Home / Agnese Codignola (pagina 5)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Poveri polli: soffocati, bolliti vivi o morti congelati! Negli Usa non ci sono adeguate normative per il benessere del pollame

carne pollo industria trasformazione lavorazione

Negli Stati Uniti i polli continuano a essere tenuti in scarsissima considerazione, quanto a benessere, e uccisi in modi che definire disumani è usare un eufemismo. La realtà, rivelata dal gruppo di giornalismo investigativo The Bureau of Investigative Journalism e dal Guardian va ben al di là di quanto normalmente si pensi, e i casi di supposti incidenti, nei quali migliaia …

Continua »

Plastica nei mangimi: sconosciute le conseguenze per la salute di animali e persone. Ma presenza di piccole quantità è tollerata da quasi tutti i Paesi

plastica mangimi animali dettaglio

Andrew Rock ha una piccola fattoria nella quale alleva i maiali nel Lincolnshire, in Gran Bretagna. Mesi fa, dopo aver notato un po’ per caso alcuni frammenti di plastica nel mangime dei suoi animali, ha iniziato a controllare i vari lotti. Quindi, continuando a rinvenirne pezzettini, ha effettuato test a campione ogni settimana con un mestolo da un chilo, con …

Continua »

Il sale rosa dell’Himalaya continua a spopolare tra i Millennials, grazie a chef e influencer. Ma non è benefico per la salute e il prezzo è salato

Pink Himalayan salt crystals and powder in wooden bowls on grey concrete background. Healthy diet without salt. Copy space

Non fa bene alla salute – almeno non più di quello bianco – ma non fa neanche male, non arriva davvero dall’Himalaya e costa parecchio più di quello normale. Eppure il sale rosa sta vivendo un momento di popolarità planetaria, e ingiustificata. A raccontare la sua incredibile storia, che c’entra molto con l’associazione inconscia dei colori agli alimenti, con alcune …

Continua »

Guerra alla soda tax: in America si votano leggi contro le tasse sul cibo. Dietro le iniziative si cela l’industria delle bevande zuccherate

C’è una sottile guerra, combattuta in punta di diritto – e con illustri precedenti – che potrebbe mettere a rischio la soda tax negli Stati Uniti. A lanciare l’allarme è il New York Times, che in un lungo articolo spiega come le grandi compagnie produttrici di bevande gassate abbiano finanziato, in molti Stati dove si votava per referendum specifici nello …

Continua »

È allarme per milkshake e freakshake: bombe caloriche con 35 cucchiaini di zucchero a porzione

La guerra all’eccesso di zucchero si arricchisce in pochi giorni di due nuovi appelli. Hanno  levato gli scudi l’American medical association (AMA) statunitense, che se l’è presa con l’etichettatura degli alimenti ricchi di zuccheri. Action on Sugar, l’associazione britannica che, in occasione della settimana di sensibilizzazione, ha invece preso di mira un prodotto molto amato e altrettanto deleterio per la …

Continua »

Il mondo si mobilita per un cambiamento delle abitudini alimentari. La carne al centro del mirino nella lotta per salvare il clima

allevamento bovini manzo iStock_000048833802_Small

In occasione di importanti appuntamenti internazionali come l’incontro alla Chatam House britannica dedicato al cibo sostenibile, il COP24 delle Nazioni Unite, già ribattezzato l’incontro in cui si siglerà l’accordo di Parigi sul cambiamento climatico 2.0 (*), la riunione della Commissione europea dedicata al tema della sicurezza alimentare, e la conferenza della FAO di Bangkok (**), si moltiplicano gli studi e …

Continua »

La Francia dice stop al pesticida metam sodio. Decisione autonoma dopo 5 casi di intossicazione

pesticida

L’Anses, l’agenzia per la sicurezza alimentare francese, ha deciso di vietare il metam sodio, fumigante attivo contro funghi e vermi, il cui uso è permesso tanto negli Stati Uniti quanto in Europa, ma che è da anni al centro di studi che hanno sollevato più di un dubbio, al punto che la sua definizione come possibile cancerogeno da parte della …

Continua »

Latte e derivati fanno bene al cuore e riducono il rischio di ictus e infarto. Le conclusioni di uno studio del Lancet su 136 mila persone

latte

Il latte e i suoi derivati non aumentano il rischio di malattie cardiache e cerebrovascolari, ma al contrario lo abbassano, per questo motivo il consumo andrebbe incoraggiato, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito, dove i livelli di assunzione non sono generalmente soddisfacenti. Sono queste le conclusioni del grande studio internazionale denominato Pure (Prospective urban rural epidemiology) pubblicate da …

Continua »

Fast food: un americano su due va tutti i giorni per un pasto o uno spuntino

fast food

Gli statunitensi vivono una grande contraddizione: da una parte, come emerge spesso in studi e sondaggi, mostrano un autentico interesse verso un’alimentazione sana e verso il cibo che può assicurarla, e vorrebbero mangiare meglio. Dall’altra non riescono a fare a meno del fast food: anche tutti i giorni. Secondo l’ultimo rapporto dei Centers for Diseases Control, infatti, che prende in …

Continua »

Niente squalo, per favore. La moda della zuppa di pinne minaccia il 60% delle specie. Serve un cambiamento culturale

squalo mako

La moda, sempre più diffusa in Oriente e non solo, di offrire nei ristoranti che si suppongono di lusso zuppa di pinne di squalo sta costando molto cara a questi straordinari pesci. Se non si interverrà al più presto con leggi specifiche e omogenee, ma soprattutto con un cambiamento culturale dei consumatori, presto potrebbero non essercene più, dal momento che …

Continua »

Spreco alimentare, un terzo della frutta e verdura in Europa viene buttata. Allo studio metodi per ridurre le perdite e valorizzare gli scarti

spreco alimentare

Ogni anno in Europa si sprecano 88 milioni di tonnellate di vegetali tra frutta e verdura, per un costo complessivo di 143 miliardi di euro. Ciascun cittadino europeo ne spreca 35,3 chili, 14,2 dei quali potrebbero essere tranquillamente mangiati. La situazione, dunque, non è affatto positiva anche se, per fortuna, c’è molto spazio per migliorare. Questo, in sintesi, è il messaggio …

Continua »

Bevande zuccherate: è sempre meglio bere acqua. Moderazione anche nel consumo di quelle con dolcificanti. I consigli dei cardiologi americani

Child drinking glass of fresh water

È sempre meglio l’acqua, anche gassata o aromatizzata, ma sempre senza zuccheri. Tuttavia, se proprio non si riesce a fare a meno delle bevande dolci, meglio quelle con edulcoranti a bassissimo contributo calorico rispetto alle bibite piene di zuccheri, nella speranza di abbandonarle per tornare a bere solo acqua. Se si opta per una bevanda dolcificata, è meglio non berla …

Continua »

Listeria in Europa: tutti i numeri di un’infezione pericolosa. Ancora troppi i focolai segnalati in ritardo

Il sistema di monitoraggio della listeriosi in Europa va migliorato, perché sono ancora troppi i focolai di infezione segnalati in ritardo, e questo comporta gravi conseguenze, compresa la (evitabile) perdita di vite umane. Il metodo c’è già, ed è basato sull’identificazione genetica dei ceppi che, secondo alcune simulazioni, potrebbe anticipare la segnalazione di circa cinque mesi ed evitare anche il …

Continua »

Salmoni: il contenuto di omega 3 dimezza. In Scozia si studia un mangime basato su una pianta transgenica, ma restano molti ostacoli

I ricercatori dell’Università scozzese di Stirling stanno conducendo un esperimento che potrebbe avere importanti ricadute sull’industria dell’allevamento di salmoni. La ricerca riguarda mangimi arricchiti con acidi grassi omega 3 provenienti da una pianta, la Camelina sativa, geneticamente modificata. L’idea nasce da una constatazione drammatica: negli ultimi dieci anni il quantitativo di omega 3 nei salmoni allevati si è dimezzato, a …

Continua »

Proteine dai microrganismi per produrre mangimi. Secondo uno studio tedesco si rilascerebbe meno gas serra

mucca allevamento mangime

Gli allevamenti del futuro saranno nutriti anche con proteine provenienti non da soia, mais o mangimi animali, ma da microrganismi quali funghi, alghe e batteri, ingegnerizzati per produrre tutto ciò che è necessario per alimentare bovini, suini e pollame. Se sarà così e se anche solo il 2% del cibo (o, meglio, del quantitativo di proteine) necessario sarà di provenienza …

Continua »