Home / Agnese Codignola (pagina 7)

Agnese Codignola

giornalista scientifica

Alimenti per bambini: troppe diciture promozionali sulle confezioni di baby food vendute nel Regno Unito

bambino che gioca con tre vasetti di omogeneizzato, baby food

Nel Regno Unito le confezioni degli alimenti per bambini fino a un anno contengono, in media, nove diciture promozionali. Scritte finalizzate ad amplificare il cosiddetto effetto healthy halo, cioè l’idea – di solito ingiustificata – che il prodotto, per i motivi più vari, possa avere un effetto benefico sulla salute. Ma questo comportamento disinvolto delle aziende, pur essendo al momento legale …

Continua »

Dieta nordica: un regime che fa bene al cuore, anche senza ridurre il peso corporeo

tartina salmone affumicato su tagliere con erbe aromatiche, lime e cipolla e ciotola di sale grosso

Benefici molto significativi al cuore e un miglioramento sensibile del profilo metabolico e dei lipidi ematici, sono questi i vantaggi apportati dalla cosiddetta Dieta nordica, codificata nel 2012 da un panel di esperti. Questo tipo di alimentazione comprende i vegetali tipici dell’area nord europea, come le rape, i piselli, i fagioli, i cavoli, le cipolle e gli ortaggi a radice, …

Continua »

Sos acqua: farmaci e residui di pneumatici contaminano i fiumi e i pesci che li abitano

Tra i motivi per ridurre il trasporto delle merci su gomma ce n’è uno a cui si pensa poco, ma che sta assumendo dimensioni preoccupanti: le particelle di gomma rilasciate sull’asfalto dagli pneumatici. Questi infatti, a causa delle sostanze addizionate alle gomme per aumentarne le prestazioni come il 6PPD, reagiscono con gli agenti atmosferici, in primo luogo con l’ozono, dando …

Continua »

La dieta mediterranea ‘verde’ arricchita di antiossidanti fa bene al microbiota intestinale

pesce antipasto dieta mediterranea

Da alcuni anni un gruppo di nutrizionisti dell’Università BenGurion del Negev, in Israele, sta studiando una variante della classica dieta mediterranea, che ha ribattezzato dieta mediterranea verde o Green Med. Questa versione prevede l’aggiunta di cibi e bevande ricchi di polifenoli: una porzione quotidiana di noci, 3-4 tazze al giorno tè verde e un frullato di lenticchia d’acqua, consumato in sostituzione della …

Continua »

Sale: i consumatori sanno che l’eccesso è dannoso, ma molti non fanno attenzione al consumo

close up of male hands seasoning food by salt mill

In molti paesi i consumatori sono consapevoli dei rischi di un eccesso di sodio, ma poi non traducono questa informazione in comportamenti coerenti, e delegano (o vorrebbero delegare) ai produttori l’onere di formulare ricette altrettanto gustose ma con meno sale, per i loro alimenti preferiti. Questo il quadro che emerge da un sondaggio internazionale chiamato SALTS (Sodium alternatives and long-term …

Continua »

La Spagna vuole vietare agli influencer la pubblicità del junk food per contrastare l’obesità infantile

Tre smartphone inquadrano, da sinistra a destra, bicchiere di bibita gassata, pollo fritto e patatine fritte; concept junk food e influencer

Il fenomeno degli influencer, degli sportivi, delle personalità dello spettacolo e dei media che promuovono junk food verso i bambini deve finire. E visto che non c’è modo di far capire loro quanto deleteria possa essere la persuasione esercitata, occorre introdurre una legge severa che vieti qualunque forma di marketing di questo tipo per gli alimenti ad alto tenore di …

Continua »

Dieta e cancro: un’alimentazione senza carne riduce il rischio di tumori. Nuove conferme

carne vs verdura grigliata

Il legame tra un consumo regolare di carni rosse e lavorate e il rischio di sviluppare un tumore è noto da tempo. Ma ora uno studio pubblicato su BMC Medicine dai ricercatori dell’Università di Oxford, ed effettuato sui dati del più grande database pubblico britannico, la UK Biobank, confermano l’associazione tra un consumo frequente di qualsiasi tipo di carne e il …

Continua »

Come scelgono i bambini? Evitando i cibi che non amano: il disgusto è più forte delle preferenze

In che modo i bambini decidono cosa mangiare? Secondo l’opinione più diffusa, dipende da ciò che preferiscono. Ma secondo uno studio appena pubblicato su Appetite dai ricercatori dell’Università statale della Pennsylvania, in realtà, pur optando anche per ciò che amano, più spesso scelgono seguendo una priorità opposta, cioè evitando il cibo che non gradiscono.  Per studiare i criteri che orientano le scelte dei …

Continua »

Carne di squalo nel cibo per animali domestici: servono regole più severe sull’etichettatura

squalo mako

Il cibo per gli animali d’affezione, oltre a costituire tra il 25 e il 30% del consumo di carne, minaccia anche alcune specie marine a rischio estinzione. Tra queste ci sono anche gli squali. A causa delle norme permissive sull’etichettatura, infatti, la presenza di carne di pesci che non dovrebbero essere presenti viene celata dietro diciture imprecise come “pesce”, “pesce …

Continua »

Stop a wet market e carne di animali selvatici: al lavoro una commissione per un accordo globale. Ma è la strada giusta?

pezzi di carne appesi sopra il banco di un mercato, sotto una venditrice seziona altra carne

Fin dalle prime settimane di pandemia, uno degli obiettivi indicati più volte dalle autorità sanitarie di diversi paesi e da organismi internazionali per prevenire nuove epidemie è l’abolizione o la regolamentazione della vendita di carni di animali selvatici, così come quella dei mercati in cui si attua la macellazione dal vivo, i cosiddetti wet market, sospettati di essere l’origine della pandemia …

Continua »

L’allevamento di salmoni è insostenibile: troppo pesce destinato ai mangimi invece che all’alimentazione umana

andwich with smoked salmon salmoni

La produzione di salmoni da allevamento, letteralmente esplosa negli ultimi anni, è ormai insostenibile. Questo perché a essa è destinata una parte significativa del pesce pescato considerato di minor pregio, con un enorme spreco di risorse. Se ciò che viene destinato a nutrire i salmoni allevati fosse semplicemente mangiato, si potrebbe dare respiro al mare, avendo al tempo stesso a …

Continua »

Junk food, calano i consumi a Londra grazie all’eliminazione della pubblicità sui mezzi pubblici

metropolitana di Londra, stazione di London Bridge

Per ridurre il consumo di junk food e combattere l’obesità c’è uno strumento che non costa nulla ed è estremamente efficace: il divieto di pubblicità sui mezzi di trasporto come autobus, metropolitane, treni, taxi e relative stazioni. Lo dimostra il caso illuminante di Londra, città che ha introdotto questo tipo di limitazioni nel 2019 per intervento del sindaco Sadiq Khan. …

Continua »

Alcol: i genitori bevono di più, se ci sono tanti bar nel quartiere dove vivono, lavorano e accompagnano i figli

bar birra

La presenza di diversi bar e ristoranti nei quartieri dove si vive o si lavora è associata a consumi maggiori di alcolici. Questa teoria è nota da tempo, ed è il motivo per cui alcuni paesi, come la Norvegia, autorizzano solo poche rivendite pubbliche, per di più aperte in orari limitati. Ma ora uno studio pubblicato su Drug and Alcohol Dependence dai …

Continua »

Covid-19: l’origine è (probabilmente) nel wet market di Wuhan in Cina sostengono tre studi

Chinese typical fish and living animals market

Aumentano le prove, anche se la pistola fumante non c’è ancora: la pandemia da Coronavirus Sars-CoV-2 sembra abbia avuto origine dal mercato ittico Huanan di Wuhan, forse da un cane procione (Nyctereutes procyonoides), un canide dall’aspetto volpino, le zampe corte e il pelo folto, venduto sia per la carne che per la pelliccia (vedi foto sopra). Vanno infatti in questa …

Continua »

Sos mare: come il cambiamento climatico mette a rischio il pesce che mettiamo in tavola

pesce molluschi crostacei

In mancanza di provvedimenti drastici, entro il 2100 il pesce catturato nelle acque europee in molti casi sarà ridotto a una frazione rispetto a quello presente oggi. L’insieme di diversi fattori come la pesca eccessiva, il riscaldamento delle acque e l’accumulo di mercurio potrebbero compromettere pesantemente la possibilità di continuare a ricorrere al Mare Nostrum e agli altri mari europei come …

Continua »