Home / Pianeta / Tassa sul cibo spazzatura: negli Usa sarebbe legalmente fattibile ma non è così probabile

Tassa sul cibo spazzatura: negli Usa sarebbe legalmente fattibile ma non è così probabile

cibo spazzaturaNegli Stati Uniti sarebbe legalmente e amministrativamente fattibile, e avrebbe forti implicazioni per la politica nutrizionale, l’imposizione di una tassa sul cibo spazzatura e sulle bevande zuccherate, da definire per categorie di prodotto, oppure sulla base delle sostanze nutritive o delle calorie, anche con una combinazione tra questi fattori.

Lo indica uno studio condotto da ricercatori del College of Global Public Health della New York University e della School of Nutrition Science and Policy della Tufts University, pubblicato dalla rivista American Journal of Public Health, che ha analizzato la letteratura scientifica e le soluzioni fiscali adottate a livello internazionale.

I ricercatori osservano che negli Usa, mentre le tasse locali sulle bevande zuccherate registrano una crescente popolarità e accettazione politica, l’idea di una tassa nazionale su tutti gli alimenti malsani – che avrebbe effetti molto più ampi delle tasse locali sulle sole bevande zuccherate – non ha ancora un sostegno politico e la sua fattibilità “nell’attuale clima politico è incerta e sembra improbabile”.

Inoltre, osserva Jennifer Pomeranz, che ha diretto lo studio, la lobby dell’industria alimentare è molto forte e di solito la sua opposizione alle politiche di salute pubblica ha molto successo. Questo sforzo non riguarda solo i lobbisti, rimarca Pomeranz, ma anche la scienza spazzatura finanziata dall’industria a proprio supporto. “Lo si è visto nel corso della storia per quanto riguarda le armi da fuoco e il tabacco. Lo stiamo vedendo ora con gli alimenti”.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Chocolate chip cookies with marijuana isolated on white

Stop ai derivati della cannabis nei ristoranti di New York. “Sostanza non approvata”, afferma il dipartimento della Salute. E in Europa?

Negli Stati Uniti inizia la stretta sull’utilizzo dei derivati della cannabis in alimenti e bevande …