Home / Sicurezza Alimentare / Listeria nel salmone affumicato: quattro morti in Europa. Individuato il focolaio in uno stabilimento polacco

Listeria nel salmone affumicato: quattro morti in Europa. Individuato il focolaio in uno stabilimento polacco

salmone affumicatoUn focolaio di listeriosi ha investito tre Paesi europei – Danimarca, Germania e Francia – colpendo 12 persone, di cui quattro sono decedute. A causare il contagio, secondo le autorità sanitarie danesi, sarebbe stato il salmone affumicato a freddo prodotto in Polonia dall’azienda BK Salmon. Lo rivela un report congiunto dell’Autorità per la sicurezza alimentare (Efsa) e del Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ecdc).

Analisi di laboratorio hanno confermato che, in tutti i casi, è stato lo stesso ceppo a causare il contagioLe infezioni da Listeria monocytogenes sono state registrate tra l’ottobre 2015 e il maggio 2018. I Paesi più colpiti sono Danimarca e Germania, che contano rispettivamente sei e cinque casi, mentre in Francia si è verificata una sola infezione, causata da una confezione di salmone marinato prodotta nello stesso stabilimento polacco.

Secondo l’Ecdc con tutta probabilità esiste una contaminazione ambientale nell’impianto polacco dove viene prodotto  il salmone affumicato. Controlli svolti nello stabilimento hanno confermato la presenza del batterio nell’ambiente, anche se fino ad ora  non è stato possibile accertare il ceppo rilevato nelle persone colpite. A questo punto delle indagini, però  non si può escludere una contaminazione dei salmoni provenienti dalla Norvegia.

Le allerta per la presenza di Listeria monocytogenes nel salmone affumicato sono ricorrenti. La Listeria è un batterio che resiste e si riproduce anche alle temperatura del frigorifero, e per inattivarlo è necessario raggiungere i 70°C per almeno 10 secondi. Il rischio che si sviluppi la Listeria nel salmone si riduce quando il processo di affumicatura viene eseguita a caldo, perché le alte temperature usate durante il procedimento la inattivano, cosa che però non accade con quella a freddo, sempre più utilizzata, soprattutto per il salmone nordeuropeo. In ogni caso è importante conservare il salmone affumicato alla temperatura più bassa possibile tra 0 e 4° e consumarlo molto prima della data di scadenza indicata sulla confezione.

Tra il 2015 e il 2018 un’altra contaminazione ambientale persistente da Listeria, questa volta in uno stabilimento  di verdure surgelate, ha provocato un’epidemia di listeriosi che ha colpito cinque Paesi europei ed è giunta fino in Australia, provocando 54 contagi e 10 morti con un richiamo di surgelati su scala mondiale, con ben 107 Paesi coinvolti.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Simple white cake with glaze on a gray background.

Biossido di titanio, uno studio mette in dubbio le ragioni del divieto francese. Ma spuntano finanziamenti dell’industria…

La decisione del governo francese di vietare il biossido di titanio (noto anche come E171) da …