Home / Redazione Il Fatto Alimentare (pagina 60)

Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Avocado: il boom del frutto tropicale mette a rischio l’ambiente. In Messico la monocoltura è causa di deforestazione e di perdita di biodiversità

Negli ultimi anni l’avocado sta riscuotendo un grande successo anche in Europa. Eppure questo frutto dal colore verde brillante e dalla consistenza burrosa potrebbe non essere sostenibile dal punto di vista dell’ambiente. Ha varcato i confini del Centro-Sud America e raggiunto gran parte del mondo, facendo del Messico il principale esportatore con il 40% del mercato. Il frutto è diventato …

Continua »

Food app: pasti a domicilio solo per chi abita in città. In generale buona la puntualità e le condizioni alla consegna (con eccezioni). Il test di Altroconsumo su cinque applicazioni

Altroconsumo ha messo alla prova le food app, cioè le applicazioni che permettono di ordinare un piatto con il proprio smartphone e riceverlo a casa. Nel test, 40 volontari distribuiti tra Milano, Torino e Roma hanno testato cinque famose applicazioni di consegna pasti a domicilio: Just Eat, Deliveroo, Foodora, Moovenda e Glovo (quest’ultima facendo anche consegne di altri articoli oltre ai …

Continua »

Acqua minerale Rocchetta: ennesimo caso di pubblicità ingannevole. Nella settimana della prevenzione urologica veicola il messaggio che l’acqua abbia proprietà terapeutiche

Il 22 novembre scorso il Comitato di controllo dell’ l’Istituto dell’autodisciplina pubblicitaria ha ritenuto ingannevole la pagina pubblicitaria dell’acqua minerale Rocchetta pubblicata su Corriere della Sera il 2 ottobre 2016 e anche sul sito aziendale rocchetta.it. Il messaggio era inserito all’interno del mese della prevenzione urologica, quindi di un’iniziativa medica che si prefigge lo scopo di informare ed educare in particolare …

Continua »

Stop al glifosato: al via la petizione per chiedere alla Commissione UE il divieto dell’erbicida in tutta Europa. Obiettivo un milione di firme

È partita ufficialmente in tutta Europa la raccolta firme per presentare un’iniziativa dei cittadini europei (Ice) per vietare il glifosato, un erbicida usato comunemente in agricoltura e presente in oltre 750 formulazioni, compreso il famigerato Roundup, e al centro di controversie per i pareri contrastanti rilasciati da Iarc e Efsa in merito alla sua sospetta cancerogenicità. L’iniziativa è stata lanciata …

Continua »

I prodotti vegetariani e vegani entrano nel paniere Istat. Tra gli alimentari, aggiunti anche preparati di carne, centrifugati di frutta e birre artigianali

I prodotti per vegani e vegetariani entrano nel nuovo paniere Istat, usato come riferimento per la rilevazione dei prezzi e per il calcolo dell’inflazione. La scelta dell’istituto nazionale di statistica non sorprende, ma certifica il cambiamento nello stile di vita dei consumatori sottolineato già dal Rapporto Italia (secondo i dati  presentati dall’Eurispes, gli italiani che non mangiano carne e pesce sono …

Continua »

Cambiamo Aria! Un libro per conoscere il problema dell’inquinamento e sapere come difenderci

La nostra salute dipende da vari fattori, uno di questi è l’inquinamento ambientale. Margherita Fronte (giornalista scientifica di Focus) e Pier Mannuccio Mannucci mettono l’aria sotto la lente di ingradimento nel libro Cambiamo Aria! edito da Baldini&Castoldi, con la prefazione di Umberto Veronesi. Lo scopo è  farci capire la portata e la gravità della situazione, con approccio scientifico, e informare …

Continua »

Acrilammide: un software dell’Università della Basilicata simula i processi aziendali per limitarne la presenza

acrilammide patate

L’acrilammide è ovunque: caffè, patatine, prodotti da forno… ne abbiamo parlato in un recente articolo in cui Chiara Manzi spiega i vari aspetti di questo contaminante cancerogeno che si forma in alcuni prodotti alimentari cotti a elevate temperature. Quando la doratura è eccessiva e il colore diventa scuro siamo in presenza di troppa acrilammide. L’Efsa ha stilato un rapporto per stabilire i …

Continua »

Eurispes: gli italiani preferiscono il made in Italy, di stagione e senza olio di palma. Crescono i vegani e l’attenzione per le etichette. La fotografia del Rapporto 2017

Amanti del made in Italy, attenti all’etichetta e sempre più vegani: è questa la fotografia degli italiani secondo il Rapporto Italia 2017 presentato dall’Eurispes lo scorso 26 gennaio. Per l’istituto di ricerca statistica, il 74% dei consumatori preferisce mettere nel carrello cibi prodotti in Italia, e più della metà dichiara di acquistare spesso alimenti con marchi e certificazioni Dop, Igp …

Continua »

McDonald’s distribuisce a Boston i nuovi Big Mac gratis, e al cinema esce “The Founder”, la storia del fondatore dell’impero fast food

Per un giorno gli abitanti di Boston hanno potuto sperimentare l’esperienza di ricevere un Big Mac dal distributore automatico. Non si tratta però di un nuovo passo verso una maggiore automazione dei ristoranti McDonald’s, come dimostrano i molti totem per le ordinazioni, ma di un’iniziativa pubblicitaria per il lancio di due nuovi panini della linea Big Mac: il Mac Jr …

Continua »

Pesce surgelato: consumi in crescita ma attenzione agli additivi e alla provenienza indicata sull’etichetta

Gli italiani nel 2015 hanno consumato 13,5 kg di surgelati a testa. Il 60% dei prodotti è stato acquistato per un uso casalingo. Nell’elenco delle preferenze, dopo i vegetali (3,7 kg) troviamo i prodotti ittici (1,47 kg) che rappresentano il 17% circa del totale del pesce consumato in Italia. Nel periodo gennaio-settembre 2016 il consumo di prodotti ittici freschi è …

Continua »

Il maiale ai primi posti: negli USA gli allevamenti di suini spopolano a discapito di mucche e vitelli. E in Italia? L’infografica di Valori

carne suina maiale

Bovini, suini, polli e ovini: quale di questi allevamenti ha il primato? Alla domanda ha risposto un articolo sul numero di dicembre-gennaio della rivista Valori, soprattutto per quanto riguarda il mercato statunitense. L’idea che negli USA gli allevamenti con il numero di capi più abbondante siano quelli di bovini è un mito del nostro immaginario collettivo che da tempo non …

Continua »

Penny market richiama un lotto di caramelle per la possibile presenza di un allergene non dichiarato in etichetta. Aggiornamento: richiamo revocato

Aggiornamento del 27 luglio 2017. Il richiamo è stato revocato poiché dalle analisi dell’Istituto Superiore di Sanità non sono state rilevate tracce di caseinati. Leggi l’approfondimento. Penny Market ha ritirato a titolo precauzionale un lotto di Caramelle dure ripiene alla frutta, ai gusti ciliegia, mora, arancia, limone e fragola, per la possibile presenza di un allergene non dichiarato in etichetta. …

Continua »

La Francia vieta la distribuzione gratuita di bevande dolci analcoliche nei locali pubblici e anche la vendita a forfait

obesita sovrappeso bibite

In Francia è entrato in vigore il 19 gennaio 2017, un decreto che vieta ai locali pubblici di adottare formule di vendita troppo generose nei confronti delle bevande dolci. In altre parole i locali che danno la possibilità di bere bibite a volontà gratuitamente (per esempio quando si consuma un pasto) o che lasciano agli avventori la libertà di riempire il …

Continua »

La diffusione del cibo etnico in Italia: dai ristoranti cinesi alle proposte più innovative. Promossi sushi e sashimi, bocciati gli insetti

L’interesse per la cucina etnica si è ormai ampiamente diffuso anche in Italia. La ragione sta non solo nell’aumento del numero di stranieri sul suolo italiano, ma anche in una curiosità crescente che le persone hanno verso il cibo e i prodotti degli “altri”. Se all’inizio, cioè negli anni ‘90, mangiare cibo etnico significava per lo più recarsi al ristorante …

Continua »

Kusmi Tea ritira dal mercato europeo la camomilla in via precauzionale, per la presenza di alcaloidi pirrolizidinici. I valori sono comunque al di sotto della soglia Efsa

L’azienda francese Kusmi Tea, che commercializza i tè e infusi anche in Italia, ha ritirato dal mercato europeo tutti i lotti di camomilla. La decisione è arrivata dopo che Stiftung Warentest, associazione tedesca per i consumatori, ha pubblicato i risultati di un test su un lotto di infuso, rilevando una contaminazione da alcaloidi pirrolizidinici (PA) in almeno la metà delle bustine …

Continua »