Home / Agnese Codignola (pagina 4)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Plastica degradabile: sacchetti ancora integri dopo tre anni in mare. Ma il compostaggio si fa negli impianti

Le plastiche biodegradabili e compostabili che stanno lentamente rimpiazzando quelle derivate dal petrolio (almeno nei Paesi occidentali) forse non sono soggette a decomposizione così rapida come si vorrebbe: tutto dipende dalle condizioni ambientali nelle quali esse “vivono”, o meglio “sopravvivono”. Lo ha dimostrato un gruppo di ricercatori dell’Università di Plymouth, in Gran Bretagna, che ha sottoposto diversi tipi di sacchetti …

Continua »

Cibo sostenibile targato IKEA. Nel laboratorio del gigante svedese si “inventano” gli alimenti del futuro

Ikea food space 10

Ikea oltre che progettare  letti, divani e e librerie sta pensando a un futuro diverso con un cibo sempre più sostenibile. Lo fa da Space 10, un edificio che un tempo era una centrale elettrica in una delle zone più vivaci di Copenaghen, in Danimarca: quella del Meatpacking District, dove già sono presenti locali innovativi e officine creative. Quello di …

Continua »

Una nuova plastica sostenibile messa a punto dai ricercatori dell’Università di Berkeley. Potrebbe rivoluzionare il riciclo

posate di plastica usa e getta

Un nuovo materiale, messo a punto dai ricercatori del Lawrence Berkeley National Laboratory dell’Università di Berkeley, in California, potrebbe segnare un reale punto di svolta nell’emergenza plastica, e soprattutto imprimere al riciclo un’accelerazione insperata. La plastica sostenibile, infatti, come si legge su Nature Chemistry, permette di scomporre qualunque tipo di derivato, di qualunque forma e destinazione, nei suoi componenti fondamentali (i …

Continua »

Camerieri e allergie: il personale non è molto informato e incorre in errori anche grossolani

allergia ristorante richio cattivo allergeni

Nonostante le allergie alimentari siano in crescita (ne soffre un europeo su dieci), e nonostante l’abitudine di mangiare fuori casa sia sempre più diffusa, il personale addetto alla ristorazione non è molto informato sul tema, incorre in errori anche grossolani e in generale preferirebbe non dover servire un allergico. Questo il quadro che emerge per la Germania, dove i ricercatori …

Continua »

Il nuovo sito dell’Efsa sul cibo #EUandMyFood diffonde notizie su sicurezza alimentare, benessere animale e ambiente

“#EUandMyFood”, se preferite “l’UE e il mio cibo”,è il nuovo sito che l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha creato con l’intento di informare i consumatori. Tre le sezioni principali: la prima dedicata al cibo, la seconda al benessere (compreso quello degli animali da reddito) e la terza all’ambiente. In ognuna di esse si trovano, in varie lingue (ma …

Continua »

Gli zuccheri aggiunti segnalati in etichetta aiutano a mangiare meglio: meno malattie e molti soldi pubblici risparmiati

Happy young woman chooses flakes in a supermarket and smiles. A joyful buyer buys products in a supermarket. A girl with packs of quick breakfasts in the hands of the store

Negli Stati Uniti, l’obbligo di indicare gli zuccheri aggiunti in etichetta, introdotto nel 2016 e la cui piena applicazione è prevista tra il 2020 e il 2012, dovrebbe avere effetti molto significativi. Secondo una stima condotta dagli esperti della Friedman School of Nutrition della Tufts University e pubblicata su Circulation, infatti, nei prossimi venti anni dovrebbe tradursi in poco meno …

Continua »

Riso parboiled: una nuova lavorazione potrebbe aiutare a ridurre molto le concentrazioni di arsenico inorganico

Un nuovo metodo di lavorazione del riso parboiled potrebbe aiutare a ridurre molto le concentrazioni di arsenico inorganico, che in alcuni paesi come il Bangladesh, dove le acque sono contaminate e il riso è il cardine della dieta, costituisce un problema enorme di sanità pubblica. Un team internazionale di ricercatori delle Università di Belfast (Irlanda del Nord) e Mymensingh(Bangladesh) e …

Continua »

Il sucralosio potrebbe essere pericoloso per la salute. Se riscaldato dà origine a diossine e furani, secondo il Bfr tedesco

White pills

Il sucralosio, dolcificante artificiale 600 volte più dolce dello zucchero (saccarosio), due volte più della saccarina e quattro volte più dell’aspartame, potrebbe essere pericoloso per la salute, se scaldato. Lo afferma l’Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio (Bfr) in un comunicato dove spiega che, in seguito a un riscaldamento pari a  120°C, il composto inizia a liberare gli …

Continua »

Uova di cioccolato, anche per quelle al fondente ci vuole moderazione: tante calorie e benefici ancora tutti da dimostrare

Il cioccolato ad alta concentrazione di cacao viene propagandato come elisir di salute, ma è proprio così? Il New York Times, in occasione della Pasqua, lo ha chiesto ad Alice Lichtenstein, direttrice del laboratorio di nutrizione cardiovascolare dello Human Nutrition Research Center on Aging della Tufts University. La ricercatrice ha spiegato come sia lecito concedersi un po’ di cioccolato in …

Continua »

Cibo killer: la cattiva alimentazione è la prima responsabile delle malattie non trasmissibili, più di fumo e alcol

stop food carboidrati zuccheri

Il mondo produce più cibo che mai, e in molti paesi la malnutrizione dovuta all’insufficiente apporto nutrizionale è diminuita molto, o è stata sconfitta. Eppure il cibo è ancora il primo responsabile dei decessi attribuibili a malattie non trasmissibili. Secondo le stime, nel 2017 il fumo ha causato 7 milioni di morti, l’alcol 2,75 milioni e la cattiva alimentazione 12 …

Continua »

Cyber agricoltura: delegate all’intelligenza artificiale la crescita e la messa a punto delle condizioni ideali

L’agricoltura diventa cyber, al Massachusetts Institute of Technology di Boston e produce, per iniziare, basilico a elevata concentrazione di oli essenziali. Ne dà conto PLoS One, in uno studio in cui i ricercatoti spiegano come siano riusciti a delegare all’intelligenza artificiale il lavoro che fino a poco tempo fa richiedeva una pazienza infinita, ovvero la messa a punto delle condizioni …

Continua »

Il fast food al tempo dei romani: ritrovati a Pompei oltre 80 termopoli, i locali preferiti dell’Antica Roma per un pasto al volo

Termopolio-Regio-V pompei nereide cavalli marini

Si chiamavano thermopolia, ed erano gli equivalenti pompeiani dei moderni fast food, perché lì si poteva trovare cibo pronto, adatto soprattutto alle fasce più povere della popolazione, che spesso non avevano una vera cucina in casa: in tutta Pompei ne sono stati trovati oltre 80. A parlarne, riprendendo un comunicato dello stesso parco archeologico, è lo Smithsonian Magazine, che ricorda …

Continua »

Acque contaminate in tutta Europa: pesticidi e antibiotici veterinari inquinano tutti i corsi d’acqua analizzati

Pfas

Non stanno affatto bene i corsi d’acqua europei: sono pieni di pesticidi e di antibiotici usati in veterinaria ed è urgente agire per modificare la situazione. Il quadro è apparso in tutta la sua gravità in uno studio appena pubblicato su Science of the Total Environment (anticipato da un rapporto di Greenpeace uscito nel dicembre 2018), nel quale i ricercatori …

Continua »

Processo alle calorie: per dimagrire davvero più attenzione alla qualità del cibo e meno al contenuto energetico

CALORIE counting counter application Medical eating healthy Diet concept

Per dimagrire bisogna assumere meno calorie di quelle necessarie e fare attività fisica: il deficit energetico aiuterà a eliminare le riserve. Questo il mantra di tutte le diete. Ma la realtà è un’altra, perché nella maggior parte dei casi (secondo alcuni studi in otto casi su dieci), anche quando si perde peso si tende poi a riacquistarlo dopo intervalli di …

Continua »

Cibo & decessi: una morte su cinque causata dalla cattiva alimentazione, tra eccessi e carenze. Lo studio pubblicato su The Lancet

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce salute

Continua, da parte di The Lancet, la pubblicazione degli studi che certificano quanto il cattivo cibo danneggi la salute a livello globale. Nell’ultimo rapporto del Global Burden of Disease Study le cifre sono scioccanti: il 20% dei decessi dovuti a malattie non trasmissibili nel mondo sarebbe dovuto all’alimentazione. Il che, per il 2017, significa 11 milioni di morti. Nello studio …

Continua »