Home / Agnese Codignola (pagina 3)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Da dove arriva la soia che mangiamo? I consumatori italiani chiedono più trasparenza sull’origine e la tracciabilità della filiera

latte di soia veg

Gli italiani amano la soia: uno su tre ne mangia un po’ una volta alla settimana – valore che sale molto tra chi ha scelto una dieta vegetariana o vegana – e il 72% pensa che abbia proprietà benefiche. I consumatori più affezionati preferirebbero però maggiore trasparenza: uno su due ritiene la tracciabilità molto importante, il 96% pensa che conoscere tutti i …

Continua »

Kiwigate, scoppia in Francia lo scandalo dei kiwi italiani spacciati per francesi. Circa 15 mila tonnellate di frutti “francesizzati” dal 2016

holding fresh kiwi fruit

Scoppia in Francia lo scandalo già ribattezzato kiwigate, che chiama in causa direttamente l’Italia. Dal 2016 a oggi 15 mila tonnellate di kiwi venduti in Francia, pari al 12% del totale, come prodotti nel Paese d’oltralpe, sarebbero stati in realtà frutti italiani contraffatti, in parte da produttori italiani, in parte da rivenditori francesi, in parte da società truffaldine con soci …

Continua »

Editing genetico: in Giappone via alla vendita di alimenti ottenuti con la tecnica del CRISPR

ogm gmo alimenti sicurezza alimentare ricerca

In materia di alimenti frutto di editing genetico il Giappone segue gli Stati Uniti, e l’Unione Europea è un po’ più sola. Il governo giapponese ha infatti annunciato che permetterà la vendita di alimenti ottenuti con la tecnica del CRISPR o con tecniche simili, perché nella sostanza non sono diverse da ciò che l’uomo ha fatto per millenni: selezionare le …

Continua »

Sugar tax: i medici USA chiedono una tassa sulle bevande zuccherate per combattere l’epidemia di obesità infantile. L’appello di cardiologi e pediatri

obesità bambini sovrappeso abitudini dieta

Due importanti società scientifiche statunitensi, quella dei cardiologi (l’American Heart Association) e quella dei pediatri (l’American Academy of Pediatrics), scendono in campo per chiedere, dopo un approfondimento durato più due anni, l’introduzione di una tassa sulle bevande zuccherate, severe limitazioni alle pubblicità rivolte ai più piccoli e avvertenze sulle confezioni simili a quelle riportate sui pacchetti di sigarette. L’obiettivo è …

Continua »

Stop alla pubblicità del latte in polvere sul British Medical Journal in risposta alle aggressive politiche di marketing delle aziende

latte in polvere

Il British Medical Journal, una delle più importanti riviste mediche del mondo, con una decisione unilaterale e senza precedenti ha annunciato di bandire da tutte le riviste del gruppo qualunque tipo di pubblicità relativa al latte artificiale, e di voler rispondere così in modo definitivo alle sempre più aggressive politiche di marketing messe in campo dalle aziende, nonostante le molte e …

Continua »

Un’alimentazione sana fa risparmiare: i canadesi potrebbero spendere quasi 500 dollari in meno all’anno. Ma solo un terzo segue le linee guida

frutta

Oltre a guadagnare in salute, i canadesi potrebbero risparmiare denaro, se si attenessero alle nuove linee guida sull’alimentazione, rese note nel 2019. Se infatti si considera una famiglia media di quattro persone, il risparmio potrebbe essere di poco meno di 500 dollari canadesi all’anno (475, per la precisione). Ma per il momento solo un cittadino su tre lo fa; gli …

Continua »

Multivitaminici no grazie. Secondo un’indagine Usa le concentrazioni di vitamine non sono quelle indicate

ntegratori vegetali

I supplementi multivitaminici in forma di caramelle gommose stanno prendendo piede anche in Italia, ma probabilmente sarebbe meglio continuare ad assumere le vitamine che mancano nei formati più tradizionali, che assicurano dosaggi e durata in modo più certo. Per non dire che, come hanno più volte sottolineato studi autorevoli e linee guida degli ultimi anni, sarebbe meglio non assumere supplementi …

Continua »

Cattivi maestri di junk food: gli influencer insegnano ai ragazzi a mangiare male e non servono per migliorare l’alimentazione

Il comportamento alimentare dei ragazzi è influenzato anche dai suggerimenti dei loro modelli, tra i quali vi sono senza dubbio i personaggi più popolari su Instagram e You Tube. Lo conferma uno studio dei ricercatori dell’Università di Liverpool, in Gran Bretagna, nel quale 176 bambini di età compresa tra i 9 e gli 11 anni sono stati invitati a osservare …

Continua »

Microplastiche trovate ovunque si cercano, dai fiumi britannici alle montagne svizzere. E si scopre che possono ospitare batteri pericolosi

6 pack ring underwater plastic ocean

Le microplastiche, cioè le particelle di plastica il cui diametro è inferiore ai cinque millimetri, sono ormai ovunque. E la conferma arriva come una doccia fredda ogni qualvolta la si vada a cercare, a qualunque latitudine e nei più diversi tipi di campioni. Gli ultimi in ordine di tempo sono 40 tra laghi, fiumi e bacini britannici, che in uno …

Continua »

Campagne contro lo spreco alimentare: non tutte funzionano. Apporre manifesti e richiami al buon senso non basta

spreco alimentare spazzatura spaghetti

Per ridurre lo spreco alimentare nei luoghi come le mense scolastiche dove ci si può servire senza limitazioni (all you can eat) non basta apporre manifesti e richiami al buon senso. Campagne basate solo su questi mezzi possono contribuire ad aumentare la consapevolezza e quindi a migliorare leggermente il comportamento, ma non incidono realmente sullo spreco. Lo dimostra uno studio …

Continua »

Glifosato, la Corte Ue bacchetta Efsa: dovrà rendere pubblici gli studi di tossicità. L’interesse dei cittadini deve prevalere sulle aziende

Toxic Warning Action at EC in Brussels glifosato

L’Efsa dovrà rendere noti gli studi che hanno condotto alla decisione di prolungare l’autorizzazione al commercio del glifosato in Europa, presa nel 2017 nonostante la International Agency for Research on Cancer (Iarc) di Lione, agenzia dell’Oms, nel 2015 avesse definito la sostanza “probabile cancerogeno”. La Corte Europea di giustizia ha infatti dato torto all’Autorità, che aveva rifiutato l’accesso ai documenti sia al tossicologo …

Continua »

Trent’anni di fast food: piatti sempre più grandi, calorici e salati. I risultati dello studio sui menu delle 10 maggiori catene americane

Juicy cheeseburger

Sarà probabilmente sempre più difficile, per i fast food, scaricare su altri la responsabilità dell’aumento esponenziale di obesità e patologie associate all’eccesso di cibo. Negli ultimi trent’anni le dieci principali catene americane (e quindi mondiali) hanno costantemente aumentato le dimensioni delle porzioni, le calorie e il sale. Anche se questo non significa necessariamente che i clienti abbiano poi consumato tutto, …

Continua »

Lo spreco alimentare per ignoranza: la confusione sulla data di scadenza spinge a gettare via cibo ancora commestibile. Lo studio americano

manufacture date and expiry date printed on the bottom of aluminum cans on blue cement table background, Information of for consumer, top view

Lo spreco di cibo deriva anche dalla scarsa conoscenza del vero significato della data di scadenza riportata sulle etichette. Lo dimostra uno studio pubblicato su Waste Management dai ricercatori del Johns Hopkins Centre for a Livable Future di Baltimora, nel quale oltre mille persone di età compresa tra i 18 e i 65 anni sono state interrogate sulle abitudini domestiche e …

Continua »

La soda tax di Berkeley funziona: dimezzato il consumo di bevande dolci e aumentato di un terzo quello di acqua

sugar tax zucchero soda bevande bibite

Nei primi tre anni di applicazione, la soda tax di Berkeley, in California, può vantare un invidiabile successo: ha convinto i cittadini – soprattutto quelli più a rischio – a dimezzare il consumo di bevande dolci, e ad aumentare di un terzo quello di acqua. Sono più che positivi i risultati ottenuti nella cittadina californiana tra il varo della norma, …

Continua »

Esperimento Cile: funzionano le etichette con lo “stop” sui cibi poco sani e le altre politiche antiobesità rivolte ai più piccoli

Le politiche antiobesità rivolte specificamente bambini e ragazzi funzionano sui soggetti più importanti in molti paesi: le madri, che modificano le proprie scelte in senso più salutare e aiutano così i figli a non acquistare peso o a perderne e, in generale, a essere più consapevoli e a mangiare meglio. Questo il messaggio che si può trarre da uno studio …

Continua »