Home / Sicurezza Alimentare (pagina 29)

Sicurezza Alimentare

categoria sicurezza alimentare

Via libera all’etichetta “senza promotori della crescita” nelle carni USA. Apripista l’azienda Tendergrass Farms che non usa ractopamina

Una decisione appena presa dal Dipartimento dell’Agricoltura statunitense potrebbe costituire un punto di svolta per l’allevamento delle carni vendute al dettaglio. Per la prima volta l’ente ha autorizzato una dicitura in etichetta che evidenza l’assenza di promotori della crescita e antibiotici, e in particolare di ractopamina, aprendo così la strada a nuove, presumibilmente numerose, produzioni di carne non trattata. La …

Continua »

Antibiotici negli animali: linee guida dall’UE per sapere come comportarsi

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea sono state pubblicate le linee guida sull’uso prudente degli antibiotici in medicina veterinaria, partendo dal fatto che negli ultimi anni l’impiego massiccio di questi farmaci sull’uomo e sugli animali ha accelerato la comparsa e la diffusione di microrganismi resistenti. La situazione è peggiorata a causa della mancanza di investimenti nello sviluppo di nuovi antibiotici efficaci. …

Continua »
forno microonde

Microonde: come utilizzarlo per ridurre il rischio di passaggio di sostanze chimiche dall’imballaggio all’alimento

L’Agenzia nazionale francese per la sicurezza alimentare (ANSES) ha diffuso i risultati di uno studio sui rischi connessi alla cottura in forno a microonde dei cibi confezionati, che sono sempre più diffusi per la loro praticità. Lo studio, condotto in collaborazione con l’Institut national de la consommation, ha voluto valutare il rischio di passaggio di sostanze chimiche dall’imballaggio all’alimento. La …

Continua »

Bisfenolo A e spreco alimentare, il Consiglio costituzionale francese boccia una legge e mezzo

Il Consiglio costituzionale francese ha bocciato una parte della legge del 2012, in vigore dal gennaio di quest’anno, che vietava produzione, commercializzazione, importazione ed esportazione di contenitori alimentari contenenti Bisfenolo A (sostanza classificata come interferente endocrino, in grado di influenzare il metabolismo dell’organismo e del sistema immunitario, e utilizzata per produrre plastiche e resine). Resta in vigore il divieto di …

Continua »

Campylobacter nel pollo in Gran Bretagna: contaminato il 73% dei campioni

La britannica Food Standards Agency (FSA) ha pubblicato un rapporto sulle analisi condotte nell’arco di un anno  (febbraio 2014 – marzo 2015) per rilevare la presenza di Campylobacter nel pollo fresco venduto in Gran Bretagna.  Dai risultati emerge che il 19% è fortemente contaminato e il 73% contaminato. Per quanto riguarda il packaging, lo 0,1% degli imballaggi è risultato molto …

Continua »
gamberetti gamberi crostacei pesce

Crostacei crudi: il consumo può causare enteropatie. L’IZSVe consiglia di cuocere gamberi, granchi e gamberetti

Negli ultimi anni, lungo le coste italiane e in particolare lungo quelle del Nord Adriatico, si è diffusa l’abitudine di consumare i crostacei crudi, soprattutto scampi e gamberetti, che possono essere fonte di tossinfezioni, per la presenza di tossine o microrganismi patogeni per l’uomo. Tra questi, alcuni vibrioni (Vibrio cholerae, Vibrio parahaemolyticus e Vibrio vulnificus) sono responsabili di episodi anche gravi, che si verificano quando si …

Continua »
Genetic engineering

Clonazione animale: il Parlamento europeo chiede divieti più forti. Approvata una relazione che modifica la direttiva della Commissione Ue

Il Parlamento europeo ha votato sulla proposta di direttiva della Commissione europea sulla clonazione animale, chiedendone un rafforzamento. Attualmente la clonazione non è utilizzata a fini di allevamento nell’Unione europea ma lo è in altri paesi come gli Usa, il Canada, l’Argentina, il Brasile e l’Australia. La proposta della Commissione intende vietare la clonazione a fini agricoli “temporaneamente” ma gli …

Continua »
insalata

Insalata: come lavarla? È meglio quella pronta in busta? La ricerca dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie

Insalata pronta in busta o da lavare? Cos’è meglio comprare dal punto di vista della sicurezza alimentare? L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie ha pubblicato i risultati di un’indagine su questi prodotti e sulle abitudini degli italiani. Lo studio ha preso in esame 207 lotti di insalata, 52 di prima gamma (quella fresca che si trova nel reparto ortofrutta), e 155 …

Continua »

Conserve fatte in casa. Tutte le regole da seguire raccomandate dall’Istituto superiore di sanità per evitare contaminazioni e botulino. Seconda parte

Per aiutare chi si sta cimentando nella preparazione di conserve tra le mura domestiche in fatto di sicurezza alimentare, l’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l’Università di Teramo e il Centro antiveleni di Pavia, ha redatto tempo fa un vademecum di 116 pagine con le linee guida da seguire per scongiurare lo sviluppo di muffe, batteri e botulino. Abbiamo …

Continua »

Ostriche e norovirus: non andrebbero mai consumate crude. Il mollusco è considerato un veicolo naturale del virus.

Le ostriche (e probabilmente anche gli altri molluschi marini)  sono il veicolo di trasmissione del temibile norovirus e anche un serbatoio naturale. Per questo motivo non andrebbero mai consumate crude anche se questo comportamento stride con molte abitudini e tradizioni culinarie. È il severo monito di uno studio pubblicato su Applied and Environmental Microbiology dai ricercatori dell’Università Oceanografica di Shangai, in …

Continua »

Aldeide perillica: l’aroma che procura danni al DNA nel fegato va eliminato dagli alimenti

L’associazione europea degli aromatizzanti (European Flavour Association – EFFA) sta giocando d’anticipo e ha chiesto ai propri associati di eliminare l’aldeide perillica dalle proprie formule e di cercare dei sostituti di questa sostanza. La richiesta di non usare più l’aroma arriva in seguito  al parere scientifico dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa), secondo cui la sostanza aromatizzante nota come …

Continua »
arsenico

Cuocere il riso con il sistema di percolazione usato per il caffè rimuove l’85% dell’arsenico inorganico

Alcuni ricercatori della Queen’s University di Belfast hanno individuato un metodo di cottura del riso, basato sulla tecnica della percolazione – come avviene nelle caffettiere domestiche – che consente di ridurre dell’85% il suo contenuto di arsenico inorganico, grazie al fatto che l’acqua di cottura viene fatta passare attraverso il riso in un flusso costante. Questo risultato è stato ottenuto …

Continua »
oli parzialmente idrogenati

Gli oli parzialmente idrogenati, alla base di molti acidi grassi trans, sono stati vietati in USA. La Food and Drug Administration li ha dichiarati non salutari

La Food and Drug Administration, l’agenzia per la sicurezza alimentare americana, ha ufficialmente dichiarato gli oli parzialmente idrogenati non salutari e quindi dovranno essere eliminati da ogni prodotto commestibile. Questo tipo di grassi, detti anche PHOs (partially hydrogenated oils), costituisce la fonte primaria di grassi trans nella dieta di un americano per quanto riguarda i cibi processati  e causa gravi problemi cardiovascolari. La …

Continua »

TTIP: un’occasione da non perdere. Intervista esclusiva a Paola Testori Coggi, già Direttore generale Salute e Consumatori della Commissione europea

Nel mese di luglio, il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione sui negoziati relativi al Trattato di libero scambio tra UE e Usa (TTIP), in corso da due anni e ormai giunte alla decima tornata. Il Parlamento ha dato via libera al proseguimento dei negoziati, con diverse raccomandazioni alla Commissione UE sui temi agroalimentari e con la richiesta di modificare …

Continua »

Frutta e verdura fresca confezionata, pronta al consumo e insalate in busta: entra in vigore la nuova normativa

Dal 13 agosto 2015 ci saranno novità per i prodotti ortofrutticoli di IV gamma, cioè quelli pronti al consumo come insalate in busta, le macedonie, ecc: diventeranno infatti vincolanti i nuovi parametri igienico sanitari e le nuove etichette. Su Il Fatto Alimentare avevamo già parlato di questi criteri poco dopo il varo della legge 77/2011 del 13 maggio 2011 (“Insalate in busta: …

Continua »