Home / Pianeta / Le vendite di antibiotici per uso veterinario stanno calando. Un articolo di Antongiovanni su Georgofili.it

Le vendite di antibiotici per uso veterinario stanno calando. Un articolo di Antongiovanni su Georgofili.it

conigli allevamentoIl consumo di antibiotici negli allevamenti italiani è in costante diminuzione come scrive in questo articolo Mauro Antongiovanni sul sito dell’Accademia dei Georgofili che proponiamo ai nostri lettori.

Un recente rapporto dell’Ema (European Medicines Agency) informa di un significativo declino nella vendita di antibiotici per uso veterinario in tutta Europa, negli ultimi dieci anni. A questo proposito, Ivo Claassen, direttore della Divisione Farmaci per uso veterinario dell’Ema, osserva che le linee guida europee e nazionali delle campagne che promuovono l’uso prudente di antibiotici negli animali stanno avendo effetti positivi e rappresentano la strada giusta per combattere la resistenza microbica acquisita.
Il calo è dovuto a diverse cause, fra cui l’implementazione delle campagne per l’uso responsabile dei farmaci, le limitazioni del loro impiego, le misure di controllo sulle prescrizioni mediche, la maggiore consapevolezza del pericolo della resistenza microbica, i programmi di riduzione dell’impiego di antimicrobici e i cambiamenti nella demografia animale.

antibiotici
Si utilizzano più antibiotici per suini e polli e molti meno per i ruminanti grandi e piccoli

Gli antibiotici maggiormente usati e, quindi, maggiormente interessati alla diminuzione dei consumi, sono le tetracicline e le penicilline. Si stima che il calo sia intorno al 35%: non poco. Si sono registrate notevoli differenze fra i diversi paesi, dovute a differenti motivi. In primo luogo, al fatto che gli allevatori utilizzino mangimi medicati preparati da mangimifici industriali, oppure preparino loro stessi le miscele che somministrano ai loro animali. In secondo luogo, alla distribuzione delle specie animali allevate: si utilizzano più antibiotici per suini e polli e molti meno per i ruminanti grandi e piccoli. In terzo luogo, dalle politiche nazionali che regolano le forme farmaceutiche dei prodotti per la medicazione degli alimenti per animali e i controlli.

Il rapporto specifica che fra il 2011 ed il 2018, relativamente ai 25 Paesi che hanno fornito dati, la vendita delle cefalosporine di terza e quarta generazione è diminuita del 24%; quella delle polimixine di ben il 70%; quella dei fluorochinoni del 4% e quella dei chinoloni del 74%.

Mauro AntongiovanniAccademia dei Georgofili

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

spighe di grano

Frumento: sequenziamento del Dna e metodi inclusivi per far fronte alle sfide del futuro

Grazie alla sua capacità di adattamento alle differenti condizioni climatiche, il frumento è uno dei …