Home / Redazione Il Fatto Alimentare (pagina 30)

Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Test sul tè nero e verde: bene quelli bio, male gli Earl Grey Twinings e Lipton: troppi contaminanti. Il confronto fatto in Francia da 60 Millions

te

Il tè è una delle bevande calde preferite dai consumatori. Per questo il magazine francese 60 Millions des consommateurs ha portato in laboratorio 16 confezioni di Earl Grey (tè nero al bergamotto) e 10 di tè verde alla menta, le varietà più vendute nei supermercati francesi. Dalle analisi è emersa una presenza diffusa di contaminanti, naturali e anche artificiali, che …

Continua »

Mozzarella: come distinguere i veri prodotti artigianali. I segreti dell’etichetta e la verità sul prezzo

Le mozzarelle non sono tutte uguali. Basta un pizzico di attenzione per decodificare le diciture in etichetta e qualche nozione sulle modalità di lavorazione per riuscire a distinguere un prodotto dall’altro. In questa operazione ci aiuta il decalogo “Il manifesto della mozzarella: le 10 cose da sapere prima di comprarla” curato da Michele Faccia docente di  Scienze e tecnologie degli alimenti …

Continua »

No alla bandiera italiana in etichetta se ingredienti sono importati da Marocco, Turchia… Antitrust contro l’Italian sounding

Con due provvedimenti pubblicati all’inizio del mese di ottobre 2017, l’Autorità garante per la concorrenza e il mercato ha ribadito che quando in un prodotto alimentare si riporta la scritta “Product of Italy”  non bisogna confondere i consumatori sull’origine della materia prima. A finire nel mirino dell’Antitrust sono state due aziende di conserve vegetali, colpevoli di aver venduto vasetti di verdura sott’olio …

Continua »

Master in “Alimenti, territorio e salute”: aperte le iscrizioni per la prima edizione. Si inaugura a Siena

Master studio cibo

Sono aperte le iscrizioni alla prima edizione del Master di II livello “Alimenti, territorio e salute” dell’Università di Siena, un corso post-laurea dedicato alla produzione del cibo, all’alimentazione e alla salute. Il Master vuole fornire le competenze necessarie per ila gestione della qualità degli alimenti, l’innovazione e la ricerca lungo tutta la filiera di produzione agroalimentare e per lo sviluppo di …

Continua »

Biologico, una startup mette in rete i piccoli produttori. Ecco Biorticello.it, tra portale di e-commerce e blog contadino

Una startup vuole mette in rete i piccoli produttori del biologico. Si chiama Biorticello.it ed è un portale di e-commerce attraverso cui piccole aziende biologiche possono vendere i propri prodotti, che saranno consegnati a domicilio in tutta Italia. Il progetto è partito dal Lazio, dove risiede il quartier generale della startup, ma si è esteso a tutto lo stivale, isole …

Continua »

Riso Arborio: tutti promossi al test di Altroconsumo, ma la varietà è un’altra. Ampiamente sotto i limiti i livelli di metalli pesanti

È dedicato al riso Arborio, ingrediente principe di tanti risotti, l’ultimo test di Altroconsumo. L’associazione dei consumatori ha messo alla prova 20 marchi sia in laboratorio, alla ricerca di difetti e metalli pesanti, che in cucina, per verificare la tenuta in cottura e il grado di mantecatura. Non poteva mancare anche una prova d’assaggio, a cui hanno partecipato sia un …

Continua »

Aggiornamento del 24/11: le analisi dell’azienda Za.Mar hanno rilevato livelli di PSP sotto i limiti. Nuovi richiami di ostriche contaminate da biotossine paralizzanti: 4 marchi e 24 lotti coinvolti. L’allerta arriva dalla Francia

Aggiornamento del 24 novembre 2017: l’azienda Za.Mar informa Il Fatto Alimentare che “grazie all’effettiva rapidità del Sistema di allerta attivato è stato possibile recuperare una parte del prodotto venduto” su cui è stato possibile eseguire le controanalisi, “tenuto conto che l’allerta è partita dalla zona di produzione [Francia] era doveroso per il consumatore avere un dato più specifico relativamente allo stato di …

Continua »

Aggiornamento del 24/11: le analisi di Za.Mar sulle ostriche rilevano livelli di PSP sotto i limiti. SoGeGross e Basko richiamano ostriche per presenza di biotossine paralizzanti. Riscontrati livelli oltre il doppio del consentito. Il Ministero della salute richiama altri 22 lotti.

ostriche

Aggiornamento del 24 novembre 2017: l’azienda Za.Mar informa Il Fatto Alimentare che “grazie all’effettiva rapidità del Sistema di allerta attivato è stato possibile recuperare una parte del prodotto venduto” su cui è stato possibile eseguire le controanalisi, “tenuto conto che l’allerta è partita dalla zona di produzione [Francia] era doveroso per il consumatore avere un dato più specifico relativamente allo stato di …

Continua »

“Mutti richiama passata di pomodoro” è una bufala della rete. La fake news che annuncia il ritiro per presenza di arsenico viaggia su WhatsApp

“Passata di pomodoro Mutti richiamata per tracce di arsenico”: la falsa notizia apparsa ieri sera su WhatsApp sta diventando virale. Si tratta dell’ennesima fake news che la rete regala ai consumatori. Questa volta la bufala è ben congegnata, perché accompagnata da un modulo di richiamo del Ministero della salute che però è stato modificato. La foto abbinata alla notizia segnala …

Continua »

Video: apre Fico Eataly World, la “Disneyland del cibo” di Oscar Farinetti. A Bologna i grandi assenti sono i fratelli Barilla

Fico è la nuova Disneyland del cibo. È questa la definizione che sembra prevalere tra i tanti giornalisti che il 9 novembre hanno visitato in anteprima i padiglioni ristrutturati dell’ex-mercato ortofrutticolo di Bologna. In realtà non è proprio così. Il progetto assomiglia molto a uno dei punti vendita Eataly di Oscar Farinetti, ma con una superficie 50-100 volte maggiore. Per questo …

Continua »

Micotossine oltre i limiti: richiamata farina di mais integrale per polenta a marchio Vitali

Il Ministero della salute ha pubblicato il richiamo di due lotti di farina integrale per polenta a marchio Vitali per la presenza di micotossine oltre i limiti di legge. La farina di mais coinvolta è prodotta dall’azienda agricola Eredi Franco Vitali, nello stabilimento di via Grandi 19 ad Arcene (Bergamo). I prodotti richiamati sono la farina integrale per polenta di …

Continua »

In TV e in libreria trionfano gli “illusionisti della cucina e delle ricette della felicità”. Ne parla Günther Karl Fuchs su Papille Vagabonde

Illusionisti ai fornelli, ricette per la felicità e cucina con il cuore. Ne parla il blogger Günther Karl Fuchs in un post su Papille Vagabonde, che riproponiamo con piacere ai nostri lettori. Da quando la cucina è diventata il principale argomento dei media, mi sembra di essere uno spettatore al circo equestre. I numeri passano uno dopo l’altro: l’avvocato che diventa …

Continua »

Sicurezza alimentare e made in Italy non sempre vanno a braccetto. I controlli sono tanti ma si può ancora migliorare

I motivi per cui scatta un’allerta alimentare sono tanti: ci può essere un errore in etichetta, un allergene non dichiarato, un documento di accompagnamento non valido… oppure un problema in grado di provocare serie ripercussioni sulla salute dei consumatori, come una contaminazione batterica o la presenza di metalli pesanti oltre i limiti consentiti. Quando una di queste problematiche interessa un …

Continua »

Salmonella: richiamato un lotto di salame nostrano prodotto da Macelleria Peruchetti

salame affettati insaccati

Il Ministero della salute ha diffuso il richiamo di un lotto di salame nostrano a marchio Macelleria Peruchetti per la presenza di Salmonella. Il prodotto interessato dal provvedimento è venduto intero in formato da 500g. Il richiamo riguarda esclusivamente il lotto numero 14-09-17 B. Il salame richiamato è prodotto nello stabilimento di piazza San Marco 3 di Gardone Val Trompia …

Continua »

Ministeri italiani contro le etichette a semaforo previste dalla UE: “confondono il consumatore”. Ma sono il miglior sistema per informare i cittadini

nutri-score

“La riunione ha infine dedicato ampio spazio al tema delle indicazioni nutrizionali in etichetta. Pur in forme diverse dal sistema delle etichette a “semaforo”, che è stato introdotto illegittimamente nel Regno Unito, si sta comunque assistendo al proliferare caotico di varie forme di etichettatura in paesi europei come la Francia, che rischiano ad un tempo sia di confondere il consumatore …

Continua »