Home / Agnese Codignola

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

McDonald’s, Starbucks & co.: cioccolate calde e bevande stagionali sono bombe di zucchero. La denuncia di Action on Sugar

Cappuccino and cinnamon in a paper cup. Coffee is complemented by a gingerbread man and Christmas tree decoration.

Per evitare di assumere ulteriori calorie oltre a quelle tipiche dei banchetti natalizi, forse sarebbe il caso di evitare le bevande offerte dai principali fast food e caffè, almeno se ci si trova in Gran Bretagna o nei paesi dove queste catene sono presenti. Nonostante gli impegni presi periodicamente, i beveroni a base di cioccolato, latte, panna e altri svariati …

Continua »

Adolescenti e junk food: il cibo spazzatura domina le interazioni social dei ragazzi americani con i marchi alimentari

Friends group having addicted fun together using smartphones - Hands detail sharing content on social network with mobile smart phone - Technology concept with people millennials online with cellphone

In che misura gli adolescenti, nella loro vita social, sono coinvolti nelle iniziative pubblicitarie dei marchi di cibo spazzatura e bevande dolci? La domanda è all’origine di uno studio condotto nel 2017 dai ricercatori del Ruud Center for Food Policy & Obesity dell’Università del Connecticut di Hartford e pubblicato su Appetite, nel quale poco più di 1.500 ragazzi di età compresa …

Continua »

Api e neonicotinoidi: gli insetticidi vietati contaminano ancora i campi europei. Ma non tutti sono pericolosi per gli impollinatori

Nonostante la moratoria europea del 2013 sull’uso all’aperto, e la successiva conferma in senso restrittivo e permanente (a eccezione delle serre) del 2018, i neonicotinoidi clotianidina, imidacloprid e thiamethoxam sono ancora molto presenti sui terreni del vecchio continente e, in particolare, su quelli francesi, dove questi insetticidi sono stati vietati del tutto nel 2018 per tutelare le api e gli …

Continua »

Caffè, il governo svizzero ci ripensa e forse mantiene le scorte nazionali dopo la rabbia dei cittadini e le pressioni dell’industria

Il Governo Federale Elvetico ci ripensa, e potrebbe tornare sui suoi passi rispetto all’annuncio dello scorso mese di aprile di una possibile rinuncia alle scorte nazionali di caffè, accantonato insieme ad altri generi di prima necessità in caso di catastrofe. Poiché in questi mesi l’opinione pubblica si è mostrata più che contraria al cambiamento proposto, all’epoca motivato dal fatto che …

Continua »

Bioplastica dalle scaglie e dalla pelle del pesce: premiata l’invenzione di una giovane designer inglese che valorizza gli scarti

marinatex fogli bioplastica

Una giovane designer inglese di nome Lucy Hughes, laureata dell’Università del Sussex, si è aggiudicata il James Dyson Award, sbaragliando oltre mille concorrenti di 28 paesi e vincendo le 30 mila sterline in palio. Il merito è della sua bioplastica, ottenuta dalle scaglie di pesce, materiale finora non utilizzato nelle plastiche ecocompatibili, ma che sta mostrando caratteristiche potenzialmente assai utili. …

Continua »

Mangiare in aereo: attenzione al sale e alle bevande calde servite a bordo. L’analisi delle compagnie americane

Flight attendant serving drinks to passengers on board.

Come avviene ormai da qualche anno, in occasione delle imminenti festività del Giorno del Ringraziamento e poi di Natale, che vedranno volare più di 36 milioni di persone nei soli Stati Uniti, il sito Diet Detective, in collaborazione con lo Hunter College Food Policy Center di New York, fa le pulci a quello che i clienti delle compagnie americane possono …

Continua »

Alimentazione sostenibile, il decalogo di Greenpeace, tra frutta e verdura di stagione e cibo ultra-trasformato

eco menu Greenpeace

Mangiare alimenti gustosi, sani, ma anche sostenibili: un approccio alla dieta non sempre scontato, ma ora, per facilitarlo, Greenpeace pubblica il suo decalogo, che contiene consigli e osservazioni che aiutano a capire i perché delle scelte alimentari migliori. Ecco, in sintesi, quanto riportato: 1) Frutta e verdura. Oltre a indicare gli ortaggi e la frutta da preferire nelle diverse stagioni …

Continua »

Olio di palma, violazioni dei diritti e della salute dei lavoratori nelle piantagioni in Congo. La denuncia di Human Rights Watch

In pochi anni Feronia e la sua consociata locale Plantations et Huileries du Congo S.A. (PHC) hanno devastato una grande area del Congo, e stanno rendendo impotenti e ammalati decine di lavoratori. Il tutto per tre grandi piantagioni di palme da olio estese per 100 mila ettari nella regione più settentrionale del paese, dove lavorano 10 mila persone. Si tratta di …

Continua »

Interferenti endocrini, l’additivo BHA (E320) potrebbe danneggiare la fertilità maschile. Ma mancano dati sugli esseri umani

Il BHA (idrossianisolo butilato o butilidrossianisolo), un conservante antiossidante (E320) utilizzato fino dagli anni Quaranta e già accusato di essere cancerogeno, potrebbe essere anche un interferente endocrino, secondo uno studio appena pubblicato su Science of the Total Environment da ricercatori coreani. Ancora una volta, però, si tratta di dati ottenuti in vitro su cellule animali, e questi risultati vanno dunque presi …

Continua »

Più legumi nella dieta riducono alcune malattie cardiovascolari e l’obesità. Ma c’è bisogno di più studi di migliore qualità

semi cereali legumi

Che tipo di associazione c’è, se ne esiste una, tra il consumo regolare di legumi e le malattie cardiometaboliche? La domanda è stata formulata da un gruppo di esperti internazionali (alcuni dei quali italiani) per fornire risultati il più possibile aggiornati e affidabili sui cui basarsi per stilare le nuove linee guida della European Association for the Study of Diabetes. …

Continua »

La pubblicità della birra fa presa sui ragazzi: più le aziende spendono in marketing, più salgono le vendite tra gli adolescenti

close up of friends with beer bottles outdoors

A guardare i numeri, la strategia risulta molto evidente: le aziende di alcolici e, nello specifico, di birra, investono parecchio denaro per catturare il mercato dei giovanissimi, quasi sempre minorenni. E lo fanno con successo, anche se molti paesi prevedono limiti di età per l’acquisto di bevande alcoliche. La singolare associazione tra quanto i produttori spendono in marketing e quanto …

Continua »

Le microplastiche abbondano nelle nursery del mare. Così i pesciolini le scambiano per cibo e risalgono la catena alimentare

microplastiche plastica inquinamento contaminazione nanoplastiche

Le microplastiche, in mare, si annidano dove il danno che possono arrecare è maggiore, e cioè in formazioni naturali che sono vere e proprie nursery per le larve e i pesci appena nati. Lì infatti si concentrano in quantità straordinariamente alte, ed essendo di dimensioni analoghe a quelle delle prede che i piccoli pesci iniziano a cercare (e cioè di …

Continua »

Benessere dei polli, Efsa individua i punti critici nel momento della macellazione. Il primo documento di una serie

carne pollo industria trasformazione lavorazione

L’Europa fa sul serio con il benessere animale. L’Efsa, infatti, ha appena pubblicato un documento sul benessere dei polli, il primo di una serie nella quale verranno analizzati nel dettaglio tutti i processi che portano alla macellazione, messe in evidenza le possibili carenze e, soprattutto, gli aspetti sui quali è possibile intervenire per migliorare le condizioni degli animali, come freddo, …

Continua »

Tanto zucchero, troppo sale e poche fibre: in Europa gran parte dei prodotti confezionati per bambini non rispettano due standard nutrizionali

cereali colazione zucchero bambini

Moltissimi prodotti dedicati (e pubblicizzati) a bambini e ragazzi non rispettano due standard nutrizionali sviluppati per ridurre l’impatto del marketing alimentare  verso i minor.  Eppure  stiamo parlando di regole indicate da Oms-Europe e di impegni firmati  EU Pledge a cui hanno aderito spontaneamente molte aziende alimentari come: Coca-Cola, Kellogg’s, McDonald’s, Ferrero, Danone e Unilever. Lo rivela un’indagine condotta dal Joint research …

Continua »

Le calorie sui menu dei fast food servono a poco. Ma possono essere parte di una strategia globale contro l’obesità

Indicare le calorie nei menu dei fast food ha un effetto scarso sugli acquisti dei clienti, che oltretutto tende a diminuire nel tempo. Questo è l’esito di uno studio pubblicato sul British Medical Journal dai nutrizionisti dell’Università di Harvard, Boston, che hanno analizzato cosa era successo agli oltre cento ristoranti di un’unica catena, sparsi in tre stati (Louisiana, Texas e …

Continua »