;
Home / Nutrizione / Obesità infantile: si cercano soluzioni multidisciplinari e strumenti innovativi

Obesità infantile: si cercano soluzioni multidisciplinari e strumenti innovativi

obesità infanzia bambini junk foodL’Italia è tra gli stati europei con il più alto tasso di obesità infantile, il problema si registra infatti al 18% tra i bambini e al 19% tra gli adolescenti. Secondo i dati riportati nel Rapporto sull’obesità presentato dall’istituto Auxologico italiano nel luglio 2021 e riportati da Tecnomedicina, nel nostro Paese è quindi obeso quasi un bambino/ragazzo su cinque. Si tratta di un dato allarmante, che rappresenta una sfida fondamentale da affrontare al più presto per le sue ripercussioni in termini di salute pubblica.

Proprio per trovare delle soluzioni che consentano di affrontare al meglio questo problema, è stato lanciato da Fondazione Cariplo un bando, intitolato: “Cibo e salute: ricerche sull’obesità nell’età evolutiva per la promozione di stili di vita più sani“. Il bando prevede il finanziamento per un milione di euro a progetti di ricerca multidisciplinari in grado di approfondire le cause e le conseguenze dell’obesità infantile e dell’età evolutiva più in generale ed è aperto fino al 19 gennaio 2022. Vi possono partecipare enti pubblici e privati non profit che svolgono attività di ricerca scientifica, con l’obiettivo di stimolare il dibattito pubblico e introdurre strumenti innovativi.

obesita infantile sovrappeso bilancia
Il legame tra alimentazione e salute tocca anche la sfera emotiva e va quindi affrontato con approcci in grado di favorire l’integrazione tra discipline diverse

Nei progetti proposti i partecipanti devono prevedere azioni specifiche dedicate alla produzione di raccomandazioni per promuovere stili di vita più sani e valorizzare gli approcci in grado di favorire l’integrazione tra discipline diverse, dall’area nutrizionale a quella psico-sociale. “Il legame tra alimentazione e salute è profondo e tocca anche la sfera emotiva e relazionale, oltre all’aspetto fisico – ha dichiarato Giovanni Fosti, presidente di Fondazione Cariplo –. Per questo è indispensabile approfondire la ricerca su questa correlazione sostenendo progetti multidisciplinari. Nelle comunità è cruciale sostenere un’educazione a stili di vita salutari per tutti i ragazzi, specialmente per chi ha meno opportunità di accesso a un’alimentazione sana”.

Questo progetto si inserisce tra le priorità di Fondazione Cariplo, impegnata da diversi anni sulle tematiche di alimentazione e salute e partner del Comune di Milano nella realizzazione del progetto Food Policy che, attivo dal 2014, proprio nel 2020 ha ricevuto il premio dell’istituzione filantropica britannica Royal Foundation come una delle iniziative più importanti per la sostenibilità del pianeta.

© Riproduzione riservata; Foto: Fotolia

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Chiara Cammarano

Chiara Cammarano

Guarda qui

La verità sugli spinaci: non sono una miniera di ferro, lo dice Ballarini sull’Accademia dei Georgofili

La leggenda che vede gli spinaci come una fonte di grandissime quantità di ferro è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *