Home / Agnese Codignola (pagina 4)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Acqua e allevamenti intensivi: sono i campi destinati alla produzione di mangimi a consumarne di più. La situazione americana

Water sprinklers irrigating a field.

In alcuni paesi industrializzati l’acqua dolce scarseggia, soprattutto nelle zone dove ci sono attività agro industriai che ne consumano molta. Per quantificare con precisione le diverse fonti di prelievo, sia per quanto riguarda il consumo di acqua sia per valutare gli effetti sulla biodiversità, i ricercatori di diverse università americane e internazionali hanno analizzato cosa succede in alcune regioni degli …

Continua »

Vegani & sale: quattro piatti su cinque serviti nei ristoranti e nei take away in UK ne hanno veramente troppo

I piatti vegani proposti nei ristoranti e nei take away in Gran Bretagna sono pieni zeppi di sale, e chi li prepara sembra non preoccuparsi troppo degli inviti a ridurne la quantità. L’accusa arriva da Action on Salt, l’organizzazione pubblica inglese che da anni monitora la situazione e promuove campagne affinché il quantitativo resti entro i limiti consigliati dall’OMS. Nell’ultimo …

Continua »

Tilapia, l’allevamento minacciato da un virus. Ma la selezione genetica può salvarlo

Close up of dead Nile Tilapia fish on ice at the market.

La selezione di specie animali destinate all’alimentazione umana resistenti alle infezioni può essere una soluzione, quando  sono minacciate da virus o microrganismi di altro tipo. Un esempio è quello della tilapia del Nilo (Oreochromis niloticus), soprattutto in un momento in cui parte della comunità scientifica afferma che bisogna fare tesoro di quanto sta accadendo con COVID-19, per predisporre misure in …

Continua »

Dolcificanti, sucralosio e carboidrati non vanno d’accordo: possibili alterazioni metaboliche. E il BfR scopre rischi del D-allulosio

dolcificanti zucchero

Due studi recenti illustrano quanto ci sia ancora da comprendere sui dolcificanti, e spiegano perché, fino a oggi, i dati disponibili siano stati spesso contraddittori e non conclusivi. Il primo studio ha messo in luce un fatto finora mai descritto relativo al sucralosio. Se assunto da solo, infatti, questo dolcificante non ha effetti negativi sulla salute, ma se viene consumato …

Continua »

La lattuga coltivata nello spazio ha una qualità nutrizionale uguale a quella cresciuta sulla Terra

Various crops of fresh lettuce

La lattuga cresce benissimo sulla Stazione spaziale internazionale (ISS), ma questo si sa già da qualche anno. La novità è che  la qualità nutrizionale è equivalente a quella di quella coltivata sulla Terra, se non addirittura superiore, anche perché  la versione spaziale non presenta rischi microbiologici. Le notizie relative alla lattuga romana rossa coltivata nelle camere di crescita Veggie fin …

Continua »

Meno carne e più verdure per il cuore e per allungare la vita. I risultati di due grandi studi

Per proteggere il cuore e il sistema cardiocircolatorio e allungare la vita c’è una soluzione che chiunque può mettere in pratica: ridurre il consumo di carni rosse e aumentare quello di proteine che arrivano dalle piante o dai prodotti caseari. Questo il consiglio che deriva da due grandi studi presentati al congresso dell’American Heart Association, svoltosi nei giorni scorsi. Nel …

Continua »

Peste suina africana come il coronavirus: la risposta della Cina all’epidemia azzoppata dai segreti di stato

peste suina africana

Il 5 marzo, l’agenzia di stampa internazionale Reuters ha pubblicato una storia raccolta in esclusiva dalla giornalista Dominique Patton che fa capire quanta strada debba ancora fare la Cina per raggiungere gli standard di trasparenza considerati minimi per i paesi sviluppati, almeno per prevenire le pandemie. La vicenda è quella del virus della peste suina africana, infezione che sta falcidiando porcilaie …

Continua »

Resistenza agli antibiotici sempre più diffusa tra i batteri responsabili di infezioni alimentari. Il nuovo rapporto Efsa-Ecdc

Close up the media plate on hand medical technicians working on bacterial culture and drug resistance of pathogens in laboratory.

Mentre in tutto il mondo ferve la ricerca di un possibile antivirale attivo contro il nuovo coronavirus, in Europa i batteri che provocano infezioni alimentari possono contare su un aumento della propria capacità di resistere agli antibiotici, con alcune eccezioni. È questo il responso del nuovo rapporto sull’antibiotico-resistenza nelle zoonosi stilato da Efsa insieme al Centro europeo per la prevenzione e …

Continua »

Norovirus, 380 mila infezioni alimentari ogni anno nel Regno Unito. Lattuga e cibo da asporto le cause principali

insalata lavare acqua del rubinetto verdura

Nel Regno Unito le infezioni di origine alimentare sono più del doppio rispetto a una decina di anni fa, e hanno ormai raggiunto la ragguardevole cifra di 2,4 milioni di casi ogni anno, contro il milione del 2009. Lo riferisce la Food Standards Agency in una serie di documenti appena pubblicati, tra i quali spicca uno studio lungo cinque anni …

Continua »

La pesca illegale danneggia l’economia, l’ambiente e la biodiversità. E il mercato fuori legge vale fino a 17 miliardi di dollari

pesca barca

Ogni anno, nel mondo sono vendute tra 8 e 14 milioni di tonnellate di pesce illegale, che alimentano un mercato che vale tra i nove e i 17 miliardi di dollari. Questa enorme quantità di pesce che sfugge alla rete dei controlli, contribuisce a depauperare gli stock sia direttamente, sia perché i calcoli associati alla pesca legale sono spesso basati …

Continua »

Etichette a semaforo: bollino rosso per lo zucchero. È il nutriente che influenza di più le scelte dei consumatori britannici

etichette a semaforo bollino rosso zucchero

Esiste una gerarchia nella percezione della qualità nutrizionale di un alimento? In altre parole, dovendo valutare in base alla sola segnalazione in etichetta, ci sono classi di nutrienti che sono considerate peggiori di altre? La domanda se la sono posta i ricercatori dell’Università di Nottingham, che volevano capire meglio l’influenza dei diversi nutrienti presenti nelle etichette a semaforo britanniche. E …

Continua »

Vino, al ristorante bicchieri più grandi spingono a bere di più, ma solo fino a un certo punto. Uno studio britannico

Pouring glass of red wine from a bottle.

Quando si cena al ristorante, si è portati a bere più vino se i bicchieri sono grandi e  meno se sono piccoli, almeno entro un certo intervallo di volume. Se però si esagera con le dimensioni del calice, scatta una reazione opposta, ci si rende conto meglio della quantità bevuta, e si tende a non eccedere. Al bar questa nazione …

Continua »

Omega 3: due studi dimostrano che i benefici per la prevenzione delle malattie cardiovascolari sono inesistenti

Due studi pubblicati in contemporanea, effettuati dagli epidemiologi del Polyunsaturated Fats and Health group (PUFAH), sponsorizzato dall’OMS, dell’Università inglese dell’East Anglia, pongono una pietra tombale sui benefici attribuiti ai supplementi con acidi grassi omega 3, che negli ultimi anni hanno alimentato un mercato tanto ricco quanto devastante per l’ambiente, e soprattutto basato su presupposti che non reggono alla prova dei …

Continua »

L’influenza aviaria arriva in Germania: improbabile la trasmissione all’uomo da uova e carne. I consigli del BfR

Mentre gli occhi del mondo seguono il vagabondare del coronavirus da un paese all’altro, in Germania ci si preoccupa anche per un altro virus potenzialmente pericoloso: quello dell’influenza aviaria, scoperto in un’oca selvatica e nel pollame da cortile. Il ceppo, H5N8, già presente negli anni scorsi in Europa, è stato identificato nelle regioni del Brandeburgo e del Baden-Wurttemberg, dopo la …

Continua »

Pubblicità di alcolici & giovani: andrebbe vietata. Le mezze misure non servono, devono intervenire i governi

Non c’è dubbio: la pubblicità di alcolici, come quella del tabacco, spinge i più giovani a bere, è parte in causa nell’instaurarsi delle dipendenze, e andrebbe vietata. Lo sostiene uno dei più grandi insiemi di studi mai analizzati sul legame tra pubblicità e consumo di alcolici tra i più giovani, che si conclude con l’invito, rivolto a tutti gli Stati, …

Continua »