Home / Archivio dei Tag: origine (pagina 4)

Archivio dei Tag: origine

Olio Monini: l’extravergine prima era “100% italiano” poi è diventato olio “dell’Unione europea”. Una lettrice chiede chiarimenti. Risponde l’azienda

Vi scrivo per segnalarvi questa spiacevole sorpresa: mi trovo a Parigi per motivi di studio, e ho cercato a lungo un olio extravergine d’olivo decente, finalmente ho trovato il Monini classico. Addirittura nell’etichetta si dichiarava 100% italiano! E, devo dire, era il più buono fra quelli che ho assaggiato (Carapelli compreso). Oggi al supermercato lo ricompro, senza nemmeno osservare l’etichetta, …

Continua »

Italian sounding: le scritte sulla confezione rimandano all’Italia, ma la merendina è stata prodotta in Germania. L’avvocato Dario Dongo risponde a un lettore

Buongiorno, ho acquistato questa confezione di merendine  in un supermercato della catena LIDL Svizzera. Mi domando se sia corretto la scritta  Firenze”  che compare con una certa evidenza nel marchio, visto che si tratta di un prodotto fabbricato in Germania, come riportato sul retro dell’etichetta. Alberto Risponde l’avvocato Dario Dongo esperto di diritto alimetnare : Gentile Alberto, forse non tutti sanno che – o …

Continua »

L’80% dei consumatori vorrebbe poter scegliere di mangiare italiano. I risultati della consultazione del Ministero delle politiche agricole

Volendo allinearsi ai principi generali dell’Unione europea, dove la condivisione dei contenuti delle decisioni pubbliche costituisce da tempo una prassi consolidata, il Ministero delle politiche agricole ha organizzato una consultazione pubblica sulla tracciabilità dei prodotti alimentari, l’indicazione d’origine e la trasparenza delle informazioni in etichetta, a cui hanno partecipato 26.500 persone.   Oltre il 96% dei consumatori ha dichiarato che …

Continua »

Israele o Cisgiordania? 16 ministri europei chiedono che venga indicata in etichetta l’origine dei prodotti dai territori occupati illegalmente da Tel Aviv

“Made in Israel” o in “Made in Cisgiordania”? 16 paesi dell’Ue, tra cui l’Italia, hanno scritto all’Alto rappresentante della politica estera europea, Federica Mogherini, perché venga indicata in etichetta l’origine dei prodotti provenienti dai Territori occupati da Israele. I ministri di Italia, Francia, Gran Bretagna, Spagna, Belgio, Svezia, Malta, Austria, Irlanda, Portogallo, Slovenia, Ungheria, Finlandia, Danimarca, Paesi Bassi e Lussemburgo …

Continua »

In etichetta l’origine della carne utilizzata nei piatti pronti: è una richiesta approvata dal Parlamento europeo. Il 90% dei consumatori desidera ricevere questa informazione

Le carni utilizzate come ingredienti nei prodotti alimentari trasformati dovrebbero prevedere l’indicazione del paese di origine sulle etichette. Quel che avviene già per le carni bovine fresche dovrebbe valere anche per prodotti come piatti pronti e surgelati, dalle lasagne fino ad hamburger e crocchette di pollo. È quanto chiede una risoluzione approvata dal Parlamento europeo con 460 voti a favore, …

Continua »

Etichette della carne: arriva l’origine per polli, maiali, pecore e capre. Come leggere le nuove indicazioni su allevamento e macellazione

Novità in arrivo per l’etichettatura delle carni. È stato approvato, ed entrerà in vigore dall’aprile 2015, un nuovo regolamento sulle etichette della carne di suino, ovino, per i volatili e la carne di capra sia fresche che refrigerate e/o congelate. Si tratta dell’ultima tappa di un lungo percorso, in cui sono state prese in considerazione diverse modalità di etichettatura, per …

Continua »

Il cappuccino, gli spaghetti lo spritz e la pizza: qual è l’origine e il segreto del loro successo? Ce lo racconta il libro “Il genio del gusto”

Dietro il successo del made in Italy a tavola utilizzato da molte imprese italiane per  imporsi sul mercato internazionale c’è una storia di secoli.  Lo racconta il nuovo libro edito da Garzanti Il genio del gusto, che raccoglie una serie di vicende avventurose di questa nostra storia. L’autore dell’ appassionante enciclopedia gastronomica, Alessandro Marzo Magno, giornalista e storico, ha scelto quindici  storie …

Continua »

Tutti i segreti delle etichette alimentari: le novità del nuovo regolamento europeo. Scritte saranno più grandi e indicazione del tipo di grasso

Le etichette degli alimenti cambieranno a partire dal 14 dicembre 2014. Con l’entrata in vigore del Regolamento europeo 1.169 finalmente le scritte sulle confezioni diventeranno leggibili grazie all’obbligo di una grandezza minima per il carattere. Un’altra novità riguarda i grassi vegetali che dovranno precisare se sono di palma, di cocco, ecc… Il video del programma Consumi&Consumi di RaiNews24, a cura …

Continua »

Il “made in Italy” e l’illusione della qualità: un lettore contesta la superiorità a priori degli alimenti nazionali

grano campo agricoltura 146785820

Personalmente sostengo la tesi che non è certo l’origine di un prodotto a renderlo qualitativamente di pregio. Inoltre nella situazione in cui siamo ha contribuito senza dubbio anche la politica agricola comune (PAC). Ma non sempre in modo negativo a mio parere. L’ho detto commentando l’articolo “Pasta De Cecco: se il grano non è tutto italiano, è corretto scrivere made …

Continua »

La mozzarella del “Caseificio Pugliese” è fatta con latte piemontese! È tutto regolare? Risponde l’avvocato Dongo

Mia madre ha acquistato al supermercato una mozzarella dell’azienda Caseificio pugliese. Non osservando bene l’etichetta ha scelto questa mozzarella pensando fosse della Puglia (come suggerito dall’enorme logo aziendale)… immaginate il suo stupore quando ha letto “prodotta a Torino”. È tutto corretto ? M. C.   Abbiamo rivolto la domanda al produttore che così ha risposto. La denominazione “Caseificio Pugliese” che ci …

Continua »

Pasta De Cecco: se il grano non è tutto italiano, è corretto scrivere “made in Italy”? Risponde l’azienda

Sulla pasta De Cecco c’è la frase “made in Italy” sotto la bandiera tricolore. qualche tempo fa, se non sbaglio, all’azienda Voiello è stato proibito di inserire il riferimento all’Italia perché il grano utilizzato non era italiano. Per il grano De Cecco credo valga la stessa cosa anche perché in etichetta non è indicata la provenienza, né il sito internet …

Continua »

“Origini trasparenti”: la nuova campagna Coop permette ai clienti di conoscere la provenienza delle materie prime

Coop lancia la nuova campagna “Origini Trasparenti” che si propone di indicare l’origine delle materie prime su oltre 1.400 prodotti confezionati con il marchio dell’insegna. Le informazioni si potranno trovare in tempo reale sul sito e anche presso i punti vendita della catena che ospiteranno depliant, cartelloni e in alcuni casi anche computer a disposizione dei clienti per fare i controlli. …

Continua »

Fish Burger, i nuovi filetti di Merluzzo Capitan Findus per il panino? Poco più della metà è pesce, troppo sodio e il prezzo è impegnativo

Capitan Findus ha lanciato a settembre il nuovo burger di pesce, all’interno della grande famiglia dei secondi piatti a base di pesce panato, sulla scia dei famosissimi bastoncini.   Sulla confezione del nuovo prodotto si fugano alcuni dubbi dei consumatori, offrendo la specificità del merluzzo utilizzato, Merluzzo d’Alaska (Theragra Chalcogramma, pesce di cui si parla su Il Fatto Alimentare in …

Continua »

Il merluzzo d’Alaska da dove viene? Il dubbio di una lettrice sulla denominazione in etichetta. Risponde Eurofishmarket

merluzzo pesce impanato 183597314

Sono una dietista e consumatrice consapevole (spero), ho notato che leggendo attentamente le etichette delle preparazioni di filetto di merluzzo panati (tipo bastoncini, crocchette o croccole etc..) il pesce non è merluzzo come indicato nella confezione, ma merluzzo d’Alaska (Theragra chalcogramma) quindi, correggetemi se sbaglio, non si tratta di merluzzo. Il consumatore potrebbe pensare che la denominazione merluzzo d’Alaska indichi …

Continua »

I segreti dell’olio extra vergine italiano: la differenza tra “provenienza” e “imbottigliamento”

video-olio-toscano

L’Olio extra vergine di oliva toscano è tra i più apprezzati, insieme a quello ligure, umbro e delle colline del Garda. Eppure rappresentano meno del 6,5% della produzione nazionale. Mentre ben il 70% proviene da Puglia, Calabria, Sicilia e Campania. I valori si invertono se si considerano le percentuali relative alla vendita di olio confezionato.   Un’altra realtà poco conosciuta …

Continua »