premio, indicando un url – cioè un indirizzo internet – da digitare per accedere. Questo indirizzo portava a una pagina apparentemente riferita a Conad. Nel testo si chiedeva di rispondere ad alcune domande sulle abitudini …

Continua »

Cibo e tecnologia al Techshare day di Torino, tra nuovi strumenti innovativi e alimenti funzionali

smart robotic farmers in agriculture futuristic robot automation to work to spray chemical fertilizer or increase efficiency

Anche il settore agroalimentare si apre all’innovazione, proponendo nuovi metodi per conservare il cibo o nuovi prodotti che puntano a recuperare materie prime preziose. Come dimostrano i progetti nati in ambito universitario e presentati nel corso del Techshare day, che si è tenuto a fine giugno al Politecnico di Torino, e in cui il settore ha giocato un ruolo importante.  Ci sono progetti …

Continua »

Coop dice no al glifosato: un passo avanti a difesa dell’ambiente. La cooperativa mette al bando quattro pesticidi controversi da frutta e verdura

bambini natura estate ciliegie frutta

Continuando nel suo impegno per un’agricoltura meno inquinante, Coop ha da poco avviato l’eliminazione dalla filiera ortofrutticola di quattro pesticidi da tempo sotto attacco per i possibili effetti sulla salute e il loro impatto ambientale, nella lista compare il glifosato. Obiettivo del progetto, che coinvolge oltre 7 mila aziende agricole, è arrivare entro tre anni all’eliminazione completa di questi pesticidi. …

Continua »

La Ferrero sfrutta il lavoro minorile? Un’indagine dell’associazione We Move vuole andare a fondo

  Nelle ultime settimane la Ferrero ha attirato l’attenzione degli organi di stampa internazionali, che stanno facendo emergere delle criticità legate alla produzione: in questo caso l’ingrediente incriminato non è l’olio di palma, ma le nocciole coltivate in Turchia, un paese da tempo seguito con attenzione dalle agenzie internazionali per il ricorso al lavoro minorile. L’ultimo segnale è la mobilitazione …

Continua »

Nutella Mania. La crema più amata del mondo, tra risse, furti e leggenda in un articolo di The Curious Review

nutella mania vasetti scaffale

Una rivista online canadese, The Curious Review, ha pubblicato una divertente indagine sulla Nutella di cui vi proponiamo un ampio stralcio (qui il testo originale). Vi è mai successo di entrare in un supermercato e vedere un gruppo di tranquille signore azzuffarsi per un barattolo di Nutella in offerta? Nemmeno a me, ma l’amore induce a fare follie, e la …

Continua »

Pesto alla genovese: quanto basilico fresco c’è nel vasetto? Molti usano il semilavorato. I misteri dell’etichetta

pesto salsa sugo

Il basilico è l’ingrediente principale del pesto alla genovese: ma siamo sicuri che quello utilizzato nei prodotti industriali sia sempre basilico fresco? Il dubbio c’è venuto quando una lettrice ci ha segnalato che l’etichetta su una confezione di pesto L’orto di Liguria dell’Azienda Agraria Anfossi riporta la dicitura “semilavorato di basilico”. L’etichetta precisa che il semilavorato costituisce il 25% del …

Continua »

Allergie alimentari, attenzione ai test senza validità scientifica venduti online e nelle farmacie. Per la diagnosi meglio affidarsi all’allergologo

Allergy food

Le allergie alimentari sono un problema diffuso e spesso di non facile individuazione, a meno di una sintomatologia inconfondibile, che costringe molti pazienti a fare la spola tra specialisti. Si spiega così la crescente popolarità di test diagnostici non scientificamente validati, segnalata da un recente documento del ministero della Salute su “Allergie alimentari e sicurezza del consumatore” ( reperibile qui). …

Continua »

Agricoltura e nuove tecnologie genetiche non Ogm. La sfida di CRISPR. Ma la rivoluzione in Europa è ostacolata dalle norme

ogm gmo alimenti sicurezza alimentare ricerca

Da sempre gli esseri umani trasformano le piante che coltivano per migliorarne le caratteristiche e renderle più appetibili. Un progresso di millenni che negli ultimi anni è stato accelerato da nuove tecnologie. L’ultimo successo in questo campo è il sistema CRISPR/Cas, un metodo ideato pochi anni fa dai gruppi di ricerca di Jennifer Doudna ed Emmanuelle Charpentier. Si tratta di …

Continua »

Report Efsa sulle infezioni da Salmonella: occhi puntati sulle uova, ma “il vero problema è la carne di maiale”. A colloquio con Antonia Ricci

Salmonella bacterium drawn on eggs

In Europa le infezioni da Salmonella sono al secondo posto tra le malattie a trasmissione alimentare dopo il Campylobacter. Il dato su cui riflettere è che, dopo una lunga fase di progressiva riduzione, i casi di contagio da qualche anno sono stabili. Anche per questo l’Efsa ha incaricato un panel di esperti di definire un pacchetto di misure da proporre agli …

Continua »

Gli italiani e i cibi “senza” lattosio, lievito e glutine, anche quando l’intolleranza non c’è. Colloquio con Enzo Spisni

Gluten free bread for people that got special diet.

Da qualche anno i cibi senza glutine, lattosio o altri nutrienti sono sempre più presenti sui banchi della grande distribuzione. Un’opportunità in più per chi è costretto a eliminare questi prodotti dalla propria dieta, ma i consumi in crescita e la varietà dell’offerta mostrano chiaramente che l’interesse dei consumatori va molto oltre le esigenze mediche. Un dato confermato da una ricerca …

Continua »

Rischio anisakis: arrivano nuove tecniche d’indagine ma serve chiarezza nelle normative

sgombro pesce

Il rischio anisakis è uno dei problemi più sentiti da chi ama il pesce crudo, o poco cotto: consumare pesce in cui sono presenti, allo stadio di larve, questi vermi nematodi parassiti significa rischiare disturbi gastrointestinali anche gravi, come abbiamo segnalato più volte (leggi articolo). Oggi sono disponibili metodi nuovi e più efficaci per individuare queste larve, “ma è indispensabile …

Continua »

Le capesante non sono tutte uguali: siamo sicuri di pagarle il prezzo giusto? Attenzione alla glassatura e all’acqua aggiunta

Seared sea scallops with orzo and vegetables.

Le capesante, dette anche cappsante o coquilles Saint Jaques, sono molluschi usati per preparare raffinati antipasti, particolarmente adatti per i giorni di festa anche se tutt’altro che economici. Nella maggior parte dei casi, si trovano surgelate in supermercati e catene specializzate, risparmiando qualcosa rispetto al fresco ed evitando di acquistare prodotti decongelati. Ma siamo sicuri di acquistare effettivamente delle capesante, e pagandole …

Continua »

Interferenti endocrini: preoccupante l’esposizione di bambini e adolescenti. La plastica monouso è tra le fonti principali. Lo studio dell’Iss

posate di plastica usa e getta

Quali sono i possibili rischi derivanti dalle plastiche usate per imballaggi e contenitori per alimenti? E come limitarli? Il problema degli interferenti endocrini è da tempo al centro dell’attenzione, ma ora nuove informazioni arrivano dal progetto europeo LIFE PERSUADED, una ricerca durata quattro anni, nel corso dei quali l’Istituto superiore di sanità (Iss), in collaborazione con il Cnr di Pisa, …

Continua »