Home / Agnese Codignola (pagina 5)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Chlorpyrifos: cinquant’anni di bugie. La sua approvazione si basa su uno studio sbagliato del 1972

Spraying herbicide from the nozzle to Para Grass weeds

Da quasi cinquant’anni le valutazioni della Environmental Protection Agency (EPA) statunitense, agenzia governativa che dovrebbe proteggere l’ambiente e i cittadini, sull’insetticida chlorpyrifos, introdotto nel 1965, bandito a inizio 2020 da Unione Europea e California, si basano su uno studio del 1972 totalmente sbagliato, probabilmente non per caso: sponsorizzato dalla Dow Chemicals, l’azienda che produce la sostanza, misteriosamente non è mai …

Continua »

Carne coltivata: la Generazione Z non è pronta a questa alternativa, nonostante le preoccupazioni per l’ambiente

Multiracial friends using smartphone against wall at university college backyard - Young people addicted by mobile smart phone - Technology concept with always connected millennials - Filter image

La carne coltivata potrebbe arrivare presto nei supermercati, come dimostra il fatto che, negli Stati Uniti, sono in via di realizzazione grandi stabilimenti per la produzione su vasta scala. Ma il pubblico, e soprattutto i giovani, sono pronti a comprarla e ad assegnarle un ruolo nella propria alimentazione? La domanda è molto importante per chi ha deciso di puntare anche …

Continua »

Solanacee: patate, melanzane, pomodori… Il panel dell’Efsa per valutare i rischi dei Glicoalcaloidi

Le solanacee, e in particolare le patate, i pomodori e le melanzane, producono naturalmente una classe di composti chiamati glicoalcaloidi. Si tratta di sostanze che le piante sintetizzano come insetticidi naturali, perché la loro capacità di intossicare chi ne ingerisca dosi eccessive tiene lontani gli insetti. Ma si tratta, anche, di composti che, se assunti in elevate quantità, possono essere …

Continua »

Rischio spillover in Vietnam: come i piccoli allevatori di polli aumentano il rischio di diffusione dell’influenza aviaria

polli

Gli spillover, come quello probabilmente avvenuto a Wuhan con il coronavirus, si possono e si dovrebbero prevenire. Lo dimostra, ancora una volta, uno studio sul campo, che si è svolto tra il 2015 e il 2017 (e quindi in tempi non sospetti) in un paese simile alla Cina dal punto di vista della filiera alimentare, il Vietnam, pubblicato ora su …

Continua »

Etichette a semaforo, migliora la qualità nutrizionale della dieta britannica secondo uno studio. E il Messico lancia le etichette di allerta

Le informazioni relative alla qualità nutrizionale degli alimenti sulle confezioni (in varie forme) aiutano effettivamente a compiere scelte più razionali? La risposta, che arriva dai dati reali, sembra essere sì. Almeno nel Regno Unito, dove nel 2006 la Food Standards Agency (FSA) ha caldamente raccomandato alle aziende di introdurre le etichette nutrizionali fronte-pacco per contrastare il progressivo aumento di peso …

Continua »

Obesità, secondo le nuove linee guida canadesi non è solo eccesso di peso, ma malattia cronica complessa

Overweight man with big belly

Erano 62 gli esperti di varie discipline coinvolti e hanno impiegato tre anni e mezzo per vagliare oltre 500 mila studi usciti nella letteratura scientifica negli ultimi anni, ma alla fine ce l’hanno fatta: i medici canadesi hanno redatto le nuove Linee guida per l’obesità dell’adulto (e, separatamente, per il bambino), aggiornando le precedenti, che risalivano al 2007. Si tratta …

Continua »

Brasile, 4 mila casi di Covid-19 nei macelli del Paranà. In Cina tracce di Sars-CoV-2 sulle confezioni di prodotti ittici surgelati

carne macellazione

I macelli e gli impianti di lavorazione delle carni si confermano come possibili luoghi di infezione e di focolai di Covid-19. Uno dei casi più gravi, dopo i molti registrati in diversi paesi tra i quali la Germania, è emerso in Brasile, nello stato di Paranà, dove BFR, il più grande produttore mondiale di polli, ha fatto i conti con …

Continua »

Il Messico vieta la vendita di bibite dolci e junk food ai minori. Il 73% della popolazione (di tutte le età) è in sovrappeso o obeso

obesità infanzia bambini junk food

Come l’alcol e il tabacco. Lo stato messicano di Oaxaca ha approvato una legge che vieta la vendita di bevande zuccherate e junk food ai bambini, nel tentativo di porre un freno all’obesità dilagante e di spingere le autorità locali a intervenire per riportare l’acqua potabile nella disponibilità di tutti. Il problema riguarda soprattutto gli abitanti delle comunità più isolate, …

Continua »

Tutti i segreti del latte: un database per scoprire le centinaia di sostanze che ancora non si conoscono

Il latte è prezioso a tutte le età, perché aiuta a mantenere integra la struttura delle ossa negli adulti,  accompagna e agevola la formazione del sistema immunitario nei bambini, oltre ad avere molte altre funzioni. Ma in che modo e attraverso quali sostanze eserciti le sue azioni benefiche non è del tutto noto, anzi talvolta non lo è affatto, anche …

Continua »

Alluminio e cibo: tutti i consigli ai consumatori per ridurre i rischi nelle Faq del BfR tedesco

L’alluminio è il terzo elemento più presente in natura e quindi si trova ovunque, anche nel cibo. È però anche uno dei più utilizzati per gli scopi più diversi, dalla farmaceutica alla cosmetica, passando per la chimica di base e per la filiera alimentare. In passato sono state ipotizzate connessioni con varie patologie, tra le quali quella mai dimostrata con …

Continua »

Pesticidi: pochi giorni di dieta biologica per eliminarli dal corpo (o quasi). Il nuovo studio sul glifosato, dopo i risultati del 2019

bio verdura fibre coltivare agricoltura campi Bio organic vegetables on farmer market, farm fresh vegetable box on wooden background, vegetarian food concept

Virtualmente tutti gli esseri umani, soprattutto se residenti nei paesi più sviluppati, hanno nel proprio organismo complesse miscele di pesticidi, erbicidi, antifungini e fitofarmaci di vario tipo, la maggior parte dei quali è nota per avere conseguenze negative sulla salute. La buona notizia è che basta una settimana di dieta tutta biologica per far letteralmente crollare la concentrazione della maggior …

Continua »

Non solo api: i neonicotinoidi danneggiano anche crostacei e molluschi. I risultati di due studi australiani

frittura di gamberi

Non solo le api e gli insetti impollinatori. I neonicotinoidi, insetticidi ancora molto usati, sebbene sotto accusa e già sospesi o vietati in diversi paesi, fanno danni anche in un ambito insospettabile: quello degli allevamenti di crostacei e di molluschi, nello specifico di gamberoni e ostriche. Il motivo, per i crostacei, va ricercato nell’appartenenza allo stesso phylum evoluzionistico degli insetti. …

Continua »

Con il declino delle api e degli altri impollinatori, cala la resa delle colture. I risultati di uno studio americano

api fiore-

La diminuzione delle api e di altri impollinatori in atto ormai da anni in tutto il mondo preoccupa, e costa moltissimo denaro. Sono negli Stati Uniti, le colture che dipendono da questi insetti generano un fatturato da 50 miliardi di dollari all’anno, ed è quindi evidente che un calo degli impollinatori può avere conseguenze molto pesanti. Per capire l’entità del danno, …

Continua »

Tutti pazzi per il vegan in UK: dopo il lockdown in tanti cambiano dieta per ambiente, animali e salute

I lunghi mesi di lockdown hanno letteralmente fatto esplodere il mercato dei prodotti vegani, in Gran Bretagna, e stanno spingendo sempre più marchi a rifarsi l’immagine sia proponendo sostituti della carne e prodotti vegani di ogni genere. Alcune aziende adesso etichettano come vegani alimenti che già prima non contenevano ingredienti animali, ma non erano pubblicizzati come tali. A raccontare la …

Continua »

Cadmio e alghe: limiti da abbassare per ridurre l’esposizione dei consumatori francesi. Le raccomandazioni dell’Anses

alghe iodio mare

C’è un metallo pesante con cui ciascuno di noi entra a contatto a causa del fumo di sigaretta (attivo e passivo), delle contaminazioni dei terreni e delle acque e, quindi, anche della catena alimentare. Si tratta del cadmio, riconosciuto come cancerogeno, mutageno (con effetti dannosi sul DNA) e teratogeno (capace cioè di danneggiare lo sviluppo di un feto). È una sostanza da non …

Continua »