;
Home / Agnese Codignola (pagina 50)

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

“Sulle tracce della Vernaccia”: la storia di un vino attraverso tracce e indizi raccolti dagli archivi storici della Toscana

Gli  alimenti che non hanno un’origine industriale racchiudono in sé un universo composto da: storia, cultura, tradizioni, economia che si intreccia con il territorio e con vicende locali tramandate nei secoli. Il ibro “Sulle tracce della Vernaccia” racconta la storia del famoso vino di San Gimignano e del suo territorio la Toscana del Medioevo . Il testo ripercorre le vicende di …

Continua »

Integratori venduti in USA contengono il DMBA. Una sostanza stimolante dagli effetti tossici sconosciuti è presente in molti prodotti destinati a chi fa sport e diete

integratori

Negli Stati Uniti e in altri paesi viene utilizzata  una sostanza stimolante dagli effetti tossici sconosciuti denominata DMBA o 1,3 dimetil-butil-amina. Il principio attivo viene utilizzato in molti integratori sportivi, in confezioni di coadiuvanti per la perdita di peso e in pillole per il potenziamento delle performance intellettuali. Un team internazionale composto da ricercatori olandesi, di Harvard e del National …

Continua »

Panini e sandwiches sono una fonte preoccupante di sodio: 600 mg in più ogni volta che si mangiano a pranzo

I panini, intesi come sandwiches, hamburger e quant’altro, sono un costituente fondamentale della dieta americana nonché una delle principali fonti di sodio e calorie. Le persone che nemangiano almeno uno al giorno ingeriscono circa un quinto della quantità totale di sodio. Il panino (genericamente chiamato sandwich negli Stati Uniti) è da anni al centro di un’importante rilevazione sulla dieta, denominata …

Continua »

Cibi sani e junk food: in Gran Bretagna negli ultimi 10 anni il divario dei prezzi è aumentato, a favore di un’alimentazione scorretta che penalizza le classi sociali con minore disponibilità economica

In Gran Bretagna, il divario prezzi tra i cibi sani e quelli considerati spazzatura è aumentato del 28,6% nell’ultimo decennio, i primi sono sempre più cari mentre i secondi, registrano una crescita di prezzo meno rilevante e finiscono per risultare sempre più convenienti.   Il dato emerge da uno studio pubblicato su PLoS One dai ricercatori del Centre for Diet …

Continua »

Dopo le mele anche per le pere stop all’Etossichina sospetti di tossicità. In UE le deroghe della Spagna creano difficoltà commerciali

I ministeri della Salute e dell’Ambiente sulla base del parere espresso dall’Istituto superiore di sanità, hanno deciso di non autorizzare l’utilizzo in via eccezionale dell’etossichina. Stiamo parlando di una molecola già usata come antiriscaldo nella conservazione dimele e pere vietata dall’Unione europea nel marzo 2011 e in Italia l’anno successivo. I due ministeri hanno escluso la possibilità di autorizzare l’uso …

Continua »

Energy drink: in Francia le autorità sanitarie segnalano otto decessi e un centinaio di casi con effetti collaterali a danno del cuore

Almeno otto decessi e decine di casi di effetti cardiaci e psichiatrici. È preoccupante il bilancio delle conseguenze del consumo di energy drink in Francia presentato al congresso europeo di cardiologia svoltosi nei giorni scorsi a Barcellona da 15 tra cardiologi, psichiatri, psicologi e neurologi guidati da Milou-Daniel Drici, e rappresenta una conferma delle cautele e perplessità espresse da molti  …

Continua »

Dimezzare lo zucchero dalla dieta per salvare denti e salute. Tutto quello che bisogna fare secondo uno studio del BMC

Come salvare i denti dalla carie? È possibile dimezzando lo zucchero che si assume attraverso i cibi e le bevande: dal 10% al 5% come quantità massima al giorno. È questa la conclusione di uno studio pubblicato su BMC Public Health dal World Health Organization Nutrition Guidance Advisory Group, il gruppo dell’OMS che si occupa di fornire le indicazioni alimentari …

Continua »

Il taglio delle calorie realizzato negli USA dai colossi del junk food si rivela un fallimento. L’unica soluzione è cambiare le abitudini alimentari

La guerra contro le calorie in eccesso non può essere lasciata in mano alle aziende. Negli Stati Uniti infatti hanno il compito – attraverso la Healthy Weight Commitment Foundation, la fondazione lanciata nel 2010 da 16 dei più importanti marchi USA e non solo –  di abbassare la triade mortale composta da zuccheri, sali, grassi. La Fondazione, partita con un …

Continua »

Dieci chilometri per smaltire una bibita: il consumo eccessivo di fruttosio ha effetti sull’insulina e sui marcatori dell’infiammazione

Il dibattito scientifico sugli effetti dell’eccesso di fruttosio nell’organismo non ha ancora trovato una composizione univoca. Contribuisce all’aumento di peso, e probabilmente al diabete e alle malattie metaboliche. In realtà non sono stati condotti molti studi per capire che cosa effettivamente succeda dal punto di vista metabolico su volontari, né su che cosa si possa fare per limitare i danni, …

Continua »

Pink slime o “poltiglia rosa”: la carne separata meccanicamente non è sparita. Troppo conveniente per le aziende

Sono passati circa due anni dalla ribalta del cosiddetto pink slime, la poltiglia rosa, ovvero il preparato industriale fatto con scarti e ritagli di lavorazione ottenuti dalla macellazione dei bovini e in minor misura di pollo e suino. La poltiglia rosa ricavata dai bovini negli Stati Uniti viene usata insieme ad altre parti di carne per il confezionamento di  hamburger …

Continua »

Soda tax: a San Francisco un referendum per introdurre la tassa sulle bevande zuccherate. Le campagne contro l’obesità continuano

soda bibite zucchero gas

Nel prossimo mese di novembre, i cittadini di San Francisco saranno chiamati a esprimere il proprio parere in un referendum per l’introduzione di una tassa sulle bevande zuccherate, una “soda tax” del 2% per oncia (30 ml) . Continua quindi la battaglia di una parte della società californiana per un’alimentazione più sana e per un’informazione più trasparente, sostenuta da molti …

Continua »

Polli contaminati da Campylobacter: un’inchiesta del Guardian denuncia situazioni di grave negligenza igienica e sanitaria

Un’inchiesta del quotidiano britannico Guardian sta mettendo in discussione tutto il sistema di controlli alimentari riguardante gli allevamenti di polli. L’idea di verificare le condizioni dei grandi allevamenti industriali e gli impianti di macellazione è nata come conseguenza di una serie di focolai di tossinfezioni da Campylobacter, registrata negli ultimi mesi. I casi segnalati sono circa 280.000 ogni anno, le …

Continua »

Calorie sui menu? Negli USA il 57% dei consumatori le legge con attenzione e si fa guidare nelle scelte

Restaurant Food Menu Design with Chalkboard Background

L’indicazione delle calorie sui menu è oggetto di discussioni e di studi da anni, ma un rapporto pubblicato dai Centers for Diseases Control di Atlanta sulla rivista ufficiale Morbidity and Mortality Weekly Report, sembra dire una parola definitiva sulla questione. Le informazioni vengono lette e, anche se imprecise, possono contribuire all’educazione alimentare e condizionare le scelte dei clienti dei ristoranti. …

Continua »

Olio di palma: le piantagioni distruggono le foreste e la biodiversità, peggiorano l’acqua, e causano lo sfruttamento dei terreni e di chi li lavora

olio di palma

Le estese coltivazioni di palme da olio contribuiscono enormemente all’aumento dell’anidride carbonica, alla distruzione della biodiversità e delle colture locali, e sono responsabili del depauperamento dei terreni e dello sfruttamento di chi li lavora. Per far posto a queste coltivazioni in molti paesi dell’area tropicale, si radono al suolo milioni di ettari di foresta. Alla lista dei danni già noti …

Continua »

Gli interferenti endocrini si trovano ovunque nei beni di consumo e nel mondo alimentare e provocano diverse patologie. Che fare?

Trentuno miliardi di euro ogni anno. Tanto, secondo la Health and Environment Alliance (HEAL), si potrebbe risparmiare in Europa ogni anno se le legislazioni comunitarie e nazionali si facessero compiutamente carico di una questione che, secondo l’associazione, non riceve l’attenzione dovuta: quella degli interferenti endocrini (IE), cioè delle sostanze onnipresenti che, in diverso modo, entrano nell’organismo umano alterando il sistema …

Continua »