Home / Nutrizione (pagina 30)

Nutrizione

Più del 40% degli italiani sono obesi o in sovrappeso. Sottovalutano il problema e anche gli operatori sanitari non sembrano attenti

Il 41,9% degli adulti italiani è in eccesso ponderale, il 10,2 % in particolare viene classificato come obeso. L’eccesso di chili è più frequente nelle persone di una certa età, in particolare tra gli  uomini con  difficoltà economiche e  un basso livello di istruzione. C’è anche una maggiore frequenza di sovrappeso fra gli uomini italiani rispetto a quelli di cittadinanza …

Continua »

Solo un decimo degli adulti italiani consuma le cinque porzioni di frutta e verdura al giorno raccomandate per mantenersi in salute

Le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità per una corretta alimentazione raccomandano di consumare almeno cinque porzioni al giorno di frutta e verdura, pari a 400 grammi. In Italia lo fa solo il 9,5% degli adulti, mentre il 49,4% ne consuma una o due porzioni. Il consumo delle cinque porzioni giornaliere cresce con l’avanzare dell’età, maggiormente tra le donne e …

Continua »

Nutella: Giovanni Ferrero dice che l’olio di palma è “sette volte più nutritivo rispetto agli altri oli”. Miracolo o bufala?

Sabato 10 luglio 2015  in un’intervista pubblicata sulle pagine del quotidiano la Repubblica e sul sito Giovanni Ferrero (amministratore delegato unico della Ferrero), descrive le prospettive di mercato e le nuove acquisizioni dell’azienda piemontese. Nell’intervista il giornalista Paolo Griseri fa una domanda su Ségolène Royal che invitava a non mangiare la Nutella per combattere la deforestazione provocata dalle coltivazioni di olio …

Continua »

Quanti grassi saturi consumiamo? Per le aziende 2,8 g/die provengono da dolci. Non è vero. Il dato reale è superiore del 20%, e si arriva al 110% per i giovani. Le previsioni indicano un pericoloso aumento

Quanti grassi saturi assumono ogni giorno gli italiani? Nessuno lo sa con precisione perché i dati si riferiscono a ricerche di 10 anni fa  quando  l’invasione nell’olio di palma non aveva ancora contagiato l’universo  alimentare, conquistando il 90% del mercato.  Parlare del grasso tropicale è doveroso perché contiene il 50% di acido palmitico e perché si tratta della principale  fonte …

Continua »
fast food

Un pianeta che ingrassa: in 39 anni sono aumentati sia l’indice di massa corporea sia le calorie disponibili per abitante. Il junk food alla base del problema denuncia l’OMS

Gli abitanti del pianeta continuano a ingrassare quasi ovunque, e sono sempre più in sovrappeso od obesi. Questo il dato denunciato da molte indagini realizzate negli ultimi anni, non è mai emersa come fenomeno globale. La colpa è di una serie di cofattori (il cambiamento delle abitudini di vita e di lavoro, la sedentarietà, la dipendenza dai mezzi meccanici di locomozione) …

Continua »

Perché nel latte artificiale per neonati si aggiunge olio di palma? Si tratta di un ingrediente estraneo alla dieta dei piccoli. Cosa si usava prima? Esistono alternative

Tre anni fa ci interrogavamo sulla presenza degli oli vegetali nel latte  per neonati, oggi, dopo avere scoperto che dietro questa generica dicitura si nasconde l’olio di palma, vale la pena chiedersi quanto sia utile e necessario utilizzare un grasso tropicale per un alimento destinato ai lattanti. Anche se le aziende non lo dicono molto probabilmente si tratta di una …

Continua »

Giorgio Calabrese: la crociata del nutrizionista a favore dell’olio di palma continua. Articoli sconcertanti sui settimanali Io donna e Famiglia Cristiana

Le sconcertanti dichiarazioni del nutrizionista Giorgio Calabrese continuano. Questa volta i destinatari sono i lettori di Famiglia Cristiana che a pagina 84 del numero 27 possono leggere un nuovo intervento del professore in difesa dell’olio di palma. Stiamo parlando di un grasso tropicale che ha invaso la dieta degli europei poiché presente nella maggior parte di: biscotti, dolci, merendine, brioche, prodotti da forno, …

Continua »

Olio di palma, il consumo eccessivo può avere effetti negativi sulla salute e aumentare il rischio cardiovascolari. Lo sostiene il Consiglio Superiore della Sanità del Belgio e l’Agenzia per la sicurezza alimentare francese

Sono passati 6 mesi da quando l’Unione Europea ha imposto alle aziende di specificare il tipo di olio vegetale sulle etichette dei prodotti alimentari, e in Italia è in corso un’accesa discussione dopo la scoperta che in moltissimi prodotti si usa olio di palma. Nel dibattito la domanda più frequente riguarda i problemi di salute correlati all’assunzione elevata di questo grasso. …

Continua »

Insetti a uso alimentare: la Svizzera verso la commercializzazione di tre specie. Lo prevedono le nuove ordinanze sulle derrate alimentari

Il grillo domestico, la locusta migratoria e il tarlo della farina, ma solo nella fase larvale, potrebbero essere legalmente acquistati e consumati in Svizzera a partire dal prossimo anno. È quanto prevede la revisione di alcune ordinanze, sottoposte a indagine conoscitiva sino alla fine di ottobre, dopo che il parlamento elvetico ha adottato una nuova legge sulle derrate alimentari. Sinora, …

Continua »

Grano monococco: il segreto per la prevenzione della celiachia viene dal passato

C’è un’antica specie di grano che può aiutare nella prevenzione della celiachia. Sembra una contraddizione, ma il grano monococco, conosciuto anche come piccolo farro, contiene un glutine più fragile rispetto al grano tenero. Questo lo rende più digeribile e meno tossico per il nostro organismo. Lo studio, condotto da un team di ricercatori del Consiglio nazionale delle ricerche coordinati da …

Continua »

L’olio di palma sporca le arterie e favorisce formazione del colesterolo. Così si esprimevano Antonio Migliaccio e Giorgio Calabrese. Adesso qualcuno cambia idea

L’olio di palma fa male alla salute, lo dicono due esperti di alimentazione come Giorgio Calabrese e Antonio Migliaccio volti noti al grande pubblico e spesso intervistati in tv e giornali. In una video intervista pubblicata nel sito di ABCsalute.it nel 2010 Giorgio Calabrese, a proposito degli acidi grassi tropicali come il palma e il cocco, diceva «sporcano le arterie … essendo  aterogenici, …

Continua »

Gli Stati Uniti mettono al bando gli acidi grassi trans: tre anni di tempo all’industria per eliminare questi grassi rischiosi a livello coronarico

Dal 2018, negli Stati Uniti i cibi non potranno più contenere acidi grassi trans, prodotti dagli oli vegetali idrogenati. Lo ha deciso la Food and Drug Administration (FDA), secondo la quale questo provvedimento potrebbe evitare ventimila attacchi cardiaci e settemila decessi. Gli acidi grassi trans, che non hanno alcun valore nutrizionale, sono utilizzati in molti alimenti prodotti a livello industriale, …

Continua »

L’ADI presenta un manifesto per invitare gli italiani a riflettere sul problema della nutrizione

Secondo l’ADI, Associazione Italiana di dietetica e Nutrizione Clinica, in Italia sono almeno 17 milioni le persone con problemi di salute legati alla nutrizione, i quali comportano una spesa collettiva di 30 miliardi di euro all’anno, cifra destinata a crescere. L’associazione ha presentato un documento patrocinato dal Padiglione Italia di Expo per stimolare l’attenzione pubblica su questo argomento. Il Manifesto …

Continua »

Alla scoperta del lupino, il legume sconosciuto dalle grandi proprietà benefiche. A Milano una conferenza patrocinata da Expo

Il lupino è un legume poco presente nelle tavole degli italiani, anche se l’analisi nutrizionale rivela ottime proprietà benefiche per la salute. La gente lo conosce perché si trova in alcune diete e perché è considerato una buona fonte di proteine dalle persone vegetariane. Per colmare questo deficit di conoscenza, durante  Expo, Milano ospiterà la quattordicesima edizione della Conferenza Internazionale …

Continua »

Formaggi e latticini freschi senza lattosio: da Galbani al Philadelphia l’offerta è sempre più ricca, anche se è meglio non eccedere

Per chi è gravemente intollerante al lattosio, il principale zucchero contenuto nel latte, i formaggi freschi sono off limits. Per questo sono sempre di più le aziende che utilizzano latte delattosato per confezionare prodotti adatti alle persone intolleranti. Stiamo parlando di grandi aziende come Galbani, che propone una versione speciale della mozzarella Santa Lucia, della crescenza e del mascarpone, o …

Continua »