Home / Roberto La Pira (pagina 4)

Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Activia, Danacol, Actimel perché l’etichetta francese è diversa? Anche i bastoncini Findus. La differenza è il Nutri-Score, che in Italia non c’è

Findus danone activia nutri-score

In Europa, le normative sulle etichette alimentari sono uguali per tutti i Paesi, ma ci sono multinazionali come Danone e Findus, e catene di supermercati come Carrefour e Auchan che usano criteri diversi, penalizzando i cittadini italiani. Basta confrontare le etichette dello yogurt Activia di Danone o dei bastoncini Findus per notare una differenza: sulla confezione francese campeggia il riquadro …

Continua »

In Italia i bambini bevono l’acqua del sindaco, mentre gli adulti inondano il paese con 11 miliardi di bottiglie di plastica

Child drinking glass of fresh water

Per l’acqua minerale la crisi economica non è mai esistita. Negli ultimi 30 anni i consumi hanno fatto registrare incrementi costanti (tranne nel 2004 e nel biennio 2009-2010) passando dai 6 miliardi di litri del 1990 ai 14,8 del 2017 (di cui 1,35 destinati all’esportazione). Questi numeri ci collocano in cima alla classifica mondiale e polverizzano qualsiasi confronto, anche perché …

Continua »

Giorgio Calabrese: il professore non risponde alle domande sul conflitto di interessi

Dovevo dibattere insieme al professore Giorgio Calabrese giovedì 21 febbraio in un panel del Festival del giornalismo alimentare a Torino, ma una settimana prima scopro che il suo nome non rientra più nell’elenco dei relatori. Preso atto del cambiamento di programma, giovedì presento l’intervento che avevo preparato sulle fake news di Coldiretti e sul conflitto di interessi nel mondo dell’alimentazione, …

Continua »

Eurospin compra 10 mila quintali di Pecorino Romano a prezzi stracciati che strozzano i pastori. Poi cerca di rimediare

Eurospin pecorino

La catena di supermercati Eurospin che conta in Sardegna 70 punti vendita, ha annunciato di voler modificare gli accordi commerciali frutto di un’asta al ribasso che aveva permesso l’acquisto di 10 mila quintali di pecorino sardo al prezzo stracciato di 5 €/kg. Eurospin ha deciso di aumentare il prezzo di 1 € al Kg e di distribuire la somma ai …

Continua »

Il sogno delle bottiglie in bioplastica per l’acqua minerale. Manca il sistema di riciclaggio

Three plastic bottles with one bottle crushed

Da alcuni anni sono sul mercato bottiglie in bioplastica compostabile (meglio conosciuto come pla o acido polilattico). Si tratta di un materiale in grado di sostituire il pet ricavato dal petrolio utilizzato in tutto il mondo per le bottiglie di acqua minerale, bibite e altri imballaggi per alimenti. La differenza sostanziale è che le bioplastiche sono ricavate dall’amido estratto dal …

Continua »

Le frodi alimentari segnalate da Coldiretti sono risibili, quelle vere come Prosciuttopoli non ci sono!

Il comunicato stampa di Coldiretti sulle Agromafie del 14 febbraio 2019, ripreso da diversi media tra cui il Corriere della sera, racconta frodi alimentari destinate a colpire l’immaginario dei consumatori anche se nella realtà i riscontri sono quasi ininfluenti. Secondo la lobby, il business ammonta a 25,4 miliardi di euro con un incremento del 12,4% rispetto all’anno precedente. Il dato …

Continua »

Prezzo del latte di pecora in Sardegna: Antitrust avvia un’istruttoria nei confronti dei produttori di Pecorino Romano DOP

Oggi l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha aperto un’istruttoria sui prezzi del latte sardo di pecora destinato alla produzione di Pecorino Romano Dop, sulla base della normativa relativa alle pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare. Il procedimento è stato avviato nei confronti del Consorzio per la Tutela del Formaggio Pecorino Romano e di trentadue imprese sarde di trasformazione …

Continua »

Tartaruga Caretta caretta muore soffocata dalla plastica. In Italia record mondiale di acqua in bottiglia

tartaruga caretta caretta 2019 cilento camerota plastica

Nello stomaco della tartaruga Caretta caretta trovata morta nel mare Tirreno nella zona di Camerota pochi giorni fa c’era tanta plastica, più precisamente: un bicchierino da caffè, una confezione di M&M’s, parti di una bottiglia di plastica per bevande, alcuni dischetti di filtri… (vedi foto sopra e sotto). Il Centro Ricerche Tartarughe Marine di Portici non è potuto intervenire come …

Continua »

La protesta dei pastori sardi: il prezzo del latte è sceso del 30% ma c’è chi guadagna lo stesso. Ecco la vera storia del pecorino sardo Dop

Latte pecora pastori sardi

AGGIORNAMENTO DEL 14 MARZO 2019 Lo scorso 8 marzo è stato raggiunto, in prefettura a Sassari, un accordo tra i pastori e i trasformatori del latte di pecora. A partire dal mese di marzo, il latte sarà pagato 74 centesimi al litro, una via di mezzo tra la richiesta dei pastori (77) e quella dei caseifici (72). L’accordo prevede anche l’impegno …

Continua »

Prosciuttopoli: i numeri dello scandalo sono impressionanti, precisa l’Icqrf del Ministero delle politiche agricole

stagionatura prosciutti di parma

Nel rapporto 2018 dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (Icqrf) del Mipaaft  si parla anche di Prosciuttopoli. Il documento cita le due inchieste portate avanti delle Procure di Torino e Pordenone sulle frodi dei prosciutti a marchio Dop Parma e San Daniele che vengono classificate  tra le operazioni più importanti nella lotta alla …

Continua »

Festival di Sanremo: da 220 a 229 mila per uno spot di 15 secondi il sabato sera

Festival Sanremo 2019

Nella lista degli inserzionisti che hanno comprato gli spot per il festival di Sanremo 2019 c’erano tutti  i grandi marchi  del settore alimentare. In cima alla lista troviamo Ferrero con Kinder e Nutella, Parmigiano Reggiano, Lavazza, l’acqua minerale Lete, Barilla con i biscotti Pavesi Le Gocciole, Findus, Valsoia, Auricchio, Costa d’Oro e anche qualche catena di supermercati insieme alla vitamina …

Continua »

Stop alla bugia dei conigli allevati a terra. Aia deve cambiare l’etichetta avallata dal Ministero e dagli animalisti

etichetta conigli allevati a terra aia censura iap

Non esistono conigli allevati a terra, tutti gli animali cresciuti nei capannoni vivono in gabbie più o meno grandi. Per questo motivo Aia deve cambiare la dicitura “allevati a terra” proposta a carattere cubitali sulle etichette (vedi foto sopra). Lo ha deciso, con un certo ritardo, il Comitato di Controllo dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria in risposta a una richiesta inviata …

Continua »

La leggenda metropolitana degli italiani che sprecano il 30% della spesa alimentare domestica

donazione di cibo

AGGIORNAMENTO 12 MARZO 2019 Pochi giorni dopo la pubblicazione di questo articolo il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (Crea), ente di ricerca alle dirette dipendenze del Mipaaft, ha pubblicato un’indagine condotta in modo rigoroso secondo cui lo spreco degli italiani sarebbe di circa 370 grammi alla settimana. Per leggere il nostro articolo clicca qui . …

Continua »

In Italia ogni anno 11 miliardi di bottiglie di plastica di acqua minerale e 2,45 di vetro finiscono nei rifiuti. Ne beviamo 224 litri a testa, un record

acqua minerale

Capire perché ogni italiano beve 224 litri di acqua minerale l’anno, collocandosi al secondo posto nella classifica mondiale, è difficile (*). È vero che i messicani arrivano a 234 litri, ma questo perché la rete dell’acqua potabile è inefficiente e spesso inesistente. L’altro fattore da considerare riguarda le bottiglie. Noi ne utilizziamo più o meno 11 miliardi di plastica e …

Continua »

Olio extravergine italiano addio? Il 90% delle bottiglie al supermercato saranno miscele di oli UE ed extra UE

olio extravergine di oliva

L’Italia al 31 dicembre 2018 ha prodotto solo 166.476 tonnellate di olio d’oliva. Si tratta del dato peggiore degli ultimi anni, una crisi che si risolve con un incremento delle importazioni di olio extravergine da Spagna, Grecia, Tunisia e Marocco. Vuol dire che per soddisfare il mercato interno i grandi marchi italiani dovranno importare una quantità pari a circa il …

Continua »