Home / Lettere / Yogurt Alce Nero: qual è l’origine del latte? Discordanze in etichetta. La risposta dell’azienda

Yogurt Alce Nero: qual è l’origine del latte? Discordanze in etichetta. La risposta dell’azienda

YogurtUn lettore ci ha scritto per segnalarci un’incongruenza tra le scritte presenti sulla confezione di yogurt della marca Alce Nero. Di seguito pubblichiamo la lettera con la risposta dell’azienda.

Acquistando regolarmente il prodotto di Alce Nero Yogurt bianco intero con “Latte Fieno STG” biologico, che l’etichetta specifica provenire solo da allevamenti dell’Alto Adige, mi sono accorto che mentre sul packaging di carta è scritto Agricoltura Italia, sui tappi in alluminio delle singole confezioni compare  la dicitura “agricoltura UE/NON UE”. Ho scritto all’azienda senza successo. Questa cosa mi ha infastidito parecchio. Le diciture non mi  sembrano molto corrette.

Lo yogurt Alce Nero è prodotto con “Latte Fieno STG” biologico italiano

La risposta dell’azienda Alce Nero.

La ringraziamo molto per la sua segnalazione e ci scusiamo per il ritardo nella risposta. Abbiamo provveduto a effettuare una verifica riscontrando un effettivo errore nella stampa di alcune capsule. Ci teniamo a precisare che l’errore è presente solamente nella capsula interna del prodotto e che tutte le informazioni visibili al momento dell’acquisto della confezione (l’unità di vendita) risultano corrette; tra queste è presente, come richiesto dal DM 9/12/2016, anche l’origine del latte che confermiamo essere Italiano.Ne approfittiamo inoltre per segnalare che abbiamo immediatamente provveduto alla correzione delle capsule errate, inserendo la corretta indicazione “Agricoltura Italia”.

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Cattivo odore per i semi di lino. La segnalazione di una lettrice e la risposta della catena di supermercati In’s Mercato

Di seguito pubblichiamo la segnalazione di una lettrice circa il cattivo odore in una confezione …

Un commento

  1. Avatar
    Massimiliano Pasquini

    Una azienda che risponde ad un CLIENTE solo perché “sollecitata” da Il fatto alimentare, mi lascia molto perplessa.