; Agnese Codignola, autore di Il Fatto Alimentare - Pagina 2 di 60
Home / Agnese Codignola (pagina 2)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Lo zucchero aggiunto in cibi e bevande raddoppia la produzione di grassi nel fegato. Sotto accusa fruttosio e saccarosio

glass of soda water and sugar

Per aumentare in misura significativa la produzione di grassi basta pochissimo zucchero. E l’effetto si vede con il fruttosio libero oppure coniugato al glucosio a formare il saccarosio, ma non con il glucosio da solo. Questo può spiegare perché sia così difficile mantenere il peso entro i limiti e prevenire le cosiddette malattie da benessere: chiunque abbia un’alimentazione che comprende …

Continua »

Troppo sale negli snack “salutari” con legumi e mais. Aumenta il consumo di questi alimenti

Action on Salt, l’agenzia britannica che promuove la diminuzione del consumo di sale, ha colpito ancora: nell’ultimo rapporto ha analizzato 119 tipi di snack venduti come “salutari” da 39 aziende, soprattutto contenenti legumi secchi, e ha scoperto che più della metà “salutare” non lo è, perché contiene valori alti (a volte estremamente alti) di sale, oppure di zucchero o di …

Continua »

Pellicola trasparente dalle alghe? È in arrivo un biofilm all’alginato che sarebbe resistente, omogeneo, trasparente ed edibile

peperoni vaschetta pellicola per alimenti

La pellicola trasparente per il packaging alimentare potrebbe arrivare presto anche da un materiale che si può raccogliere o produrre a basso costo e in quantità pressoché illimitate: le alghe. Un gruppo di ricerca russo-indiano ha infatti pubblicato, sul Journal of Food Engineering, i risultati ottenuto partendo dalla molecola principale delle alghe: l’alginato di sodio. L’alginato ha già molte applicazioni …

Continua »

Pubblicità di junk food dirette ai bambini: vincono le azioni di lobbying delle aziende. I risultati di uno studio canadese

Breaded chicken strips with two kinds of sauces and fried potatoes on a wooden Board. Fast food on dark brown background. with copy space

Nel 2016 il Parlamento canadese ha bocciato la legge S-228, lo Child Health Protection Act, con la quale si voleva introdurre il divieto di pubblicizzare il junk food in modo mirato ai bambini. Ora una dettagliata indagine ricostruisce che cosa è successo: le grandi aziende hanno esercitato un’ingombrante azione di lobbying, fino a ottenere il risultato desiderato. A raccontare tutta …

Continua »

La formula della salute: cinque porzioni al giorno di frutta e verdura. Ancora una conferma dalla ricerca

Young woman showing broccoli to camera.

Per prevenire la maggior parte delle malattie cronico-degenerative e diminuire così il rischio di morte, allungando al tempo stesso la durata della vita, la ricetta è già nota: bisogna mangiare ogni giorno cinque porzioni di frutta e verdura. Ora però un grande studio, appena pubblicato su Circulation dai ricercatori della Harvard Medical School e del Brigham and Women’s Hospital di Boston, …

Continua »

Spreco alimentare: il 17% del cibo prodotto viene buttato. Il rapporto dell’Onu fotografa la situazione

spreco alimentare spazzatura ceci

Ogni anno nel mondo vanno sprecate 931 milioni di tonnellate di cibo, pari al 17% di tutto quello prodotto. Questo il dato che sintetizza i molti numeri contenuti nel rapporto appena pubblicato dalle Nazioni Unite sullo spreco alimentare domestico, su quello di mense e ristoranti, e quello dei rivenditori, e che tiene conto anche delle parti non edibili quali le …

Continua »

Per ridurre plastica bisogna cambiare i volumi delle bottiglie

Three plastic bottles with one bottle crushed

Per ridurre il consumo di plastica derivante dalle bottiglie di bevande c’è una soluzione che non implica cambiamenti drastici: bisogna modificare i volumi di ogni bottiglia, eliminando quelle dalle capienze troppo piccole o troppo grandi per prediligere quelle dal volume medio-grande. Un aumento del 20% del volume medio di quelle più piccole corrisponderebbe, solo negli Stati Uniti, a una diminuzione …

Continua »

Pesce pescato o di allevamento? La terza via è il pesce coltivato

Mentre le alternative vegetali alla carne, le cosiddette fake meat, sono sempre più diffuse, come si capisce dall’adozione, da parte di Burger King, dei prodotti Impossible Food, e dal programma McPlant di McDonald ‘s, ci sono molte start up che lavorano sul pesce coltivato, certe di un promettente futuro. Ma la situazione, quando si tratta di pesce, non è così …

Continua »

Come ridurre lo spreco alimentare nelle mense: cambiando la forma dei piatti

mensa ristorazione

Gli americani sprecano circa il 31% del cibo acquistato in supermercati e negozi, e consumato in ristoranti e mense: una quantità enorme, con impatto ambientale molto rilevante, e che da tempo si cerca di ridurre. L’Università dell’Illinois di Urbana-Champaign, una delle più impegnate sul fronte alimentare da molti punti di vista, nel 2016 ha lanciato una campagna educazionale nelle sue residenze …

Continua »

Sugar tax, le strategie delle aziende per fermare le tasse sulle bevande zuccherate

Glass with different kinds of sugar on color background

I produttori di bevande zuccherate degli Stati Uniti stanno mettendo in atto, da anni, un’azione di lobbying mutuata direttamente da quelle adottate nei decenni scorsi dall’industria del tabacco, con uno scopo molto chiaro: impedire a ogni costo che passino limitazioni e, soprattutto, tasse specifiche, le cosiddette sugar tax. Uno degli strumenti più utilizzati, a tal fine, è quello delle leggi …

Continua »

Fermiamo subito il bisfenolo B, è un interferente endocrino. Per l’Anses va vietato in Europa

piatti pronti fast food plastica

Il bisfenolo S (Bps), proposto e adottato in alcuni Paesi come sostituto del progenitore Bisfenolo A (Bpa) classificato come  interferente endocrino, va fermato subito. Si tratta di un composto del tutto simile al Bpa, e per questo motivo ne va impedita la produzione su grande scala.  Sono molto allarmati i toni del rapporto appena reso noto dall’Agenzia per la sicurezza alimentare …

Continua »

Oktoberfest, sagre e eventi gastronomici: perché ci piacciono tanto? Uno studio prova a capirlo

I grandi eventi in generale e quelli enogastronomici in particolare lasciano impronte profonde in chi vi prende parte. Per questo si tende a tornarci e quando, come è accaduto quest’anno, sono soppressi, se ne sente la mancanza. Chi li organizzava e soprattutto chi tornerà a organizzarli deve puntare sugli aspetti emozionali, se vuole raggiungere o consolidare il successo. Un esempio …

Continua »

Un Parmigiano Reggiano con meno sale è possibile? Lo studio dell’Università di Bologna

È possibile ridurre il sale contenuto nel Parmigiano Reggiano senza perdere nulla né in termini di nutrienti né dal punto di vista organolettico? La domanda è importante, perché nonostante la presenza di molte sostanze benefiche e l’assenza di lattosio, l’elevata quantità di sale impedisce a molte persone di gustare il famoso formaggio. Per rispondervi, le ricercatrici dell’Università di Bologna e …

Continua »

Lavare le verdure con gli ultrasuoni per eliminare i batteri dall’insalata: la proposta di alcuni ricercatori inglesi

insalata verde romana tagliere

Niente più trattamenti chimici per pulire le verdure a foglia prima di immetterle sul mercato. Piuttosto, una sonicazione (cioè un passaggio in un campo con ultrasuoni) in acqua, che assicura una perfetta sterilizzazione e allunga la shelf-life. È ambizioso l’obiettivo di una nuova tecnica di sterilizzazione messa a punto dai ricercatori dell’Università di Southampton, nel Regno Unito, descritta in uno studio …

Continua »

Una dieta vegana può essere negativa per la salute delle ossa? Lo studio del BfR

La dieta vegana può avere conseguenze negative sulle ossa. Lo si vede analizzando sia la loro densità, sia la presenza di alcuni marcatori specifici, associati a un buono stato nutrizionale e di salute ossea, che sono stati misurati nel sangue e nelle urine di chi la segue.  Questo il risultato di uno studio condotto dai ricercatori dell’Istituto federale tedesco per …

Continua »