Home / Sicurezza Alimentare / Le malattie trasmesse dal cibo nei paesi a basso-medio reddito costano 110 miliardi di dollari l’anno. Rapporto della Banca Mondiale

Le malattie trasmesse dal cibo nei paesi a basso-medio reddito costano 110 miliardi di dollari l’anno. Rapporto della Banca Mondiale

Uno studio della Banca Mondiale indica che le malattie di origine alimentare, causate da cibi insicuri, costano circa 110 miliardi di dollari l’anno alle economie dei Paesi a reddito medio-basso, di cui 95,2 miliardi per perdita di produttività e 15 miliardi di spese mediche. Gran parte di questi costi potrebbero essere evitati migliorando il modo in cui gli alimenti sono gestiti lungo la catena che li porta dai campi alla tavola. Le aree più colpite sono l’Asia e l’Africa Sub-Sahariana, in cui abita il 41% della popolazione mondiale ma dove si registrano il 53% delle malattie di origine alimentare e il 75% delle morti associate ad esse.

Nel rapporto, intitolato The Safe Food Imperative: Accelerating Progress in Low- and Middle-Income Countries, la Banca Mondiale osserva che, oltre ai costi sanitari e di perdita di produttività, le malattie causate da cibi insicuri provocano anche danni ai mercati e alle esportazioni agro-alimentari di queste regioni, che dedicano scarse risorse alla sicurezza alimentare e tendono a reagire alle epidemie, anziché agire sulla prevenzione lungo tutta la catena alimentare.

Secondo Steven Jaffee, capo economista dell’agricoltura presso la Banca Mondiale e coautore dello studio, i Paesi a medio-basso reddito non devono solo investire di più nella sicurezza alimentare, ma devono farlo anche in modo più intelligente. “Questo significa investire in conoscenze di base, risorse umane e infrastrutture, realizzare sinergie tra investimenti in sicurezza alimentare, salute umana e protezione ambientale, utilizzando gli investimenti pubblici per sfruttare gli investimenti privati”. Si tratta di cambiare l’approccio tradizionale, incentrato sulla verifica del rispetto delle normative attraverso test di prodotto, ispezioni di strutture alimentari, applicazione di sanzioni legali e finanziarie in caso di infrazioni. “I risultati della regolamentazione dovrebbero essere misurati in termini di imprese conformi, consumatori fiduciosi e miglioramento della sicurezza alimentare, piuttosto che con il numero di multe o di imprese chiuse”, afferma Jaffee.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

A handful of turmeric capsules with the contents of one spilled

Integratori a base di curcuma tutti assolti: nessuna contaminazione. Il ministero della Salute richiede avvertenze per le persone a rischio

Dopo due mesi e mezzo si sono concluse le indagini sugli integratori a base di …