Home / Sicurezza Alimentare / Verdure surgelate: la fonte di contaminazione da Listeria è un tunnel di surgelazione. 54 contagi, 10 morti

Verdure surgelate: la fonte di contaminazione da Listeria è un tunnel di surgelazione. 54 contagi, 10 morti

Frozen Mixed VegetablesA distanza di due mesi dal maxi-richiamo di verdure surgelate in diversi Paesi, è stata finalmente individuata la fonte della contaminazione da Listeria monocytogenes. Greenyard, l’azienda belga proprietaria dello stabilimento di Baja (Ungheria) in cui sono stati prodotti i surgelati coinvolti, ha dichiarato di aver scoperto una presenza persistente di Listeria in un tunnel di surgelazione. Alla fine del mese di agosto, l’azienda aveva fatto sapere di essere pronta a ricominciare la produzione nello stabilimento.

La verdura surgelata contaminata è stata collegata a un focolaio di listeriosi, che a partire dal 2015 ha provocato 54 casi, di cui 10 fatali, in sei paesi: Austria, Danimarca, Finlandia, Regno Unito, Svezia e Australia. L’ultimo caso accertato si è verificato nel maggio 2018. Le indagini epidemiologiche hanno individuato in un primo tempo il contagio  in alcuni lotti di  mais surgelato prodotto in Ungheria e confezionato in Polonia, e poi in un secondo momento in altri prodotti provenienti dallo stabilimento Greenyard di Baja.

L’epidemia ha fatto scattare il richiamo di tutti i surgelati prodotti nell’impianto ungherese tra l’agosto 2016 e il giugno 2018, quando lo stabilimento è stato chiuso dalle autorità sanitarie per accertare la fonte della contaminazione. I prodotti potenzialmente contaminati erano stati distribuiti in 116 Paesi del mondo, tra cui l’Italia, dove è scattato il richiamo per il mais e il mix di verdure surgelate vendute da Lidl con i marchi Green Grocer’s e Freshona, quattro minestroni a marchio Findus e delle verdure surgelate miste a marchio Pinguin.

Il batterio Listeria monocytogenes è in grado di crescere e riprodursi anche alle normali temperature del frigorifero domestic,  e di sopravvivere a quelle del congelatore. Per questo motivo è importante cucinare accuratamente i surgelati non pronti al consumo, come indicato anche sulle confezioni: a temperature superiori a 65°C per neutralizzare il batterio.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

capsule curcuma integratori alimentari

Curcuma, integratori ed epatite: naturale non vuol dire innocuo. Attenzione all’uso prolungato: problemi al fegato per il 5% dei consumatori

Dalla segnalazione dei primi due casi di epatite colestatica acuta avvenuta lo scorso 13 maggio, …

Un commento

  1. Ok per cuocere bene le verdure surgelate, ma per la frutta surgelata/congelata da impiegare fredda in pasticceria e gelateria cosa si potrà mai fare?
    Ricordo l’epidemia di epatite causata da frutti di bosco surgelati, in molte migliaia di consumatori europei qualche anno fa e che si era protratta e ripetuta per più di un anno prima che s’identificasse l’origine del contagio.
    Impianti industriali di trattamento mal gestiti, anche perché di non facile gestione sanitaria, per le dimensioni e la complessità delle strutture a contatto con gli alimenti.
    Naturalmente più sono bassi e competitivi i prezzi sul mercato all’ingrosso, più sono le scorciatoie ed i risparmi per essere competitivi, a danno dei concorrenti e dei consumatori.