;
Home / Agnese Codignola (pagina 4)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Energia elettrica rinnovabile dagli scarti del cacao: una grande centrale in costruzione in Costa d’Avorio

cacao semi sacco mani

La produzione di cacao è la prima, per importanza economica, in Costa d’Avorio. E proprio da questo Paese proviene il 40% di tutto il cacao del mondo. Ma è anche una delle più minacciate, perché le rese sono in diminuzione a causa del cambiamento climatico, e sempre meno convenienti, soprattutto se raffrontate ad altre colture come la gomma o la …

Continua »

Cresce l’impatto delle fioriture di alghe tossiche, soprattutto sull’acquacoltura. Il grande studio promosso dall’Unesco

alghe fioritura algale spiaggia

La crisi più recente ha fatto il giro dei media di tutto il mondo: il mare di Istanbul, insieme a quello di altre località della costa di Marmara, in questi giorni è grigio. La causa sono le mucillagini prodotte dalle microalghe che, periodicamente, e sempre più spesso a causa dell’innalzamento della temperatura e della crescente presenza nelle acque di derivati dell’azoto e …

Continua »

Covid-19: con una dieta a base vegetale o pescetariana è più basso il rischio di forme gravi della malattia

Prevenire almeno una parte delle forme gravi di Covid-19 si può: a tavola, facendo scelte specifiche. L’associazione tra certi tipi di alimentazione e l’incidenza di sintomatologie particolarmente gravi è stata suggerita da diverse ricerche, ma mai provata in modo chiaro. Ora ci prova uno studio internazionale, condotto su una popolazione particolarmente affidabile: quella dei medici in prima linea nella battaglia …

Continua »

Fake fish o “finto” pesce a base vegetale: per l’ambiente occorre ripensare anche il consumo di pescato

troppo sale pesce crocchetta 99935615

Negli ultimi mesi si è parlato molto delle cosiddette fake meat, le carni a base vegetale che stanno avendo un grande successo come surrogato di quelle animali. Ma le conseguenze sul clima e sull’ambiente che questi prodotti dovrebbero aiutare a combattere non arrivano solo dagli allevamenti intensivi: dipendono anche dalla pesca e dalle acquacolture. E i prodotti del futuro prossimo …

Continua »

Una dieta ricca di grassi e zuccheri danneggia l’intestino: aumenta il rischio di infiammazioni e infezioni, secondo uno studio

cheeseburger

Un’alimentazione troppo ricca di cibi ultra-trasformati e, in particolar modo, di grassi e zuccheri, compromette la capacità dell’intestino di combattere le infiammazioni e altera il microbiota. E ora si è capito anche in che modo lo fa. Per arrivare a questo risultato i ricercatori della Washington University School of Medicine e della Cleveland Clinic, dopo aver analizzato i i dati …

Continua »

Bere latte non aumenta i livelli di colesterolo. I risultati di uno studio su 2 milioni di persone

Woman holding a bottle of milk

Consumare regolarmente latte non ha un’influenza negativa sui livelli di colesterolo, anzi. Questo significa che un alimento così prezioso non dovrebbe essere escluso dalla dieta per prevenire le malattie cardiovascolari, soprattutto nei soggetti a rischio. L’assoluzione del latte arriva da uno studio imponente, pubblicato sull’International Journal of Obesity dai ricercatori delle università di Reading, nel Regno Unito, Australia del Sud e Auckland, …

Continua »

Palme da olio e macachi: in Malesia le piantagioni alterano i comportamenti di una specie a rischio

Palm oil plantation

Le piantagioni di palme da olio alterano profondamente, in senso negativo, il comportamento dei primati. E questo può avere ripercussioni sulla convivenza con le persone che abitano nelle stesse zone, per tutto l’ecosistema, nonché per la stessa sopravvivenza della specie. Tra gli effetti deprecabili della coltivazione estensiva di palme da olio si deve annoverare quindi anche l’alterazione dei comportamenti sociali dei …

Continua »

Dopo anni di sugar tax a Filadelfia calano gli acquisti di bevande zuccherate, conferma uno studio

Redhead woman holding soda refreshment with angry face, negative sign showing dislike with thumbs down, rejection concept sugar tax

Sono passati tre anni e mezzo da quando è stata introdotta, a Filadelfia e in altre sei città statunitensi, una sugar tax, una tassa sulle bevande zuccherate e su alcuni prodotti dolci. E quindi è possibile fare un bilancio per verificarne l’efficacia nel tempo. Per questo i ricercatori della Chan School of Public Health di Harvard, insieme ai colleghi di …

Continua »

Consegne a domicilio, nelle grandi città ce ne vogliono 8 mila al giorno per non andare in perdita

Vista la corsa al ribasso, con le offerte di pasti e consegne a prezzi sempre più stracciati, quante consegne deve fare ogni giorno un’azienda di food delivery che lavori in una grande città, e che quindi debba fare i conti anche con la concorrenza, per riuscire a guadagnare o almeno a non essere in perdita? La domanda è importante, perché aiuta …

Continua »

Un’app per dire no al junk food e dimagrire. L’esperimento di un gruppo di ricercatori

Per diminuire la quantità di junk food e in generale di alimenti poco sani consumati e perdere peso può essere d’aiuto un’app, configurata come un gioco per tenere il cervello in allenamento. L’applicazione è stata messa a punto dai ricercatori delle Università di Exeter, nel Regno Unito, e di Helsinki, in Finlandia. FoodT – questo il nome del gioco, che ha …

Continua »

Cannucce: quali alternative alla plastica?
 I pro e i contro di ogni materiale secondo il BfR

Say No to Plastic Straws, Plastic Pollution Concept, Top View cannucce plastica

La Direttiva Europea 904 del 5 giugno 2019 vieta dal 2021 l’utilizzo delle cannucce in plastica monouso. Ma dovendo rispettare contemporaneamente il regolamento (1935/2004) per i materiali a contatto con gli alimenti (che prevede l’assenza di trasferimenti di sostanze dagli oggetti al cibo), quali alternative ci sono? Alla domanda risponde un documento dell’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (BfR). …

Continua »

Cuore, il tipo di alimento e l’ora in cui si mangia possono fare la differenza per la salute cardiovascolare

La qualità di ciò che si mangia e anche l’ora del giorno in cui si dà la precedenza a certi alimenti può fare una grande differenza, dal punto di vista della salute del cuore: può ridurre del 10% il rischio cardiovascolare. L’effetto di un’alimentazione troppo ricca di grassi saturi, zuccheri, carni rosse su cuore e vasi sanguigni è noto da tempo, …

Continua »

Materiali da costruzione edibili dagli scarti alimentari. L’idea anti-spreco dei ricercatori giapponesi

scarti alimentari materiali studio

L’utilizzo degli scarti alimentari è oggetto di studi ed esperimenti sempre più numerosi. Questo perché è ormai ritenuto inaccettabile ciò che è stato considerato normale per decenni, e cioè buttare via – con costi economici e ambientali molto elevati – quanto non serve, come per esempio le bucce e le parti non commestibili dei vegetali. In questo ambito, gli esperti di …

Continua »

In Danimarca si studia il cibo di domani: finanziamenti milionari per due grandi progetti sulle proteine vegetali

Food analysis process. Rice under microscope, red beans and wheat in petri dishes on grey background top view copyspace

Il Dipartimento di Food Science dell’Università di Copenaghen, in Danimarca, ha ottenuto due grandi finanziamenti dal Novo Nordisk Foundation Challenge Programme, di circa 7,5 milioni di euro (56 milioni di corone danesi) ciascuno. I cospicui fondi saranno spesi nei prossimi sei anni grazie a due programmi molto innovativi, accomunati da un’idea: porre le basi per ottenere alimenti completamente nuovi, a base …

Continua »

L’acquacoltura ha cancellato la biodiversità dei molluschi lungo le coste cinesi

vongole molluschi

Le attività di acquacoltura e pesca hanno modificato in modo radicale la biodiversità dei molluschi lungo le coste cinesi: oggi sono presenti quasi solo le specie commerciali, senza differenze significative tra i diversi ambienti e senza neanche un effetto della latitudine, al punto che, lungo gli oltre 18 mila km di coste del Paese, l’uniformità è totale. La scoperta arriva …

Continua »