Home / Agnese Codignola (pagina 19)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Salmonella responsabile di un terzo dei focolai di infezioni alimentari in Europa. Il rapporto 2018 sulle zoonosi di Efsa ed Ecdc

Salmonella bacterium drawn on eggs

Nel 2018, in Europa più di un focolaio su tre di infezioni alimentari è stato causato da una batterio del genere Salmonella. Questo uno principali risultati del rapporto sulle zoonosi (*) appena reso noto dall’Efsa, elaborato insieme al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), sulle tendenze e le cause delle tossinfezioni alimentari. I focolai di …

Continua »

Calorie o esercizio fisico in etichetta? Indicare quanta attività serve per smaltire il cibo è più efficace

Funny overweight sportsman lying down exhausted on the gym's floor

Più che il conteggio delle calorie, è quello dell’esercizio fisico richiesto per compensarle che può convincere a mangiare meno e meglio. Da tempo società scientifiche come la Royal society for public health chiedono, per prevenire in maniera più efficacia sovrappeso e obesità, che l’indicazione delle calorie sia sostituita o affiancata da quella dei minuti di marcia a passo svelto o …

Continua »

Bisfenolo A: tutto da rifare. L’esposizione al Bpa probabilmente sottostimata dai metodi di dosaggio usati finora

Con ogni probabilità, l’esposizione al bisfenolo A (Bpa) è stata sin qui calcolata in modo sbagliato, e tutti ne assumiamo più del previsto: molto di più. Un’analisi, appena pubblicata su Lancet Diabetes & Endocrinology dai ricercatori di diverse università statunitensi, dimostra  che i metodi di quantificazione ufficiali usati finora, tutti indiretti, sono grossolani e sottostimano i valori di Bpa. Applicandone …

Continua »

EAT contro Yes2Meat: come la disinformazione su Twitter ha inquinato il dibattito sul rapporto che chiede di mangiare meno carne

twitter

La disinformazione corre veloce sui social media, e spesso è portata avanti da soggetti che hanno interessi specifici. Accade in ogni ambito: anche in quello dell’alimentazione e, in particolare, dei messaggi relativi alla dieta che tutti dovrebbero adottare per ammalarsi di meno e, contemporaneamente, essere più sostenibili. In una delle prime analisi condotte sull’argomento, lo Stockholm Resilience Center ha verificato …

Continua »

Alcol e cancro: cala l’incidenza di alcuni tumori dove si scoraggia il consumo di bevande alcoliche. La conferma da uno studio americano

calorie alcolici

Laddove vengono adottate politiche volte a ridurre il consumo di alcol, cala anche, e in misura non irrilevante, il numero dei tumori a esso tipicamente associati. Che l’alcol sia un cancerogeno lo si sa ed è ufficiale da molti anni, dal 1988, quando cioè l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) di Lione, organo dell’OMS, lo ha inserito nella …

Continua »

La Francia ritira 36 prodotti contenenti glifosato e due insetticidi potenzialmente dannosi per le api. La decisione dell’Anses

pesticidi erbicidi campi agricoltura riso

La Francia continua la sua lotta solitaria contro il glifosato, ma anche contro gli insetticidi sui quali gravano dubbi di pericolosità. L’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare (ANSES) ha infatti annunciato, nello stesso giorno, due provvedimenti importanti: entro il 2020 saranno ritirati dal commercio ben 36 prodotti contenenti glifosato (dei 69 esistenti) ed è stata negata l’autorizzazione a 4 delle …

Continua »

A ogni cibo la sua impronta digitale: il progetto del BfR per combattere frodi e adulterazioni alimentari

semi cereali laboratorio analisi esami

L’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio, il BfR, ha presentato al pubblico i risultati di uno sforzo durato tre anni e volto a mettere a punto una piattaforma per l’autenticazione degli alimenti e la loro aderenza a quanto dichiarato in etichetta. Vista la globalizzazione delle filiere e il crescente impiego di tecnologie, è sempre più difficile capire che cosa …

Continua »

McDonald’s, Starbucks & co.: cioccolate calde e bevande stagionali sono bombe di zucchero. La denuncia di Action on Sugar

Cappuccino and cinnamon in a paper cup. Coffee is complemented by a gingerbread man and Christmas tree decoration.

Per evitare di assumere ulteriori calorie oltre a quelle tipiche dei banchetti natalizi, forse sarebbe il caso di evitare le bevande offerte dai principali fast food e caffè, almeno se ci si trova in Gran Bretagna o nei paesi dove queste catene sono presenti. Nonostante gli impegni presi periodicamente, i beveroni a base di cioccolato, latte, panna e altri svariati …

Continua »

Adolescenti e junk food: il cibo spazzatura domina le interazioni social dei ragazzi americani con i marchi alimentari

Friends group having addicted fun together using smartphones - Hands detail sharing content on social network with mobile smart phone - Technology concept with people millennials online with cellphone

In che misura gli adolescenti, nella loro vita social, sono coinvolti nelle iniziative pubblicitarie dei marchi di cibo spazzatura e bevande dolci? La domanda è all’origine di uno studio condotto nel 2017 dai ricercatori del Ruud Center for Food Policy & Obesity dell’Università del Connecticut di Hartford e pubblicato su Appetite, nel quale poco più di 1.500 ragazzi di età compresa …

Continua »

Api e neonicotinoidi: gli insetticidi vietati contaminano ancora i campi europei. Ma non tutti sono pericolosi per gli impollinatori

Nonostante la moratoria europea del 2013 sull’uso all’aperto, e la successiva conferma in senso restrittivo e permanente (a eccezione delle serre) del 2018, i neonicotinoidi clotianidina, imidacloprid e thiamethoxam sono ancora molto presenti sui terreni del vecchio continente e, in particolare, su quelli francesi, dove questi insetticidi sono stati vietati del tutto nel 2018 per tutelare le api e gli …

Continua »

Caffè, il governo svizzero ci ripensa e forse mantiene le scorte nazionali dopo la rabbia dei cittadini e le pressioni dell’industria

Il Governo Federale Elvetico ci ripensa, e potrebbe tornare sui suoi passi rispetto all’annuncio dello scorso mese di aprile di una possibile rinuncia alle scorte nazionali di caffè, accantonato insieme ad altri generi di prima necessità in caso di catastrofe. Poiché in questi mesi l’opinione pubblica si è mostrata più che contraria al cambiamento proposto, all’epoca motivato dal fatto che …

Continua »

Bioplastica dalle scaglie e dalla pelle del pesce: premiata l’invenzione di una giovane designer inglese che valorizza gli scarti

marinatex fogli bioplastica

Una giovane designer inglese di nome Lucy Hughes, laureata dell’Università del Sussex, si è aggiudicata il James Dyson Award, sbaragliando oltre mille concorrenti di 28 paesi e vincendo le 30 mila sterline in palio. Il merito è della sua bioplastica, ottenuta dalle scaglie di pesce, materiale finora non utilizzato nelle plastiche ecocompatibili, ma che sta mostrando caratteristiche potenzialmente assai utili. …

Continua »

Mangiare in aereo: attenzione al sale e alle bevande calde servite a bordo. L’analisi delle compagnie americane

Flight attendant serving drinks to passengers on board.

Come avviene ormai da qualche anno, in occasione delle imminenti festività del Giorno del Ringraziamento e poi di Natale, che vedranno volare più di 36 milioni di persone nei soli Stati Uniti, il sito Diet Detective, in collaborazione con lo Hunter College Food Policy Center di New York, fa le pulci a quello che i clienti delle compagnie americane possono …

Continua »

Alimentazione sostenibile, il decalogo di Greenpeace, tra frutta e verdura di stagione e cibo ultra-trasformato

eco menu Greenpeace

Mangiare alimenti gustosi, sani, ma anche sostenibili: un approccio alla dieta non sempre scontato, ma ora, per facilitarlo, Greenpeace pubblica il suo decalogo, che contiene consigli e osservazioni che aiutano a capire i perché delle scelte alimentari migliori. Ecco, in sintesi, quanto riportato: 1) Frutta e verdura. Oltre a indicare gli ortaggi e la frutta da preferire nelle diverse stagioni …

Continua »

Olio di palma, violazioni dei diritti e della salute dei lavoratori nelle piantagioni in Congo. La denuncia di Human Rights Watch

In pochi anni Feronia e la sua consociata locale Plantations et Huileries du Congo S.A. (PHC) hanno devastato una grande area del Congo, e stanno rendendo impotenti e ammalati decine di lavoratori. Il tutto per tre grandi piantagioni di palme da olio estese per 100 mila ettari nella regione più settentrionale del paese, dove lavorano 10 mila persone. Si tratta di …

Continua »