Home / Pianeta / Peste suina africana: 156 casi in Italia fra Liguria, Piemonte e Lazio. Il Vietnam trova il vaccino

Peste suina africana: 156 casi in Italia fra Liguria, Piemonte e Lazio. Il Vietnam trova il vaccino

La Peste suina africana continua ad espandersi sul territorio italiano e le strategie adottate dalle autorità per arginare il problema sembrano poco efficaci (ne abbiamo parlato qui). Ai 137 casi registrati nelle zone della Liguria e del Piemonte dall’inizio dell’anno si sono aggiunti da qualche settimana altri 19 casi nel Lazio rilevati nei dintorni di Roma e uno nella zona di Rieti

A fronte di queste notizie poco rassicuranti che lasciano presagire la costante crescita della peste suina africana, dal Vietnam arriva la notizia diffusa dall’agenzia Reuters che il 1° giugno Hanoi ha annunciato di avere sviluppato con successo un vaccino da somministrare ai maiali per combattere la Peste suina africana. Ora c’è l’intenzione di produrre il vaccino e di commercializzarlo nei vari paesi interessati. La Peste suina africana è stata rilevata per la prima volta in Vietnam nel febbraio 2019 e l’anno scorso il paese è stato costretto ad abbattere circa il 20% degli animali. Qui sotto proponiamo un video realizzato dall’Autorità per la sicurezza alimentare europea (Efsa) in inglese con sottotitoli in italiano che descrive i problemi che crea la Peste suina africana

“La scoperta del vaccino è una pietra miliare dell’industria veterinaria”, ha affermato in una nota il vice ministro dell’agricoltura Phung Duc Tien. La peste suina africana è innocua per l’uomo, ma micidiale per maiali e cinghiali. Pur essendo nato in Africa, il virus si è diffuso in Europa e poi in Asia dove ha provocato la morte di centinaia di milioni di maiali in tutto il mondo. Secondo le prime notizie il vaccino garantisce un’immunità della durata di sei mesi, e sarà uno scudo per l’industria dell’allevamento di maiali e la produzione di suini a livello globale. Il vaccino è in fase di sviluppo da novembre 2019 in collaborazione con esperti statunitensi, e ha a suo favore cinque studi clinici condotti. La sua sicurezza ed efficacia è stata confermata dall’Agricultural Research Service del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Non sono stati forniti tempi per l’esportazione del vaccino o una stima della capacità di produzione del Vietnam.

© Riproduzione riservata; Foto:  AdobeStock

Da 12 anni ilfattoalimentare racconta con i suoi articoli cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

In questi anni ci hanno sostenuto decine di aziende grandi e piccole con i loro banner e moltissimi lettori con le donazioni.
Tutto ciò ha reso possibile la sopravvivenza di un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici.

Il Fatto Alimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli e ai dossier. Questo perché in rete tutte le persone hanno il diritto ad avere un'informazione libera e di qualità, senza il vincolo di dovere pagare. Tutto ciò è possibile grazie alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza la necessità di farcire gli articoli con pubblicità invasive.

Sostieni ilfattoalimentare ci vuole solo un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche sostenerci con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Olio di oliva: Italia, Spagna e Grecia insieme per difendere la cultura e il prodotto

Nasce il network OlivaeNews per promuovere la coltivazione e tutelare la cultura dell’olio di oliva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *