Home / Agnese Codignola

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Latte e derivati fanno bene al cuore e riducono il rischio di ictus e infarto. Le conclusioni di uno studio del Lancet su 136 mila persone

latte

Il latte e i suoi derivati non aumentano il rischio di malattie cardiache e cerebrovascolari, ma al contrario lo abbassano, per questo motivo il consumo andrebbe incoraggiato, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito, dove i livelli di assunzione non sono generalmente soddisfacenti. Sono queste le conclusioni del grande studio internazionale denominato Pure (Prospective urban rural epidemiology) pubblicate da …

Continua »

Fast food: un americano su due va tutti i giorni per un pasto o uno spuntino

fast food

Gli statunitensi vivono una grande contraddizione: da una parte, come emerge spesso in studi e sondaggi, mostrano un autentico interesse verso un’alimentazione sana e verso il cibo che può assicurarla, e vorrebbero mangiare meglio. Dall’altra non riescono a fare a meno del fast food: anche tutti i giorni. Secondo l’ultimo rapporto dei Centers for Diseases Control, infatti, che prende in …

Continua »

Niente squalo, per favore. La moda della zuppa di pinne minaccia il 60% delle specie. Serve un cambiamento culturale

squalo mako

La moda, sempre più diffusa in Oriente e non solo, di offrire nei ristoranti che si suppongono di lusso zuppa di pinne di squalo sta costando molto cara a questi straordinari pesci. Se non si interverrà al più presto con leggi specifiche e omogenee, ma soprattutto con un cambiamento culturale dei consumatori, presto potrebbero non essercene più, dal momento che …

Continua »

Spreco alimentare, un terzo della frutta e verdura in Europa viene buttata. Allo studio metodi per ridurre le perdite e valorizzare gli scarti

spreco alimentare

Ogni anno in Europa si sprecano 88 milioni di tonnellate di vegetali tra frutta e verdura, per un costo complessivo di 143 miliardi di euro. Ciascun cittadino europeo ne spreca 35,3 chili, 14,2 dei quali potrebbero essere tranquillamente mangiati. La situazione, dunque, non è affatto positiva anche se, per fortuna, c’è molto spazio per migliorare. Questo, in sintesi, è il messaggio …

Continua »

Bevande zuccherate: è sempre meglio bere acqua. Moderazione anche nel consumo di quelle con dolcificanti. I consigli dei cardiologi americani

Child drinking glass of fresh water

È sempre meglio l’acqua, anche gassata o aromatizzata, ma sempre senza zuccheri. Tuttavia, se proprio non si riesce a fare a meno delle bevande dolci, meglio quelle con edulcoranti a bassissimo contributo calorico rispetto alle bibite piene di zuccheri, nella speranza di abbandonarle per tornare a bere solo acqua. Se si opta per una bevanda dolcificata, è meglio non berla …

Continua »

Listeria in Europa: tutti i numeri di un’infezione pericolosa. Ancora troppi i focolai segnalati in ritardo

Il sistema di monitoraggio della listeriosi in Europa va migliorato, perché sono ancora troppi i focolai di infezione segnalati in ritardo, e questo comporta gravi conseguenze, compresa la (evitabile) perdita di vite umane. Il metodo c’è già, ed è basato sull’identificazione genetica dei ceppi che, secondo alcune simulazioni, potrebbe anticipare la segnalazione di circa cinque mesi ed evitare anche il …

Continua »

Salmoni: il contenuto di omega 3 dimezza. In Scozia si studia un mangime basato su una pianta transgenica, ma restano molti ostacoli

I ricercatori dell’Università scozzese di Stirling stanno conducendo un esperimento che potrebbe avere importanti ricadute sull’industria dell’allevamento di salmoni. La ricerca riguarda mangimi arricchiti con acidi grassi omega 3 provenienti da una pianta, la Camelina sativa, geneticamente modificata. L’idea nasce da una constatazione drammatica: negli ultimi dieci anni il quantitativo di omega 3 nei salmoni allevati si è dimezzato, a …

Continua »

Proteine dai microrganismi per produrre mangimi. Secondo uno studio tedesco si rilascerebbe meno gas serra

mucca allevamento mangime

Gli allevamenti del futuro saranno nutriti anche con proteine provenienti non da soia, mais o mangimi animali, ma da microrganismi quali funghi, alghe e batteri, ingegnerizzati per produrre tutto ciò che è necessario per alimentare bovini, suini e pollame. Se sarà così e se anche solo il 2% del cibo (o, meglio, del quantitativo di proteine) necessario sarà di provenienza …

Continua »

Coca-Cola al posto dell’acqua. Il disastro della multinazionale in Chiapas dove il diabete dilaga e i morti crescono del 30%

cola soda bevanda bibita zucchero

C’è una zona del Messico che sta pagando sulla pelle dei propri abitanti tutte le contraddizioni e gli effetti negativi di una politica che per decenni, pur di avere in casa le multinazionali, ha chiuso gli occhi sulle possibili conseguenze per la salute dei cittadini. In Chiapas quasi ogni famiglia è colpita dal diabete di tipo 2, e la mortalità …

Continua »

OGM in etichetta: in Vermont cala la sfiducia dei consumatori verso i prodotti con ingredienti geneticamente modificati

gmo concept

Non bisognerebbe temere la consapevolezza dei consumatori, perché laddove le informazioni sono esaurienti e comprensibili, le conseguenze sono a volte inaspettate e migliori rispetto ai timori iniziali. Questo è, in sintesi, il messaggio che giunge da uno studio pubblicato sulla rivista Scientific Reports (del gruppo di Science) da Jane Kolodinsnky, una ricercatrice dell’Università del Vermont che da anni segue gli umori …

Continua »

Olio di palma, sottostimato l’impatto su ambiente e atmosfera delle piantagioni in Indonesia. Lo studio dei ricercatori svizzeri

olio di palma piantagioni borneo indonesia 2018

Convertire un solo ettaro di foresta pluviale indonesiana a campo di palme da olio causa un rilascio di CO2 nell’atmosfera (perché non è più trattenuta dalla vegetazione e del terreno) equivalente a quello emesso da 530 persone che volano in classe economica da Ginevra a New York. Questo è uno dei confronti contenuti in uno studio appena pubblicato su Nature …

Continua »

L’impatto ambientale del cibo? Cambia in funzione della località, anche se i consumatori possono fare la loro parte

Che cos’è, esattamente, l’impatto ambientale degli alimenti che mangiamo? Come si calcola? Quali sono i cibi peggiori, da questo punto di vista? Lo stesso alimento ha il medesimo impatto a tutte le latitudini?  Secondo quanto scoperto dai ricercatori dell’Università di Oxford, la risposta a queste domande è meno scontata del previsto e riserva non poche sorprese. Gli scienziati, insieme a …

Continua »

Lo spreco di pesce è una questione ambientale, economica e alimentare. Il sistema pesca in perdita se non fosse per i sussidi pubblici

pesce amo

A metterli in fila, i numeri dello spreco di pesce conseguente all’adozione dei sistemi industriali di pesca negli ultimi 65 anni, fanno impressione. Su un totale di circa 5,9 miliardi di tonnellate di pescato in tutto il mondo, 437 milioni di tonnellate di pesce in gran parte non rispondente ai canoni imposti dal mercato, ma quasi sempre commestibili e anzi, …

Continua »

Disincentivare il consumo di alcolici è possibile se si segue la strategia usata per le sigarette

C’è un modo per convincere le persone a bere meno alcolici: scrivere sulla bottiglia o sulla lattina che la diminuzione dell’assunzione (anche di piccole quantità) fa calare il rischio di sviluppare sette tipi di tumori. Meno efficaci risultano invece altri avvisi quali quelli sulle calorie presenti o sui possibili danni cardiovascolari. Il potenziale ruolo di scritte analoghe a quelle presenti …

Continua »

Niente verdure, siamo neonati. Solo frutta, patate e carote nei cibi per bambini piccoli americani: così non si abituano ai sapori particolari

baby food omogeneizzati alimenti per bambini carote piselli

Tra le iniziative auspicate dalle autorità sanitarie per migliorare l’alimentazione dei bambini, e prevenire così cattive abitudini e malattie come l’obesità, vi è l’educazione fin dalla più tenera età alla varietà dei gusti, soprattutto a quelli di frutta e verdura freschi. Eppure, almeno negli Stati Uniti, questa non sembra affatto essere la preoccupazione dei produttori di cibi per bambini piccoli, …

Continua »