Home / Agnese Codignola

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Bambini piccoli: cereali e derivati non devono mancare in una dieta equilibrata La conferma in uno studio americano

spaghetti pasta mangiare piatto bambini

I bambini piccoli che nell’ambito di una dieta equilibrata mangiano cereali e i loro derivati (*) crescono con un profilo nutrizionale migliore rispetto a quelli che, per vari motivi, ne consumano quantità molto limitate. Il messaggio, forte e chiaro, è il risultato di uno studio sponsorizzato dalla Grain Foods Foundation, fondazione americana che riunisce decine di produttori e associazioni di …

Continua »

Coronavirus, dubbi sull’origine dell’epidemia in Cina: il mercato del pesce e i serpenti forse non c’entrano

Hand in medical gloves holding test tube with positive Coronavirus result over hospital table with pill, respiratory mask and stethoscope. 2019-nCoV blood test concept

Le prime pagine dei media di tutto il mondo sono piene di notizie sul nuovo coronavirus. Di notizie, e anche di imprecisioni, innescate inizialmente dalla versione dei primi comunicati del governo cinese e proseguite poi sulle pagine di alcune riviste scientifiche, che si stanno affrettando a pubblicare ricerche non sempre, giocoforza, eseguite con il dovuto scrupolo (in pochissimi giorni). A …

Continua »

Buone notizie, non tutto il pesce nel mondo è in declino. Ma le aree del Sud Est asiatico sono ancora a rischio

Negli ultimi anni, diversi studi hanno sottolineato che il pesce selvatico è ormai in pericolo quasi ovunque, perché anni e anni di pesca indiscriminata e sempre più aggressiva unita agli effetti del crescente inquinamento ne hanno depauperato a volte irrimediabilmente i banchi, e impedito il normale avvicendamento delle generazioni. Ma è proprio così? La risposta sembra essere no, affatto, stando …

Continua »

Carne finta: in arrivo la “bistecca” vegetale. Una start up spagnola, guidata da un bioingegnere italiano, la stamperà in 3D

Via via che si amplia l’offerta al pubblico, i grandi media cercano di spiegare che cosa sono, in che cosa si differenziano e quali sono i possibili punti deboli dei surrogati vegetali della carne. Tra questi il Guardian, che nei giorni scorsi ha pubblicato un resoconto che parte dalla loro composizione generale: una base di farine vegetali in genere di …

Continua »

Spreco zero: lo stato rurale del Vermont vieta di gettare i rifiuti organici in discarica. E i residenti scelgono il compostaggio

Garbage sorting. Organic food waste from vegetable ready for recycling and to compost on the dark backgrond. Environmentally responsible behavior, ecology concept. Flat lay spreco rifiuti organici

Non esiste un solo modo per affrontare lo spreco alimentare: ciò che è ottimale per i centri grandi urbani non lo è necessariamente per quelli rurali. Ne è un esempio lo stato del Vermont, che quest’anno ha stabilito il divieto assoluto di buttare via rifiuti organici e scarti alimentari nella spazzatura indifferenziata. Lo stesso è stato fatto nei mesi scorsi …

Continua »

Coca-Cola non abbandonerà le bottiglie di plastica. Il motivo? “I consumatori le preferiscono”

Bottles of carbonated soft drink Coca-Cola

In un solo minuto, Coca-Cola produce 200 mila bottiglie di plastica, per un totale di 100 miliardi l’anno, pari a circa tre milioni di tonnellate di plastica. La pessima notizia è che non ha alcuna intenzione di smettere, anche se nel 2019 ha conquistato l’assai poco invidiabile primato di azienda più inquinatrice del mondo per quanto riguarda la plastica, nell’indagine compiuta …

Continua »

I social media possono aiutare a monitorare l’igiene dei ristoranti, tra un’ispezione e l’altra. L’insolito studio dei ricercatori americani

Upset Customer Showing Thumbs Down In a Restaurant

I social media possono avere un ruolo positivo in un ambito inconsueto: quello delle condizioni igieniche dei ristoranti. Se gli utenti esprimono le loro valutazioni con strumenti adeguati e il più possibile obbiettivi, le segnalazioni e i punteggi possono premiare i più scrupolosi e aiutare le autorità sanitarie a verificare le condizioni dei locali a rischio. In questo modo si …

Continua »

Yogurt Müller al gin tonic: un successo in Gran Bretagna ma i medici di famiglia protestano

In Gran Bretagna dal mese di settembre 2019 la Müller vende uno yogurt senza zuccheri aggiunti, senza grassi e con molte proteine. La vera novità è che contiene lo 0,5% di gin. Il risultato è un prodotto chiamato Light Gin & Tonic inspired che, secondo quanto riferisce l’azienda, sta incontrando il gradimento del pubblico e può essere tranquillamente inserito in …

Continua »

Fare a meno dell’olio di palma è una missione impossibile? Le strategie esplorate da aziende e ricercatori

olio di palma latte artificiale

L’olio di palma è un componente essenziale non solo di un’infinità di alimenti industriali, ma anche di cosmetici, farmaci e carburanti, al punto che si stima sia presente nel 50% dei prodotti di consumo. Inoltre lo si trova in numerosi materiali come quelli usati in edilizia, ed è fondamentale per il cibo per animali domestici e per i mangimi per …

Continua »

Starbucks, dopo l’Europa la bevanda all’avena arriva tra le alternative vegetali anche negli USA: il lancio nei locali del Midwest

New York, USA - November 5, 2019 : Close up of a Woman drinking a tall Starbucks coffee in starbucks coffee shop with carrot cake.

La catena di caffetterie Starbucks ha annunciato il lancio, in 1.300 locali del Midwest statunitense, di una nuova bevanda all’avena, che va ad affiancare il latte di cocco (aggiunto nel 2015) e quello di mandorle (del 2016), già offerti ai clienti di Stati Uniti e Canada. La bevanda all’avena faceva già parte dei menu europei, dove era stata introdotta nel …

Continua »

Cosa ne pensano gli onnivori di vegetariani e vegani? Secondo gli inglesi è una scelta etica e buona per l’ambiente

Che cosa pensano gli onnivori dei vegetariani? La domanda se la sono posta gli psicologi dell’Università di Bath, in Gran Bretagna, per capire che tipo di atteggiamento ci sia, nell’opinione pubblica prevalente, in merito al consumo di carni, soprattutto pensando all’impatto ambientale degli allevamenti e alle sofferenze degli animali, e a prescindere dalle scelte personali. E in effetti il risultato, …

Continua »

Meno zucchero negli yogurt britannici: il calo maggiore nei prodotti per bambini, da bere e alla frutta. Attenzione ai surrogati vegetali

young woman at home eating yogurt

Le campagne pubbliche per migliorare la consapevolezza dei cittadini sul contenuto del cibo che acquistano e per indurre le aziende a fare di più e di meglio funzionano. Lo dimostra, indirettamente, un’analisi molto completa del mercato degli yogurt condotta dai ricercatori dell’Università di Leeds, in Regno Unito, paese che ha da tempo dichiarato guerra all’obesità dilagante e che ora può …

Continua »

In futuro berremo sempre più acqua riciclata, per il cambiamento climatico e la popolazione in aumento. Impariamo a conoscerla

acqua del rubinetto

Di fronte alle carenze idriche con cui dovremo fare i conti nei prossimi anni, non è possibile essere schizzinosi: bisognerà abituarsi a bere anche l’acqua riciclata dagli impianti di depurazione, e dobbiamo tutti iniziare a familiarizzare con l’idea. Anche perché già oggi due miliardi di persone, il 70% delle quali residenti in grandi metropoli, prevalentemente in paesi dell’Africa e dell’Asia …

Continua »

Pomodori come grappoli d’uva: la varietà creata per l’urban farming utilizzando l’editing genetico

Anche se per il momento nessun europeo potrà coltivarli, negli Stati Uniti e in altri paesi dove è permesso studiare e, dopo gli opportuni via libera, commerciare piante con modifiche genetiche ottenute tramite la tecnica CRISPR-Cas9, potrebbe presto esserci una nuova varietà di pomodori. Frutti piccoli e saporiti, ma con una particolarità: capaci di crescere con una disposizione simile a …

Continua »

Sugar tax nel mondo: a che punto sono le tasse sulle bevande zuccherate, paese per paese

A che punto siamo con la sugar tax nel mondo? La domanda se la pone il sito Food Navigator, che in un lungo articolo riassume le decisioni assunte da diversi paesi, Italia compresa, con orientamenti e scelte assai differenziati. Eccoli: Stati Uniti. Diversi stati e città hanno adottato una soda tax, cioè una tassazione limitata alle bevande dolci: Boulder, Albany, …

Continua »