Home / Beniamino Bonardi (pagina 20)

Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Quasi il 6% dei tumori sono legati a diabete e sovrappeso. Analisi dell’Imperial College di Londra sui dati di 175 paesi

Quasi il 6% dei tumori a livello mondiale è causato da diabete, sovrappeso e obesità. Lo indica uno studio dell’Imperial College di Londra, pubblicato dalla rivista The Lancet Diabetes & Endocrinology, che ha analizzato i dati del 2012 di 175 paesi, relativi a dodici tumori che l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) dell’Organizzazione mondiale della sanità e il World …

Continua »

Pubblicato il nuovo regolamento Ue sull’acrilammide. Non fissa valori limite ma abbassa quelli di riferimento attuali

junk food

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Ue è stato pubblicato il regolamento (UE) 20 novembre 2017, n. 2158 “che istituisce misure di attenuazione e livelli di riferimento per la riduzione della presenza di acrilammide negli alimenti”. L’acrilammide è una sostanza riconosciuta come genotossica e cancerogena, che si forma prevalentemente negli alimenti ricchi di carboidrati cotti al forno o fritti. Il regolamento non fissa valori limite ma …

Continua »

Olio di palma continua la deforestazione. Drammatico rapporto di Greenpeace sul mancato rispetto degli impegni assunti da Rspo

Un nuovo rapporto di Greenpeace denuncia come i fornitori che vendono il grasso tropicale alle maggiori aziende alimentari non siano in grado di garantire che il prodotto provenga da zone non sottoposte a deforestazione. Tre anni dopo che i maggiori commercianti di olio di palma hanno adottato la politica di “no deforestazione”, l’associazione ecologista ha cercato di valutare i progressi …

Continua »

I fondi di caffè usati per il biocarburante nei bus di Londra. Collaborazione tra Shell, Argent Energy e bio-bean

London bus

Gli autobus di Londra hanno cominciato ad essere alimentati con un biocarburante, denominato B20, composto per il 20% da olio di caffè, grazie alla collaborazione tra Shell, Argent Energy e bio-bean, un’azienda britannica specializzata nello sviluppo di combustibile e carburante derivato dai residui del caffè. L’utilizzo di questa miscela di olio minerale e olio di caffè non richiede modifiche ai …

Continua »

Glifosato: rinnovata per cinque anni l’autorizzazione Ue. Decisiva la Germania, passata dall’astensione al voto favorevole. Italia contraria

Dopo due anni di dibattiti sulla tossicità, gli Stati Ue hanno raggiunto la maggioranza qualificata necessaria per rinnovare per altri cinque anni l’autorizzazione all’erbicida glifosato. Nella riunione del comitato d’appello tenuta il 27 novembre, 18 Stati (pari  al 65% della popolazione europea) hanno votato a favore del rinnovo proposto dalla Commissione e garantiscono quindi la maggioranza qualificata necessaria per questa …

Continua »

“Così l’industria dello zucchero ha manipolato la scienza per proteggere i propri interessi”. Una nuova ricerca dell’Università della California

zucchero merendine

Nel 1965, Sugar Research Foundation (SRF), oggi Sugar Association, un potente gruppo di rappresentanza degli interessi dell’industria dello zucchero, finanziò segretamente tre scienziati di Harvard, affinché realizzassero uno studio che smentisse le evidenze secondo cui lo zucchero incrementa i livelli di lipidi nel sangue, aumentando così il rischio di malattie cardiovascolari. Lo studio fu concluso nei termini desiderati dai finanziatori …

Continua »

Dopo le fragole, test positivi anche su albicocche e pesche dell’imballaggio “Attivo”. Prospettive e costi dell’innovazione di Consorzio Bestack e Università di Bologna

Dopo i test condotti la scorsa primavera sulle fragole, il consorzio dei produttori di cassette in cartone per ortofrutta Bestack ha diffuso i risultati della sperimentazione condotta su albicocche e pesche nettarine del nuovo sistema di imballaggio “Attivo”. Si tratta di cassette per frutta e verdura in cartone ondulato con l’aggiunta di una soluzione concentrata di oli essenziali naturali, in …

Continua »

Mangiare velocemente aumenta il rischio di sindrome metabolica e obesità. Ricerca di cinque anni dell’Università di Hiroshima

Mangiare lentamente riduce le probabilità di diventare obesi o di sviluppare la sindrome metabolica. Infatti, mangiare velocemente può provocare fluttuazioni nel livello di zucchero nel sangue, che possono portare all’insulino-resistenza, nota anche come sindrome metabolica, cioè a una combinazione di disturbi che moltiplicano il rischio di malattie cardiache, diabete e ictus. È quanto indica uno studio giapponese, condotto da ricercatori …

Continua »

Piano del ministero della Salute per contrastare la resistenza agli antibiotici. Obiettivo di riduzione del 30% di questi farmaci negli allevamenti entro il 2020

Per contrastare l’antibiotico resistenza, cioè lo sviluppo di super batteri in grado di resistere anche ai più potenti antibiotici, il ministero della Salute ha presentato un Piano nazionale, che si ispira a un approccio unitario per combattere il cattivo uso di questi farmaci nell’uomo come negli animali. Il piano prevede anche di monitorarne la presenza anche negli alimenti e nell’ambiente, …

Continua »

Il decalogo per la transizione dell’Italia alla green economy. Un programma per la prossima agenda parlamentare e di governo

sostenibilità

In occasione degli Stati Generali della Green Economy, tenutisi a Rimini all’interno di Ecomondo, è stato presentato un decalogo per mettere l’Italia sulla strada della transizione alla green economy attraverso un programma di azioni che rendano più “verde” il Paese. Si tratta di dieci proposte elaborate dal Consiglio Nazionale della Green Economy, formato da 66 organizzazioni di imprese impegnate in …

Continua »

Inquinamento da Pfas in Veneto. La Regione presenta i risultati dei controlli sugli alimenti e tranquillizza. Le maggiori contaminazioni in uova e animali di produzione casalinga. Pesce vietato nella zona rossa

sicurezza alimentare allerta 156855043

La Regione Veneto ha diffuso i risultati del biomonitoraggio condotto dell’Istituto superiore di sanità (ISS) sugli alimenti ricavati dai terreni contaminati da Pfas, sostanze perfluoroalchiliche riconosciute come interferenti endocrini correlati a patologie riguardanti pelle, polmoni e reni. L’inquinamento, scoperto nel 2013, interessa una sessantina di Comuni nelle province di Vicenza, Verona e Padova, e probabilmente è in corso da decenni dato che la principale fonte sospettata …

Continua »

Usa, diminuisce il consumo di bevande zuccherate. Calo in tutte le fasce d’età ma livello ancora elevato tra adolescenti e giovani adulti

soda tax bibita bevanda

Tra il 2003 e il 2014, il consumo di bevande zuccherate negli Stati Uniti è diminuito in tutte le fasce di età ma rimane ancora elevato tra adolescenti e giovani adulti. Resta particolarmente alto tra la popolazione afro-americana, gli originari del Messico e bambini, adolescenti e giovani adulti ispanici non messicani, che sono i gruppi a maggior rischio di obesità …

Continua »

Per la maggioranza dei britannici la porzione di frutta o verdura è un mistero. Solo il 23% sa che corrisponde a 80 grammi

fresh food

Le linee guida nutrizionali suggeriscono di consumare cinque porzioni al giorno di frutta o verdura ma per la maggior parte degli inglesi resta un mistero a quanto corrisponda una porzione. Lo rileva un sondaggio condotto su duemila persone dalla National Charity Partnership, che riunisce Diabetes UK, la British Heart Foundation e la catena di supermercati Tesco. Dal sondaggio emerge che …

Continua »

Il 45% degli adulti statunitensi allergici sviluppa la sensibilità a un cibo in età adulta. Fenomeno in aumento sia nei bambini che negli adulti

Negli Stati Uniti, le allergie negli adulti sono in aumento, così come nei bambini. Inoltre, quasi la metà degli allergici ha sviluppato la patologia in età adulta. Lo rileva una ricerca condotta da allergologi della Northwestern Medicine University e presentata in occasione del meeting annuale della American College of Allergy, Asthma and Immunology (ACAAI). “Le allergie alimentari sono spesso viste …

Continua »

Inglesi i più obesi dell’Europa occidentale, secondo l’Ocse. Italiani quart’ultimi su 35 paesi

Il 54% degli adulti dei 35 paesi dell’Ocse è in sovrappeso, compreso il 19% che è obeso. Quattro paesi hanno un tasso di obesità superiore al 30%: Ungheria, Nuova Zelanda, Messico e Stati Uniti. In Europa occidentale, il paese più obeso è la Gran Bretagna, che registra un tasso del 26,9%, con un aumento del 92% rispetto al 1990. Una …

Continua »