;
Home / Etichette & Prodotti / Per i prodotti ultra-trasformati etichette come quelle del tabacco. L’appello degli esperti

Per i prodotti ultra-trasformati etichette come quelle del tabacco. L’appello degli esperti

cereali colazione zucchero bambiniPer decenni il marketing delle grandi multinazionali alimentari ha fatto sedimentare, nel sentire comune, l’idea che il cibo industriale sia neutrale per la salute, oltre che buono e comodo. È ora di dire basta e di procedere con campagne altrettanto aggressive per far capire ai consumatori che la realtà dei prodotti ultra-trasformati è molto diversa. E non occorre inventare nulla di nuovo: basta seguire l’esempio di ciò che è stato fatto con il tabacco. Gli avvisi e le fotografie, comprensibili da chiunque, in pochi anni hanno aumentato in misura esponenziale la consapevolezza dei consumatori, e convinto milioni di persone a dire addio al fumo.

Non usano mezzi termini gli autori di un duro commento pubblicato sul BMJ Global Health, tutti membri di Vital Strategies, una no profit attiva da molti anni cui aderiscono specialisti di varie discipline, uniti nella lotta contro le malattie non trasmissibili e prevenibili, a cominciare proprio da quelle causate dal tabacco e, ora, dagli alimenti ultra-trasformati.

Couple sitting on the supermarket floor and eating snacks junk food
In molti Paesi occidentali più della metà delle calorie assunte deriva da alimenti ultra-trasformati

Nei Paesi più ricchi – scrivono gli autori, che hanno condotto anche due studi sul livello di conoscenza di questi prodotti tra la popolazione in Brasile e Colombia (rivelatasi disastrosa) – e sempre più spesso anche negli altri, più della metà delle calorie assunte derivano ormai da alimenti industriali pronti che rispondono alla definizione di ultra-trasformati. Si tratta di alimenti ricchi in sale, zucchero, grassi saturi, in generale con più di cinque ingredienti, a lunga conservazione e impossibili da riprodurre in una normale cucina, perché le materie prime sono industriali.

In pratica, secondo gli autori, non sono veri alimenti, ma miscele di materie prime sotto forma di pasta o farine delle più varie provenienze, più una quantità strabiliante di additivi, le cui interazioni reciproche e i cui effetti sulla salute sono conosciuti solo in minima parte. Eppure sono percepiti come alimenti a tutti gli effetti, senza conseguenze particolari sulla salute, perché per decenni sono stati proposti come tali e resi sempre più appetitosi da un numero crescente di sostanze capaci, in alcuni casi, di suscitare una vera e propria dipendenza. Gli effetti di questi prodotti, però, sono in gran parte noti – obesità, diabete di tipo 2, tumori, depressione, per citare solo i più noti – e non sono pagati dalle aziende, ma dai sistemi sanitari.

L’etichetta per gli alimenti ultra-trasformati proposta da Vital Strategies

Per questo motivo, e visto che negli ultimi anni tutte le dichiarazioni di intenti, gli impegni, i codici di autoregolamentazione, gli accordi con le autorità sanitarie si sono rivelati mediamente poco più che carta straccia, è giunto il momento di procedere in modo diverso, e di dire la verità ai consumatori. Come? Un modo semplice, ma estremamente efficace, potrebbe essere quello di aggiungere una casella nera alle etichette nutrizionali a semaforo o alle warning label, nella quale scrivere solo ‘ultra-trasformato’, in modo che il pubblico impari a percepire l’intera categoria come qualcosa di poco sano, che sarebbe meglio evitare. Ci vorrà del tempo, e di certo sono necessari grandi investimenti. Che in ogni caso si tradurranno in risparmi, se confrontati con i costi delle malattie associate al consumo di ultra-trasformati. La proposta ha degli elementi in comune con la variante dell’etichetta semaforo Nutri-Score che per identificare gli alimenti ultra trasformati li vorrebbe circondare con un bordo nero (vedi foto sotto).

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com, Vital Strategies

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Nuove etichette per il vino, oltre all’elenco degli ingredienti ci sarà anche un codice QR

Dopo più di dieci anni di rinvii, sospensioni e discussioni, cade anche una tra le …

4 Commenti

  1. Avatar

    Considerato che solitamente quei prodotti sono acquistati da gente che non legge le etichette, e che se lo fa non è in grado di capire cosa c’è scritto, io dico che lascia il tempo che trova.

  2. Avatar

    Personalmente leggo sempre le atichette .In ogni caso ,tutti i prodotti ultraprocessati che possono interferire con un buon stato della salute di ciascuno di noi , devono riportare etichette pari o simili aquelle del tabacco. Io sono Favorevole,anche se poi penso che ogni tanto lo sgarro ci possa essere.Non siamo perfetti a questo mondo.E la perfezione e’ davvero difficile da mantenere nel tempo..

  3. Avatar

    I prodotti ultra trasformati avranno comunque votazioni nutri score positive, perché utilizzando addensanti si riesce a dosare acqua fino a raggiungere la votazione desiderata; che poi il consumatore debba ingerirne di più per sfamarsi pare non interessare a nessuno (per lo meno normalmente non interessa su questa testata)

    • Roberto La Pira

      Se si indicano i prodotti ultraprocessati come una striscia nera intorno al semaforo, il consumatore può capire che il prodotto contiene un certo numero di additivi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *