Home / Agnese Codignola (pagina 35)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

“Senza bisfenolo A”: una scritta sempre più diffusa ma che non garantisce sicurezza. Le sostanze che lo rimpiazzano sono quasi identiche

La scritta sulle etichette “BPA-free”, cioè privo di bisfenolo, rappresenta davvero una garanzia di sicurezza? Una dicitura sempre più presente negli ultimi anni, soprattutto per l’aumento dei dati a dimostrazione della pericolosità di questo plastificante ubiquitario, e la crescente diffusione delle norme che ne vietano l’impiego in prodotti per l’infanzia, contenitori per alimenti e altri oggetti o, come accaduto in …

Continua »

Farmageddon: un libro spiega cosa c’è dietro la carne supereconomica? Sofferenze, malattie per gli animali ed effetti devastanti sull’ambiente

La carne e il pesce a buon mercato rappresentano davvero un miglioramento  per l’umanità e una benefica ricaduta dello sviluppo e della globalizzazione? Non proprio.  Dietro l’hamburger venduti al prezzo di un euro o di un branzino a 5 ci sono effetti devastanti sull’ambiente, sofferenze e malattie per gli animali, impoverimento progressivo delle popolazioni residenti, qualità nutrizionale sempre più scadente. …

Continua »

Kellogg’s non applica le regole dell’etichettatura con le stelle: i cereali contengono il 20% di zucchero e sono tra i responsabili dell’aumento di peso nei bambini

In Australia la Kellogg’s, e altri colossi dell’alimentare come MacCain e Mars, non stanno applicando le regole messe a punto un anno fa da consumatori, nutrizionisti, aziende e autorità sanitarie, e caldamente consigliate per prevenire l’obesità. Si tratta di etichette scritte tramite il sistema delle stelle (mezza per i cibi meno sani, cinque per quelli più equilibrati e consigliabili) in …

Continua »

Troppo sale nella dieta: funziona la riduzione nel pane, ma i valori sono ancora più alti delle raccomandazioni OMS. Anche gli ipertesi esagerano

Gli italiani stanno lentamente diminuendo il consumo di sale, ma le quantità medie sono ancora molto al di sopra dei valori raccomandati, talvolta quasi il doppio. Servono misure più efficaci, per segnare un vero punto di volta, e aumentare la consapevolezza dei rischi dell’eccesso di sodio nella dieta. Un’azione efficace  già stata messa in atto: la riduzione del sale nel …

Continua »

L’etichetta semaforo orienta le scelte dei consumatori: uno studio tedesco ha dimostrato che funziona come rinforzo e aziona le zone dell’autocontrollo

semafori in etichetta

I semafori posti sulle etichette nutrizionali sono efficaci nell’orientare le scelte dei consumatori verso prodotti più sani? Sembra di sì, secondo uno studio tedesco, condotto da ricercatori dell’Università di Bonn, e pubblicato su Obesity. Gli autori hanno infatti combinato due approcci, uno strumentale e uno psicologico, e sottoposto 35 volontari di diverso peso corporeo a due tipi di valutazioni. Ai partecipanti …

Continua »

Le indicazioni nutrizionali nei menù: da McDonald’s, il 60% le legge, ma solo il 16% si lascia condizionare. Sono soprattutto persone con alto reddito e buona scolarizzazione

Le indicazioni nutrizionali, che negli Stati Uniti (come stabilito nell’Affordable Care Act, la riforma sanitaria di Barack Obama) saranno obbligatorie dalla fine del 2015 in tutti i ristoranti che abbiano più di 20 punti vendita, non sempre ottengono lo scopo per il quale sono state introdotte. Dovrebbero infatti aumentare la consapevolezza di ciò che si mangia, soprattutto tra le fasce …

Continua »

Frutti di bosco contaminati: in Australia 18 casi di epatite A e il governo prende le dovute precauzioni. In Italia intanto siamo a 1.800

In Australia le persone che hanno contratto l’epatite a causa dei frutti di bosco congelati contaminati, sono 18 (un numero insignificante, cento volte inferiore rispetto ai quasi 1.800 casi italiani registrati sino al mese di agosto 2014), e il governo ha deciso di prendere provvedimenti per limitare o ridurre il rischio che questi incidenti possano ripetersi. Il primo ministro australiano …

Continua »

Consumare biologico fa bene alla salute. Meno pesticidi nell’organismo. Pubblicato il primo studio che evidenzia l’accumulo

frutta verdura cinque porzioni bio iStock_000027787314_Small

Chi consuma abitualmente frutta e verdura biologiche espone il suo organismo a minori quantità di pesticidi ed erbicidi rispetto a chi mangia vegetali coltivati con i metodi  convenzionali. Questo può avere effetti sulla sua salute, dal momento che alcune sostanze, in particolare gli organo-fosfati (OF), sono state associate a diversi effetti negativi sia di tipo acuto (tremori, cefalea, difficoltà respiratorie) sia …

Continua »

Caramello artificiale: in USA si chiede di regolamentare la concentrazione nelle bibite, come avviene in California. La sostanza è potenzialmente cancerogena e il suo accumulo un rischio

cola bibita

Si riaccende, negli Stati Uniti, la discussione sul caramello artificiale, il 4-metilimidazolo o 4-MEI (chiamato anche 4-MI e presente in due coloranti usati in  Europa e classificati come E150c ed E150d). La sostanza viene aggiunta ad alcune bibite e alimenti per motivi estetici, in sostituzione del caramello naturale, anche se è indicata come “possibile cancerogeno” dall’International Agency for Research on Cancer …

Continua »

USA: arriva Arctic la mela OGM che non scurisce dopo il taglio. Perplessità sull’utilità e reazioni negative del mercato. Anche McDonald’s dice no

Il governo americano ha dato il definitivo via libera alla prima mela geneticamente modificata, chiamata Arctic, che non diventa scura quando tagliata o grattugiata. La notizia si è guadagnata le pagine del New York Times, perché si tratta di uno dei pochi frutti freschi GM* approvati (insieme alla papaya) e perché, come sempre, le reazioni sono state molto accese. La …

Continua »

McDonald’s India riduce sale e calorie e si impegna a rendere più tradizionali i suoi menù. Si tratta di una scelta strategica di marketing?

McDonald’s India ha annunciato di aver iniziato a ridurre sale e calorie dai suoi menù. Ma non basta: la famosa catena, presente al momento con oltre 200 ristoranti e 30 caffè nella parte più occidentale, e 160 in quella più orientale, ha deciso di adeguare parte dei menu a quelli tradizionali, introducendo piatti vegetariani, vegani e privi di carne di …

Continua »

Alimenti per bambini: troppi zuccheri e sale. In assenza di regole occorre leggere le etichette

Negli Stati Uniti gli alimenti per bambini piccoli, da uno e tre anni, sono molto spesso pieni di zuccheri e sale, e non andrebbero quindi proposti, se non si vogliono porre le basi di un’alimentazione scorretta. La situazione è migliore per quanto riguarda le prime pappe dopo lo svezzamento: in quel caso i prodotti sono preparati con maggiore attenzione. Questo il quadro …

Continua »

Stop allo zucchero per i bambini inglesi: un esperimento del Ministero della salute britannico ha portato ottimi risultati con pochi e semplici consigli ai genitori

Girl eating cotton candy zucchero filato

Il Public Health England, ramo del Ministero della salute britannico, lancia una nuova campagna per il cambiamento delle abitudini alimentari dei bambini in merito allo zucchero. Seguendo alcuni semplici consigli, i genitori sono chiamati ad aiutare i figli a dimezzare l’apporto quotidiano di zuccheri semplici, oggi troppo alto. L’iniziativa si chiama Change4Life, e parte da dati ufficiali, ma anche da alcuni …

Continua »

Falsi di gusto: 15 piatti protagonisti di racconti scritti “imitando” i più grandi autori della narrativa

Di libri, trasmissioni, riviste e altri strumenti di comunicazione che parlano di cibo ne stiamo facendo indigestione. E sarà sempre peggio, via via che si avvicina Expo. In taluni questa overdose provoca un leggero senso di nausea, in altri può piacere. In ogni caso, non è facile avere un’idea intelligente e originale per parlare di un pezzo così importante della …

Continua »

L’impatto della pesca sportiva sulla popolazione ittica del Mediterraneo. Il problema delle esche esotiche

La pesca sportiva praticata per divertimento ha un impatto significativo sulla popolazione ittica del Mar Mediterraneo. Si tratta di conseguenze importanti che coinvolgono sia le specie di  pesci catturati, sia l’ambiente. Per questo motivo andrebbe regolamentata meglio e sottoposta a vincoli più precisi.   Queste considerazioni sono il frutto di una meta analisi di 24 studi pubblicati negli ultimi anni …

Continua »