;
Home / Agnese Codignola (pagina 3)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Vitamine nel tè per combattere carenze e malattie in India. Lo studio di un gruppo di ricercatori

tè nero tazze teiera

Un tè fortificato con vitamina B12 e acido folico potrebbe essere uno strumento efficace per combattere l’anemia e le carenze nutrizionali che affliggono ancora oggi milioni di persone. Questa bevanda – tra le più diffuse in tutto il mondo – ben si presta ad aggiunte di vitamine e micronutrienti, e poi a essere trasportata, conservata, venduta e preparata senza cambiamenti …

Continua »

Metalli pesanti presenti in tutta la popolazione francese: la fonte principale è il cibo. E un altro studio punta l’attenzione sul sushi

sushi tonno

La popolazione francese è pressoché completamente “contaminata” da metalli pesanti. Lo dimostra il rapporto ESTEBAN (acronimo che sta per Étude de santé sur l’environnement, la biosurveillance, l’activité physique et la nutrition) pubblicato dall’agenzia governativa Santé publique France, incaricata della biosorveglianza, che ha aggiornato i dati già rilevati dieci anni prima, aggiungendo quelli relativi ai bambini, prima assenti. Per capire quanti metalli …

Continua »

Acqua potabile dall’aria di Tel Aviv: una fonte sicura per i Paesi delle zone più aride del pianeta?

bere acqua

L’acqua potabile del futuro potrebbe arrivare da una fonte finora sfruttata pochissimo: l’atmosfera, che ne contiene miliardi di tonnellate, in forma di vapore. Uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Tel Aviv, in Israele, e dell’Istituto Leibniz per la ricerca troposferica di Lipsia, in Germania, insieme all’azienda Watergen, che già produce macchinari domestici, industriali e per caravan utili allo scopo, …

Continua »

Cosa fare per proteggere le api e gli impollinatori dagli insetticidi

api ape fiore miele insetti

Se davvero si vogliono proteggere le api e gli altri impollinatori dalla catastrofica situazione in cui si trovano, è necessario rifondare la legislazione in materia di insetticidi e pesticidi, cambiandone radicalmente l’impostazione. A sostenerlo, dalle pagine di Nature, è Adrian Fisher, esperto in materia dell’Università dell’Arizona, che esprime un’opinione assai netta, e condivisa con 14 colleghi. Il primo dato di fatto …

Continua »

Dolcificanti artificiali e microbiota: c’è il rischio di alterazioni e infezioni, secondo uno studio britannico

I dolcificanti artificiali sono da tempo sotto accusa: sarebbero sostanze tutt’altro che inerti, per l’organismo umano. Tra gli effetti a essi attribuiti vi sono squilibri metabolici, predisposizione al diabete e alterazione del microbiota. Su quest’ultimo aspetto giunge ora un approfondimento che suggerisce come aspartame, saccarina e sucralosio, cioè tre tra le sostanze più utilizzate, possano predisporre a pericolose infezioni, proprio …

Continua »

Acqua, l’inquinamento da farmaci altera il comportamento dei gamberi di fiume. Nuovi progressi per l’acquaponica

acqua fiumi analisi inquinamento ambiente Water pollution concept. Woman scientist takes a water sample from polluted pond.

Le acque dei fiumi e dei ruscelli che scorrono vicino ai centri abitati, ormai si sa, contengono anche farmaci provenienti da tracimazioni di fogne, perdite nelle fosse biologiche, e acque reflue trattate in maniera non adeguata. Ma che conseguenze ha tutto ciò sugli equilibri dei corsi d’acqua? Per capirlo, un gruppo di ricercatori dell’Università della Florida, della Monash University e …

Continua »

Intelligenza e dieta biologica: uno studio mette in correlazione la dieta, gli inquinanti e lo sviluppo

roup of asian children drinking red juice water with ice from glass together in the summer time

I bambini nutriti con alimenti biologici o comunque sani e freschi fino dalla gravidanza, che crescono in una famiglia dove la qualità del cibo è elevata e dove non ci sono inquinanti in eccesso nell’aria quali quelli rilasciati dal fumo di sigaretta o dal traffico automobilistico, sviluppano un’intelligenza più brillante rispetto a quelli che fino da piccoli mangiano soprattutto alimenti …

Continua »

Bovini a “emissioni zero” grazie a pascoli alberati. In Brasile si sperimenta l’eucalipto

manzo pascolo emissioni

Il Brasile, con i suoi 200 milioni di capi, è uno dei principali produttori mondiali di carne bovina, e anche una delle principali fonti di gas serra, emessi sia direttamente dagli animali – come il metano – che, indirettamente, dalla continua deforestazione, che libera la CO2 dal suolo e dagli alberi. L’Amazzonia, da sola, rilascia in atmosfera il 6% di tutti …

Continua »

La pubblicità dei fast food continua a crescere negli USA. Soprattutto verso i bambini ispanici e afroamericani

bambina junk food

Nonostante tutte le dichiarazioni di intenti e gli impegni verbali e scritti, le grandi catene di fast food continuano a promuovere il loro cibo spazzatura e anzi, almeno negli Stati Uniti, ad aumentare la pubblicità, oltretutto sempre più concentrata sulle categorie più fragili come i ragazzi delle minoranze etniche. È impietoso il quadro tracciato dagli esperti del Rudd Center for Food …

Continua »

Maiali e antibiotici: negli allevamenti britannici raddoppia l’uso di farmaci importanti per la salute umana

Tra il 2015 e il 2019, nel Regno Unito, nei maiali da allevamento l’impiego di amminoglicosidi, antibiotici molto importanti per la salute umana, è raddoppiato, passando da 2,6 a 5,9 mg per chilogrammo di peso. Lo hanno scoperto i giornalisti del consorzio investigativo Bureau of Investigative Journalism entrati in possesso di documenti riservati delle aziende del settore della carne, e lo hanno …

Continua »

La carne agli ormoni australiana potrebbe arrivare sul mercato britannico dopo la Brexit. Ci sono rischi?

carne

Dopo l’uscita dall’Unione Europea, gli inglesi devono fare i conti con i cambiamenti delle norme che regolano quanto arriva sulle loro tavole. E la carne, uno degli alimenti cardine della loro dieta, non essendo più vincolata dalle limitazioni e dai controlli comunitari, potrebbe essere diversa da quella a cui i cittadini britannici sono stati abituati per decenni. In particolare, preoccupa …

Continua »

Vitamina D per prevenire il Covid-19? Il parere del BfR: integratori utili solo se c’è carenza e sotto controllo medico

pillole olio di pasce omega 3 vitamina D integratori

La vitamina D è stata e continua a essere uno dei grandi protagonisti della lotta contro il Covid-19. E il motivo è chiaro: il suo ruolo nell’assicurare un corretto ed efficiente funzionamento del sistema immunitario e la grande disponibilità di integratori e alimenti addizionati, l’ha resa, fino dalle prime settimane della pandemia, un candidato ideale per terapie preventive, in uno …

Continua »

Alimenti ultraprocessati: stretta correlazione tra scadente qualità della dieta e rapido peggioramento degli indici di salute

Due studi – molto diversi tra loro – mettono ancora una volta sotto accusa gli alimenti ultraprocessati, il cui consumo regolare sarebbe associato a diverse conseguenze negative per la salute. Il primo arriva dalla Gran Bretagna, dove i pediatri dell’Imperial College di Londra hanno potuto per la prima volta associare l’alimentazione all’andamento della salute in un gruppo di oltre 9.000 ragazzi nati …

Continua »

Nella birra vecchia di 120 anni una miniera di lieviti per creare nuovi prodotti e nuovi aromi

La scoperta di un sub britannico dilettante, Steve Hickman, potrebbe offrire nuove prospettive alla produzione di birra: i lieviti riportati in vita da bottiglie affondate insieme a una nave più di 120 anni fa potrebbero infatti diventare le basi di tipologie, aromi e profumi del tutto nuovi. La storia, raccontata dalla BBC, ha inizio con un naufragio. Il Wallachia, un …

Continua »

Alcol e adolescenti: i produttori americani continuano a guadagnare miliardi con i consumi dei minorenni

Negli ultimi anni, nonostante le tante dichiarazioni di intenti e una specifica legge, i produttori americani non hanno diminuito di molto le vendite di alcolici ai minorenni. C’è stato un piccolo calo, ma l’alcol resta sempre la prima sostanza d’abuso tra i 12 e i 20 anni, e i consumatori più giovani continuano a garantire introiti a nove zeri. Questo …

Continua »