Home / Agnese Codignola

Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Tanti consumatori contrari agli Ogm per pregiudizio. Solo una migliore educazione scientifica può contrastare le bufale

GMO

L’opinione pubblica nei Paesi occidentali è, in misura significativa, contraria agli alimenti geneticamente modificati o anche solo sottoposti a editing genetico. Questo nonostante negli ultimi anni autorità come l’Oms, l’American Medical Association e la National Academy of Science statunitense. Anche riviste come Science e decine di premi Nobel hanno sottolineato la sicurezza degli Ogm e, soprattutto, la necessità impellente di …

Continua »

Cibo spazzatura e bevande zuccherate, sempre più numerosi gli studi che associano il consumo a rischi per la salute

Overweight business man eating with appetite a burger holding a can of soda drink

Si sono moltiplicati, nelle ultime settimane, gli studi che associano un consumo regolare di cibo spazzatura e di bevande zuccherate ai danni per la salute. E poiché si tratta di studi condotti secondo i canoni scientifici, spesso su grandi campioni e presentati in sedi autorevoli, ci si aspetta che chi si oppone a provvedimenti drastici abbia sempre meno argomenti e, …

Continua »

Il cibo sostenibile del futuro? “Carne” di insetti coltivata in laboratorio e geneticamente modificata. La proposta degli scienziati americani

Scientist holding Petri dish with forcemeat over table, top view

Gli allevamenti intensivi sono all’origine di molti dei guai ambientali con i quali stiamo facendo i conti: l’esaurimento dei terreni, la contaminazione delle acque, la perdita di biodiversità, le piogge acide, la morte di intere aree marine e delle barriere coralline, la deforestazione e, soprattutto, il cambiamento climatico. Come se ne esce? Secondo i ricercatori della Tufts University di Medford …

Continua »

Cibo industriale e salute: una dieta basata su alimenti ultra-processati fa ingrassare. Lo rivela uno studio americano

Sweet donuts with measurement tape on the green background

Ora è dimostrato inequivocabilmente, anche se i dati sono stati ottenuti su un campione piccolo di persone: il cibo industriale ultra-processato fa ingrassare. I nutrizionisti del National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases di Bethesda (Maryland) hanno chiesto a 20 volontari, 10 maschi e 10 femmine, di vivere nel loro laboratorio per 28 giorni, e di seguire per …

Continua »

Cacao, aumentare il prezzo per eliminare il lavoro minorile pericoloso in Ghana. Ma i consumatori sarebbero disposti a pagarlo?

Cocoa beans and chocolate on wooden background

Nel 2015 in Ghana oltre 376 mila bambini (pari al 40% del totale di quelli impiegati nel settore) lavoravano nell’industria del cacao in condizioni pericolose per la loro salute, nonostante la legge vieti espressamente il lavoro minorile. I ricercatori dell’Università dell’Arkansas di Fayetteville si sono chiesti che cosa si potrebbe fare per ridurre o se possibile eliminare questa piaga e …

Continua »

Energy drink, i consumi sono cresciuti molto negli Stati Uniti: sono i giovani a berne di più. Ma qualcosa inizia a cambiare

Student memorizing holding and energy drink in the night

Nonostante sia diventato chiaro che possono far male e nonostante le autorità sanitarie di diversi Paesi abbiano invitato alla cautela e altre abbiano preso provvedimenti per limitarne la diffusione (per esempio vietandoli ai minorenni), negli Stati Uniti negli ultimi anni il consumo degli energy drink è cresciuto molto, e forse solo ora inizia a rallentare la sua corsa. A dimostrarlo …

Continua »

Sulle etichette dei probiotici made in USA mancano informazioni sui batteri e sulle dosi. Così non si possono fare scelte consapevoli

Probiotics word made of pills on green background. Flat lay, top view, free copy space.

batteriLe etichette dei prodotti a base di probiotici venduti negli Stati Uniti sono a dir poco lacunose. Oltre ai consumatori, che non hanno modo di scegliere consapevolmente, queste carenze danneggiano anche i produttori, soprattutto quelli dei probiotici che utilizzano ceppi in grado potenzialmente di avere effetti benefici. I nutrizionisti della Georgetown University hanno riportato sul Journal of General Internal Medicine …

Continua »

Microplastiche e antibiotico-resistenza fanno paura ai consumatori tedeschi. Sottovalutati Campylobacter e igiene in cucina

cibo grida paura allerta frode 177789713

I consumatori tedeschi temono alcuni tipi di contaminazioni e l’inquinamento ambientale, ma sanno poco riguardo ai pericoli associati al cibo, se si escludono le infezioni più comuni, ovvero quelle da Salmonella. Su alcuni argomenti la conoscenza è aumentata rispetto all’anno scorso, e in generale cresce la voglia di avere informazioni, ma su altri è rimasta molto bassa, quando non diminuita. È …

Continua »

Integratori, nelle farmacie americane CVS solo prodotti certificati da laboratori indipendenti. Controllati contenuto e contaminazioni

integratori alimentari

La catena americana di farmacie CVS, diffusissime in tutto il Paese (con oltre 9.800 punti vendita), ha annunciato che è terminato, con sei mesi di anticipo rispetto alle previsioni, il programma di analisi di tutti gli integratori venduti e di essere quindi pronta per la seconda fase. Dal 15 maggio non sono più disponibili i prodotti che non hanno passato …

Continua »

Acque piene di antibiotici nei fiumi di tutto il mondo. In Kenya e Bangladesh i più contaminati del pianeta

Pfas

I fiumi del mondo sono malati di antibiotici e, per lo stesso motivo, alcuni sono già morti. Sversati direttamente dagli allevamenti, fuoriusciti dalle industrie farmaceutiche o, ancora, finiti nei fiumi a causa di un trattamento delle acque reflue non ottimale, gli antimicrobici sono ormai presenti quasi ovunque, talvolta in concentrazioni altissime e fuori controllo. Questo è il quadro che emerge da …

Continua »

La sugar tax conviene anche all’economia. La tassa consente di risparmiare in spesa sanitaria e reinvestire denaro per la salute di tutti i cittadini

sugar tax bibite coca cola

Oltre che alla salute, la sugar tax fa bene anche alle finanze pubbliche. La tassa riservata alle bevande zuccherate e volta a scoraggiarne il consumo permette, infatti, di risparmiare o di guadagnare denaro che può essere reinvestito in iniziative e programmi per tutti i cittadini.  A sottolineare gli aspetti economici di un provvedimento che sta conquistando sempre più città degli …

Continua »

Chips vegetali: gli snack di verdure fritte non sono sani come sembrano

chips vegetali carole patate fritti sale

Le chips vegetali e gli snack simili, a base di verdure fritte, sono meno sani di quello che sembrano, e andrebbero consumati tenendolo presente. Lo sottolinea Liz Weinandy, nutrizionista dell’Ohio State University Medical Center, intervistata dalla rivista Time sulle caratteristiche di questi prodotti, popolarissimi negli Stati Uniti e sempre di più anche in Europa. Nella maggior parte dei casi, ricorda …

Continua »

Il primo marchio per tutelare i diritti dei lavoratori agricoli negli Stati Uniti. La certificazione dell’Agricultural Justice Project

agricoltura biologica bio verdura fagiolini

Negli Stati Uniti ci sono, al momento, 203 marchi registrati e approvati per certificare le buone pratiche associate alla filiera alimentare. Una vera pletora di denominazioni all’interno della quale si trova di tutto, dalla protezione delle foreste agli Ogm, dalla pesca sostenibile alle emissioni di CO2 e così via. Uno delle ultimi arrivati, Food Justice Certified, rappresenta  qualcosa di diverso, …

Continua »

Biossido di titanio ancora sotto accusa: alterazioni della flora intestinale e infiammazione. I risultati di uno studio australiano sui topi

Unicorn donut on forefinger, copy space

Ancora una volta il biossido di titanio (TiO2) è sotto accusa. Lo è in particolare la sua versione “nano”, costituita da particelle di dimensioni comprese tra 1 e 100 nanometri (un nanometro è tra 40 e 80 mila volte più sottile di un capello), molto usata negli alimenti, nei farmaci, nei cosmetici, nei dentifrici, nei tessuti e in numerosi altri …

Continua »

Le bevande light non aiutano a tenere sotto controllo il peso dei bambini. Per la lotta all’obesità, l’acqua è meglio dei dolcificanti

girl drinking a drink through a straw from a can

Far bere ai bambini bevande con dolcificanti non li aiuta a tenere sotto controllo le calorie totali, anche se il l’assunzione globale di energia è inferiore a quella che si ha quando possono consumare indiscriminatamente le bibite zuccherate. Probabilmente ciò dipende da diversi fattori tra i quali i circuiti metabolici attivati dagli edulcoranti, che possono avere come esito l’aumento dell’appetito, …

Continua »