; Agnese Codignola, autore di Il Fatto Alimentare - Pagina 3 di 60
Home / Agnese Codignola (pagina 3)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Ristoranti e Covid-19: una simulazione rivela come l’aerosol e l’aria condizionata diffondono il virus

Tra il 26 gennaio e il 10 febbraio del 2020 dieci persone di tre nuclei familiari, che avevano tutte mangiato in un ristorante di Guangzhou, in Cina, si sono ammalate di Covid-19. La vicenda – una delle prime a essere documentata con tutti i particolari, e già oggetto di alcuni studi – è tornata al centro dell’interesse di un gruppo …

Continua »

Contaminanti nel cibo, una strategia per ridurre arsenico e cadmio nel riso. Bayer firma un accordo da 2 miliardi per future cause contro il glifosato

riso canvas sack

I contaminanti negli alimenti vegetali provengono anche dal suolo, oltre che dalla superficie del terreno e dalle sostanze che vengono irrorate. La notizia non è certo nuova, ma Angelya Seyfferth, docente dell’Università del Delaware, l’ha riportata al centro dell’attenzione in una relazione presentata al meeting congiunto dell’American society of agronomy, della Soil sciencesociety of America e della Crop science society of …

Continua »

Pesca in eccesso, come scoprire gli hot spot dove si cattura troppo pesce sotto la taglia minima

pesca barca

Prevenire è sempre una buona regola, anche quando si tratta di pesca commerciale. In altre parole vuol dire evitare di attingere a banchi già depauperati e usare reti a strascico per catturare pesci toppo piccoli per essere venduti, perché al di sotto della taglia minima di riferimento per la conservazione (Minimum conservation reference size o Mcrs). Solo in questo modo …

Continua »

Non bastano le precauzioni, i locali pubblici aumentano il rischio Covid-19: misure difficili da rispettare con l’alcol

Cheerful friends toasting with drinks while spending time at pub

Quello sull’opportunità di tenere aperti i locali pubblici e, in primo luogo, bar e ristoranti, non è un dibattito solo italiano: se ne discute in molti Paesi, perché si avvertono ovunque la stanchezza e il desiderio di socialità della popolazione dopo un anno di restrizioni, unite alla necessità economiche dei gestori. Per cercare di tenere aperto o di riaprire, ovunque si …

Continua »

Frutta imperfetta: come le emozioni e le aspettative dei consumatori generano spreco alimentare

frutta imperfetta

Lo spreco di cibo riguarda in particolare frutta e verdura. Non solo perché sono tra le merci più deperibili, ma anche e soprattutto perché, ormai da anni, il mercato ha imposto modelli sempre più omogenei, perfetti, che in realtà hanno poco a che vedere con la produzione naturale. E le emozioni dei clienti, insieme alle loro aspettative, sono parte del …

Continua »

Qual è la tua impronta ambientale? Il calcolatore della BBC che suggerisce anche la dieta più green

Di impronta ambientale legata al cibo si sente parlare sempre più spesso. Ma come fare per calcolarla, e cercare quindi di ridurla? La domanda è tutt’altro che futile, perché esistono diversi tipi di impronta, oltre a quella generale, perché a comporli contribuiscono molte variabili e perché le informazioni necessarie al calcolo spesso sono assenti in etichetta, e in generale non …

Continua »

Api, il valore economico degli insetti impollinatori è più alto di quanto si pensasse

ape 475467613

Quanto valgono le api in un sistema agricolo come quello statunitense? Molto più del previsto, e cioè ben 34 miliardi di dollari all’anno, se si considerano sia le specie domestiche che quelle selvatiche. La cifra, relativa all’ultimo anno per il quale sono disponibili i dati necessari, il 2012, è l’esito di uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Pittsburgh e …

Continua »

Le varianti di SARS-CoV-2: al via anche in Italia i sequenziamenti di virus provenienti dai tamponi

coronavirus

L’emergere delle varianti inglese, sudafricana e brasiliana di SARS-CoV-2, tra le altre, e le conseguenti preoccupazioni per un possibile ridimensionamento dell’efficacia di vaccini e anticorpi monoclonali, nonché per il rischio di reinfezioni,  hanno fatto capire a tutto il mondo che il coronavirus muta. La sostituzione di qualche base durante la replicazione è del tutto naturale e casuale. In alcuni casi …

Continua »

Coronavirus, i lavoratori del settore alimentare sono i più a rischio. Più colpite le minoranze etniche

Fleischerei

I lavoratori di tutta la filiera alimentare, anche se hanno mantenuto il lavoro più spesso rispetto ad altre categorie, hanno corso rischi maggiori per la propria salute e, almeno quelli della California, hanno pagato un tributo in vite umane molto alto. Lo dimostra uno studio pubblicato sul sito di preprint MedRXiv, e quindi ancora in attesa di revisione, nel quale sono …

Continua »

Coronavirus, c’è troppa attenzione sulle superfici: la principale via di trasmissione è l’aria

“Il coronavirus è nell’aria: c’è troppa attenzione sulle superfici”. Si intitola così un editoriale che la rivista Nature dedica a un tema sul quale, nei giorni scorsi, ha pubblicato anche un lungo articolo per fare il punto su una delle questioni più dibattute degli ultimi mesi. Se è vero che all’inizio della pandemia si è data molta importanza alla possibile trasmissione …

Continua »

Alimentazione nella prima infanzia: fondamentale influenza sul metabolismo. Gli effetti restano per tutta la vita

Trendy ugly organic vegetables. Assortment of fresh eggplant, onion, carrot, zucchini, potatoes, pumpkin, pepper in craft paper bag over green background. Top view. Cooking ugly food concept. Non gmo vegetables

Ciò che si mangia da piccoli ha una grande influenza sul metabolismo, e i suoi effetti restano per tutta la vita, anche se si cambia tipo di alimentazione. In particolare, è vero – cioè dimostrato – se la dieta dei primi mesi è di cattiva qualità, ricca di grassi e zuccheri, almeno nei modelli animali. Secondo uno studio pubblicato sul …

Continua »

Cereali integrali, tè verde e caffè per proteggere il cuore e vivere più a lungo

Wooden table full of fiber-rich wholegrain foods, perfect for a balanced diet Tavolo di legno pieno di cibi integrali ricchi di fibre, perfetti per una dieta bilanciata

Che ruolo hanno i cereali raffinati, che rappresentano circa il 50% dell’apporto calorico giornaliero a livello mondiale (quota che in alcuni paesi più poveri, soprattutto asiatici e africani, arriva al 70%), sulla salute cardiovascolare e sulla durata della vita? Se lo sono chiesto i ricercatori di diverse università internazionali, che hanno esaminato i dati di oltre 137 mila persone di …

Continua »

Antibiotici nel cibo, un nuovo metodo promette di individuare i residui di 77 sostanze diverse

I residui di antibiotici sono presenti quasi ovunque nel cibo, ma non sempre è facile individuarli. Questo perché le quantità sono spesso al di sotto delle soglie limite degli strumenti, o perché di solito si cerca una sola molecola o una classe per volta, oppure ci si concentra su un unico tipo di alimento, che magari non li contiene. In …

Continua »

La dieta vegana potrebbe essere pericolosa per i bambini portando ad alterazioni del metabolismo

Una dieta strettamente vegana, dalla quale siano esclusi alimenti di origine animale, potrebbe portare e profondi e potenzialmente pericolosi squilibri nei bambini piccoli, anche quando i genitori forniscono supplementi di vitamine indispensabili quali la D e la B12, cercando di assicurare ai figli il necessario. Lo dimostra uno dei primi studi dettagliati condotti sul tema, pubblicato da una rivista scientifica …

Continua »

Microalghe, una fonte alternativa di nutrienti preziosi nella lotta contro il cambiamento climatico

Education of chlorella under the microscope in Lab. microalghe chlorella

L’alimentazione del futuro passerà anche dalle microalghe, microrganismi unicellulari dalle caratteristiche ottimali dal punto di vista nutrizionale, capaci di inglobare grandi quantità di CO2, necessaria per la loro crescita, e di rilasciare ossigeno. Ne sono convinti in molti nel mondo, come conferma la continua crescita degli stabilimenti di produzione, ma ora il Centre for marine bioproducts development (Cmbd) dell’Università australiana …

Continua »