Home / Etichette & Prodotti / Etichette alimentari: come dovrebbero essere? La parola ai consumatori con il questionario online di Ismea

Etichette alimentari: come dovrebbero essere? La parola ai consumatori con il questionario online di Ismea

Etichette alimentariL’ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) ha lanciato una consultazione pubblica online sull’etichettatura dei prodotti agroalimentari. L’obbiettivo è di raccogliere il parere dei cittadini/consumatori e degli operatori delle filiere agroalimentari, per comprendere il bisogno di informazione su argomenti quali l’origine della materia prima, il luogo di lavorazione e di confezionamento, al fine di migliorare le informazioni riportate sulle etichette alimentari e consentire un acquisto più consapevole. Pochi semplici quesiti che danno la possibilità agli italiani di esprimere la propria opinione e dare un indirizzo sulle future scelte politiche e legislative sulla materia.

Un’etichettatura completa ed esaustiva dei prodotti agroalimentari coinvolge direttamente gli interessi degli attori (produttori, trasformatori, confezionatori, ecc.) delle filiere agroalimentari, tenuti ad adeguarsi alle norme, sia il consumatore.

Il questionario servirà per ricevere il numero più elevato di contributi sull’importanza dell’indicazione dell’origine dei prodotti alimentari e della materia prima agricola utilizzata nella loro preparazione. La consultazione ha come destinatari tutti coloro che sono direttamente o indirettamente interessati al tema e hanno voglia di esprimere la propria opinione – siano essi singoli cittadini-consumatori od operatori delle filiere agroalimentari -, per contribuire a indirizzare le future scelte politiche e legislative sulla materia.

La partecipazione è estremamente semplice, basta cliccare al link del questionario e rispondere alle domande.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Two pretty female sisters go shopping together, stands in grocer`s shop, select fresh milk in paper container, read label, carry rucksacks, have serious expressions. People and commerce concept

L’assurda proposta italiana dell’origine di tutti gli ingredienti obbligatoria in etichetta bocciata da Bruxelles

L’origine di tutti gli ingredienti in etichetta? Non si può fare. Come era stato ampiamente …

Un commento

  1. per ricevere il numero più elevato di contributi sull’importanza dell’indicazione dell’origine dei prodotti alimentari e della materia prima agricola utilizzata nella loro preparazione. avrebbero dovuto pubblicizzare l’iniziativa tra associazioni di consumatori ordini professionali associazionio di produttori, in realtà in un paese in cui serve la lente di ingrandimento per leggere gli ingredienti di un prodotto che vengono tra l’altro poco precisati nelle percentuali utilizzate …sapere se vengono da destra o da sinistra è davvero secondario